HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Oneroso


Oneroso lasciarsi andare alle onde solari e al calore, ma l’energia ha il suo fascino radiante, basta solo non esagerare…

Annunci

Manifestazioni del nulla


Mi lascio soffocare da inutili diatribe, rese istantanee dall’evanescenza delle orchidee di realtà profumate di nulla.

Dentro la compressione


Sei involuto, in una stretta agonizzante del suono esterno e modificato da lunghi iati compressi. Non esiste continuità.

Alphaxone – Reverse Echoes


Planetoidi di puro tempo, anziché di materia. E gli echi si riverberano come non dovrebbero.

Luca Cervini – NexHuman


Questa è la copertina per l’edizione australiana del romanzo Livido, di Francesco Verso; l’autore grafico è, fantastico interprete, Luca Cervini, già avvezzo alle delizie e deliri dei connettivi. Complimenti a entrambi gli artisti, che sia un successo!

Vitor Joaquim – Impermanence | Neural


[Letto su Neural]

Prende subito una sensazione d’inquietudine all’ascolto di “Here and Now”, prima traccia di questa ultima fatica discografica di Vitor Joaquim, sound artist che ricordiamo soprattutto per le sue uscite su Knivitu, Feld e Crónica Electronica. Se negli ultimi anni molti sono stati i cambiamenti paradigmatici nelle arti, nella società in generale e nella vita quotidiana – per non parlare poi di certi esiti prima inimmaginabili in ambito geo-politico – Joaquim sembra invece focalizzare la riflessione sulla mutazione a un livello molto più intimo e a suo modo ancora prioritario e reattivo. Nelle dichiarazioni che accompagnano il progetto e negli stessi suoni profusi nell’album è infatti palpabile una decisa svolta di rotta rispetto ai precedenti lavori. Le ambientazioni, insomma, si sono fatte più cupe e introverse, pur rimanendo qualitativamente assai significative, con le trame dei suoni opportunamente giustapposte, l’inserimento di parti vocali alquanto effettate e con iterate melodie combinate ipnoticamente. Se l’attualità sembra oggi essere più prevedibile, è il tema della decomposizione però a diventare un nuovo pungolo per lo sperimentatore portoghese, un approdo a scenari ancora più rarefatti. L’impermanenza è allora una cornice, un contesto, una delle possibili forme della transitorietà dei fenomeni: eventi sonori che in alcuni passaggi sembrano anche prendere sembianze quietiste, ma che infine sempre evolvono, spesso anche imprevedibilmente. C’è un po’ d’Oriente e qualche suggestione space fra i solchi, a sprazzi influenze vagamente dub che fanno capolino per poi mutare e diventare qualcos’altro. Quello che ci riporta tuttavia alla cifra stilistica distintiva di Joaquim è l’utilizzo di vari campioni vocali modificati in stretto connubio con il resto dell’elettronica dipanata, una soluzione che lo appassionava già tempo fa, quando le cesure erano più ambient. L’attenzione per come le cose evolvono negli anni non è però di certo vissuta in maniera passiva: ne è prova anche la cura per l’artwork, improntato su una USB-pen Visacard, tutta bianca e in plastica trasparente, che contempla inoltre una produzione limitata con sculture acriliche di Gui Grazina. Parte dei testi – come non citarlo – sono estratti da un’intervista di Arvo Part, “Modern Minimalists, with Bjork”, così come altri sample vengono da una tape letter o da una voce femminile ad arte predisposta. L’effetto è sempre splendido e poetico, insomma un album assolutamente da ascoltare ed avere.

Shirley Jackson: abbandonarsi alla stranezza | Pulp libri


Su PulpLibri una lunga biografia, a cura di Walter Catalano, di Shirley Jackson, in parte già sviscerata su CarmillaOnLine. L’importanza della scrittrice statunitense è paradigmatica, in grado di definire attentamente i sensi sfuggenti di un mondo che apparentemente non esiste ma che, invece, devasta il nostro reale proprio con ciò che dovrebbe essere inesistente. Dobbiamo soltanto, quindi, metterci d’accordo su cosa è reale, su cosa è interiore e cosa esteriore. L’incipit della bio:

L’8 Agosto del 1965, quando inaspettatamente, a soli 48 anni, Shirley Jackson scomparve per un arresto cardiaco nel sonno, la diagnosi medica ufficiale parlò di occlusione coronarica dovuta ad arteriosclerosi e ipertensione cardiovascolare. Oltre che di certe incontinenze alcoliche e alimentari che la portarono a pesare più di un quintale già in giovane età però, la scrittrice fu probabilmente vittima soprattutto di quel Mother’s Little Helper – micidiale mistura di anfetamine, antidepressivi e barbiturici – che proprio l’anno successivo i Rolling Stones stigmatizzeranno nell’omonimo pezzo del loro album Aftermath. La droga delle casalinghe.

Con quattro figli di età diverse e un marito scrittore – il critico letterario, recensore su The New Yorker, e docente universitario Stanley Hyman – assolutamente deficitario in qualsiasi questione pratica e domestica (ma decisamente sveglio quanto a infedeltà coniugali con ex studentesse), Shirley fu per tre quarti della sua giornata ordinaria, a tutti gli effetti, un’indaffarata casalinga, costretta a ritagliarsi faticosamente i momenti liberi da poter dedicare alla creazione letteraria. Quando finalmente cominciò a guadagnare ben più del marito con il successo della sua narrativa – a partire dalla seconda metà degli anni Cinquanta – questi (autore di due monumentali lavori di saggistica, The Armed Vision: A Study in the Methods of Modern Literary Criticism, del 1947 e The Tangled Bank: Darwin, Marx, Frazer and Freud as Imaginative Writers, del 1962: testi critici di tutto rispetto ma non certo dei best seller) cominciò a rinfacciarle il tempo sprecato a scrivere lettere o qualsiasi altra cosa non fosse fiction vendibile. Mamma, moglie, casalinga (e quindi cuoca, colf, donna delle pulizie, autista, amministratrice domestica, ecc.) e insieme fonte principale di reddito familiare, non stupisce che le responsabilità, l’ansia e la frustrazione (il suo precoce decadimento fisico e le frequenti scappatelle del coniuge) abbiano minato profondamente e irreparabilmente la sua salute.

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

multa paucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Il fumetto quotidiano di Michele Nuzzi. Poche parole... solo per le opere per cui vale la pena spenderle... Sponsored by CSBNO

Il Caos dentro

...che genera una stella danzante

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

VOCI DAI BORGHI

PERDERSI TRA LE EMOZIONI DEI BORGHI ITALIANI

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

🇮🇹 27 y/o ♍ ✏ Drawing artist 📚 Cover artist Edizioni Underground? / Edizioni Open 🗨 Cartoonist 🌋 Sicilian blood ♥ Goth lover 📨evelynartworks@virgilio.it 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Sabbiature Magazine

Società, costume, cultura

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

"L'attualità tra virgolette"

Ottobre

Giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: