HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Cyberpunk

Kipple presenta The Origins, viaggio agli albori del Connettivismo | Kipple Officina Libraria


[Letto su KippleBlog]

The Origins
Sandro Battisti | Giovanni De Matteo | Marco Milani
Special Guest Lukha B. Kremo

Kipple Officina Libraria prosegue la nuova stagione editoriale con The Origins, lavoro in CovereBook a otto mani in cui si ripercorre la parabola del Connettivismo a partire dai suoi esordi. Sandro Battisti, Giovanni De Matteo, Marco Milani, con la partecipazione speciale di Lukha B. Kremo, ci portano alle origini del viaggio, lì dove tutto ha avuto inizio. Una rassegna di diciassette racconti, alcuni ancora inediti, a cura di Marco Milani e introdotta da un testo di Lukha B. Kremo.

Con orgoglio vi presentiamo il Connettivismo.

Sinossi

Cosa c’era prima del Connettivismo? Allacciate le cinture e preparatevi a scoprirlo: questo è un viaggio nel mondo della Fantascienza attraverso l’arco del Fantastico, che apre una panoramica sugli approcci e le tematiche di Sandro Battisti, Giovanni De Matteo, Marco Milani e Lukha B. Kremo, prima che l’unione di intenti e forze creative generasse l’avventura connettivista. Diciassette racconti – in una selezione di testi editi e inediti – tracciano una traiettoria verso l’oltre e i territori non ancora cartografati del Fantastico. Leggi il seguito di questo post »

Data Cuisine, Infographics Improves Their Flavour | Neural


[Letto su Neural.it]

Nell’epoca della sovrabbondanza di dati, dove tutto, comprese le nostre abitudini e disgrazie, diventa materiale da digitalizzare, misurare e confrontare; sempre più importante diventa l’infografica, ovvero il modo di rappresentare questi dati. Lo specialista del settore, il data visualizer Moritz Stefaner e il collettivo Prozessagenten hanno realizzato un progetto che fonde la cucina (elemento cardine di molte culture, nonché campo sempre più apprezzato anche dai più giovani e non solo da chi la sceglie come mestiere) all’infografica. Si tratta di Data Cuisine, un progetto di workshop itineranti durante i quali si prendono in considerazione dati statistici del Paese ospite e li si rappresenta in piatti da portata. Il workshop si divide in due fasi: nella prima ci si concentra sulla scelta dei dati da rappresentare e sul modo migliore per farlo, rispettando tematiche e tradizioni legate al territorio; nella seconda fase l’analisi lascia spazio alla pratica e, sotto la guida di uno chef, si segue il percorso creativo atto a realizzare col cibo, grafici e rappresentazioni dei dati analizzati. Ciò che ne deriva è un sorprendente Data Menù, ricco di colori, sapori, forme ed interpretazioni che danno nuova vita alle – solitamente poco attraenti – analisi statistiche. Ed è così che la percentuale di uomini o donne che fanno sesso al primo appuntamento, in Spagna, viene rappresentata da una serie di noodle azzurri o rosa, adagiati sul piatto solitari oppure fittamente intrecciati; mentre il consumo di alcool in Finlandia diventa una mappa di bicchierini più o meno pieni di birra, vino o superalcolici che indicano il consumo diviso per regione. Indubbiamente, una nuova frontiera del comunicare.

Intervista a Dario Tonani: un disco volante è finalmente atterrato a Lucca | Penne Matte


Nuova intervista a Dario Tonani su PenneMatte. Lo stato di salute della SF italica è il centro della chiacchierata e Dario sottolinea come i tempi stiano cambiando:

Dario, com’è cambiata la fantascienza italiana con Internet?
Si è fatta meno autoreferenziale. Quello fantascientifico è sempre stato un ambito chiuso e con pochi sbocchi. Al di fuori delle riviste specializzate e delle grandi pubblicazioni, era difficile farsi conoscere. Con la rete e, soprattutto con i social, il genere si è allargato e oggi direi che, rispetto al passato, la fantascienza italiana sta vivendo un periodo fortunato. Prova ne sono i diversi autori tradotti all’estero.

Per quanto riguarda le tematiche, che cambiamenti si registrano?
La più grande novità è che ora ambientiamo le storie in Italia. Prima era impensabile. Ricordi la battuta di Fruttero & Lucentini? “Un disco volante non può atterrare a Lucca“. Non solo gli autori italiani ambientavano storie all’estero, ma si firmavano spesso con pseudonimi inglesi. Ora l’Italia è protagonista di questo genere. Lo testimoniamo autori come Giovanni “X” De Matteo, Lanfranco Fabriani, Francesco Verso, Massimo Mongai e Francesco Troccoli. Autori che non sempre ambientano le loro storie in Italia, ma hanno fatto dell’italianità una loro costante.

Quindi, la fantascienza non è morta.
Assolutamente no. Quest’anno sono stato alla WorldCon di Londra e l’idea che circola è che la fantascienza inglese stia vivendo un nuovo periodo d’oro. In Italia è un genere che funziona poco in libreria e meglio in edicola, ma con la rete le cose stanno cambiando.

Ayria – My Device


Elemento electrogoth si stagliano nel mood iperconnesso, carne come devices.

Appuntamento con Giovanni De Matteo


Sabato mattina, 27 settembre, alle 10.00 Giovanni “X” De Matteo sarà ospite, a Matera, insieme a Donato Altomare (presidente della World Science Fiction Italia) dell’incontro “Sud e Fantascienza, un futuro post cyberpunk“, organizzato presso l’Istituto Tecnico Economico e Tecnologico Loperfido – Olivetti nell’ambito dell’XI edizione del Women’s Fiction Festival. Modererà Filippo Radogna.

Mi piacerebbe molto essere lì, chi può vada ad assistere, e a immedesimarsi nel flusso…

Apparati d’impianto


Un respiro marcato segna l’ingresso della percezione estatica, rimangono puri dissensi sull’onda dell’empatia e trasportano lontano, oltre la comprensione aggiunta di apparati quantistici d’impianto.

Robot 72, disponibile in digitale ∂ Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione dell’uscita digitale di Robot 72, con all’interno due racconti Premi Nebula, contributi di Alberto Cola, Denise Bresci e tanti altri, con un lungo saggio di Giovanni “X” De Matteo e Salvatore Proietti sugli esseri artificiali. Numero eccellente, quindi; come sempre, del resto.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 269 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: