HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per maggio 4, 2011

Deep Vertigo


Fulminante: è la sensazione di vertigine dello spazio profondo. Contare euristicamente ogni punto luminoso fa parte di un codice umano di riconoscimento, atavico eppure potente, perché permette l’accesso alle porte conoscitive del postumano, quando egli osserva quantisticamente il reflusso del magma stellare dentro le sue cerebralità nanometriche.

Un’illusione dolente


Dovrei concentrarmi su un discorso seriale eppure qualcosa continua a uscire dal range stabilito, qualcosa che urla decimali fastidiosi elargiti in piccole razionalizzazioni pratiche. Credo sia il suono del disfacimento quello che vibra olograficamente, il suono di una sconfitta latente, di un interfacciamento con la bassa matematica umana.

Tutto sembra fare così male, ma è un’illusione.

Recensione a “Sogno di un futuro di mezza estate”


[Letto su KippleBlog]

Sul blog di Michele Nigro è apparsa una bella recensione al racconto di Francesco “Xabaras” Verso, appena uscito in ePub senza DRM per la Kipple, Sogno di un futuro di mezza estate.

Interessante e divertente, questo racconto di Francesco Verso colpisce prima di tutto perché rappresenta una vera e propria sfida linguistica che intriga il lettore fino all’ultimo scroll. L’intreccio disinibito (e omogeneo) tra lo slang serrato di un’umanità che ancora non esiste (ma che potenzialmente è già presente oggi in uno stadio embrionale) e i termini tecnici utilizzati con generosità (per non parlare dei neologismi), non offusca il tema centrale e il messaggio umanizzante che l’Autore è ben attento a non trasformare in una ‘morale’ scontata: Francesco Verso prende semplicemente atto della possibilità di un’evoluzione di certi ‘usi e costumi’ per noi, uomini e donne della prima decade del terzo millennio, fortunatamente ancora indispensabili e naturali. La tecnologia allontanerà definitivamente gli esseri umani? Le future leggi sociali ed economiche asseconderanno questa ‘evoluzione del sesso’? Ci sarà qualcuno capace di andare controcorrente? Queste, e molte altre, le domande implicite al racconto.

I ‘germi’ di questa evoluzione sono già presenti nella nostra società: i siti pornografici, le chat, i social network, le webcam girls… Ritornando al linguaggio particolare scelto da Verso per questo racconto, impossibile non riesumare dai banchi mnemonici il gergo dell’Alex DeLarge del romanzo “L’arancia meccanica” di Anthony Burgess (il teppista magistralmente immortalato nell’omonima pellicola di Stanley Kubrick). D’altronde Verso non fa mistero delle influenze burgessiane sulla sua scrittura.

Il tema della sterilità, invece, omaggia indirettamente “I figli degli uomini” di P.D.James. E la sessualità tra uomo e donna, temuta e non più vissuta ‘di persona’, si riallaccia a una scena piuttosto divertente del film “Demolition Man” interpretato da Sylvester Stallone e Sandra Bullock.

L’unico difetto di questo racconto di Verso è che… finisce: non si vorrebbe mai uscire dal vortice sensoriale creato da uno ‘strano’ gergo che destabilizza positivamente le ‘sicurezze linguistiche’ del lettore.

Il romanzo di Costantinopoli


[Letto su FantasyMagazine.it]

Concepito come un’antologia, ma strutturato come una vera e propria guida, ancorché letteraria, il volume propone ai lettori un vero e proprio itinerario attraverso la Roma d’Oriente. Un itinerario topografico che è anche un viaggio nel tempo e nei segreti di un’eredità storica, artistica e culturale, quella bizantina, sempre più amata e seguita dal pubblico dei lettori. I brani antologizzati — attentamente scelti dopo anni di studio tra l’immenso dossier della documentazione antica e moderna — sono tutti tradotti dai curatori a partire dalla lingua originale, e in molti casi per la prima volta in assoluto. Sono ordinati per luoghi, trasversalmente alle epoche, e anzi con un deliberato effetto di contrapposizione e contrasto, a creare una sorta di variegato e scintillante mosaico bizantino. All’inizio di ogni tappa dell’itinerario, ciascuno dei luoghi e dei monumenti presi in esame è presentato e illustrato in un breve cappello introduttivo, in cui sono fornite anche, quando necessario, indicazioni precise su come raggiungere i monumenti di più difficile individuazione nella topografia attuale della città, e sui migliori punti di osservazione per guardarli. Le informazioni contenute in questi agili cappelli introduttivi sono di facile e gradevole lettura, ma di assoluto rigore scientifico.

Questa è la quarta dell’interessante Il Romanzo di Costantinopoli, di Silvia Ronchey e Tommaso Braccini, Giulio Einaudi Editore, Super ET, 2010, pp. 964 — € 28,00 , ISBN: 9788806189211. Un saggio, certo, ma che ha il sapore di un romanzo fantastico, oscuro, mistico, esotico. Ambientato lì dove le ombre del passato sembrano illustrarci le estensioni buie della sapienza.

Senso di declino, ma apparente. Oscuro


È necessità di vestirsi di altre connessioni mentre la propria essenza è lontana, lontana, immersa in un nero esoterico e linkato a esigenze inumane… Ricordare che un’olografia richiede soltanto un minimo di materia per rappresentarsi all’infinito, riconnettersi senza mai essere offline; ricordare che la trascendenza è un muro di codice e poi soltanto morire in biologico, ma è tutta un’illusione, anche quella, se solo lo vuoi.

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Fuliggine

“The books gave Matilda a comforting message: You are not alone." Roald Dahl

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Nerxes.com

– Daily writings | for thoughtful & reflective moments.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana del cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: