HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

RICERCA, INDIVIDUAZIONE, SUONO, PAROLA – PostPopuli


Riporto integralmente questo post di Giovanni “Kosmos” Agnoloni preso dal blog multiautoriale PostPopuli, con cu Kosmos collabora. È breve, ma significativo, e intensamente connettivo.

L’arte è una ricerca. E la ricerca è un’arte. La chiave è l’individuazione. Nella psicologia junghiana questo è un processo/percorso che porta alla graduale messa a fuoco del nucleo dell’identità, il Sé, mediante la progressiva presa di coscienza degli aspetti di Ombra che ci impediscono di lasciarla emergere.

In altre parole, la questione è: liberarsi dell’Ego, delle maschere/proiezioni/false credenze che non ci dicono nulla su chi siamo (e cosa possiamo fare) veramente. Questo è il livello al quale si prende coscienza della ferita dell’anima: momento cruciale in ogni percorso creativo, per sciogliere le energie bloccate e farle confluire in un’esperienza costruttiva e per sua natura, e quasi paradossalmente, tanto centrata sul profondo di se stessi quanto aperta all’Altro.

Chi si dedica a un’attività artistica, di qualunque tipo, svolge bene il suo compito se traduce immediatamente i “grumi dell’essere” in suoni e parole. In questo senso, l’opera di un musicista e quella di uno scrittore seguono “logiche” simili. Ogni parola (in ogni lingua) ha una sua nota specifica, che deriva dalla sua radice semantica. Così, ogni nota in quanto espressa in un certo momento e con un certo timbro, veicola uno specifico stato d’animo, ovvero una vibrazione.

Cogliere la parola/nota “giusta” significa calarsi in una zona del proprio essere molto calma e silenziosa, nonostante il trambusto che la può sconvolgere: e lo è nella misura in cui i significati, ovvero le vibrazioni nette, pure, senza compromessi, sono chiare al di là di ogni possibile confusione. Significa, dunque, fare un’opera di profonda onestà con se stessi e dirsi le cose come stanno, raccogliendo un messaggio di cui, in definitiva, non siamo autori, ma tramiti.

Le note, il suono e la parola ne deriveranno automaticamente, e avranno il sapore (e l’efficacia) di un messaggio inequivocabile.

About these ads

3 commenti»

  giovanniag wrote @

Grazie mill., Zoon,

  zoon wrote @

a te, a te :) e complimenti per il post, molto bello

  giovanniag wrote @

Grazie davvero. Ne seguiranno altri, per elaborare la mia poetica connettiva.


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 280 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: