HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per maggio 18, 2011

PlayList Tersicore 18.5.11


Autoclav 1.1 – Daedulus-d2h
Autodafex – Mother green-remixed_by_ntrsn
Colony 5 – Pills
Absolute body control – Love at first sight
Dawn of ashes – Portrait of homicide (dioxyde_remix)
Hypnoskull – The betrayal
Imperative Reaction – Minus all
Imperative Reaction – Head up too high
In strict confidence – Promised land (Blutengel_remix)
Monokrom – BGF

————-

Monokrom – SRC
Punch Inc. – The daily round
Nine Inch Nails – Reptile
Bauhaus – Silent Hedges
Bauhaus – Kingdom’s Coming
Bauhaus – Spy in the Cab

Podcast disponibile!

Tersicore online


su RN1, con chat e SMS +393343844411. Per qualsiasi info cliccate qui.

Lingodroid: robot che creano la comunicazione


Questo è l’intrigante titolo di un post apparso su GadgetBlog.it. L’argomento è interessante perché riguarda la semantica che i robot potrebbero adottare nel prossimo futuro, a un passo da SkyNet, a un passo dall Singolarità Tecnologica, quindi.

Ecco il post in questione:

Ruth Schulz, ricercatore della School of Information Technology and Electrical Engineering, da anni lavora sui robot per ottenerne una versione parlante in grado di imparare l’uno dall’altro. Al posto di fornire ai robot un linguaggio primitivo già pronto, come un linguaggio di programmazione o un set di parole base con significato predeterminato, la ricercatrice ha fatto in modo che creassero delle parole proprie per descrivere le situazioni in cui si trovano. Pian piano i robot sviluppano un linguaggio che comprendono tra loro, ma che a noi profani sembra privo di senso.

I robot in questione si chiamano Lingodroids e hanno la capacità di creare legami comunicativi con altri robot della stessa specie. Hanno il compito di creare una mappa di parole costruite intorno agli spostamenti sulle tre ruote, sfruttando una telecamera, un sonar e capacità audio (in entrata ed uscita). Ogni volta che un Lingodroid si trova in una nuova area, ne crea la mappa utilizzando lo SLAM (Simultaneous Localisation and Mapping): mette in memoria quanto osserva utilizzando una griglia, un punto di interesse e una combinazione topologica unica.

Una volta che l’area viene identificata con lo SLAM, il robot decide una parola che la rappresenti utilizzando una lista di sillabe in memoria. La parola viene poi trasmessa agli altri robot che la utilizzeranno per identificare la zona. Al momento l’esperimento si basa su una comunicazione veramente semplice, ma che evolverà in una mappa di parole chiave più complessa.


Eve Shapiro – Gender Circuits: Bodies and Identities in a Technological Age


Su Neural.it questo interessante post sul come le tecnologie stanno deformando e influendo sul nostro corpo:

Come le tecnologie stanno deformando e influendo sul nostro corpo è stato spesso discusso in termini di “rappresentazione” e identità. Eve Shapiro è una sociologa che sta lavorando sulla ricerca del rapporto dinamico tra identità, corpo e comunità, soprattutto nel Nord America. In questo libro si cimenta ad indagare diversi aspetti della definizione del genere in relazione all’utilizzo di una serie di tecnologie diverse. Dalla modifica dei muscoli femminili indotti dall’uso intensivo di tacchi alti allo sconvolgente impatto con le biotecnologie, l’autrice discute alcune questioni politicamente rilevanti come: e se lo sviluppo di tecnologie nelle modificazioni del corpo portassero alle contemporanee identità transessuali? Per comprendere i diversi scenari abbiamo rintracciato nel testo alcune utili definizioni di parole nuove, come “somatechnics”, un termine che viene utilizzato per esprimere l’idea che il corpo è sempre conosciuto e conformato attraverso le tecnologie di una particolare società. Inoltre Shapiro spazia nel discorso fino all’analisi di come il genere sia stato storicamente definito dalle tecnologie sviluppate per promuovere la “conformità di genere” (come il corsetto, per esempio). Si indaga anche di come il genere sia mostrato, cambiato e negoziato on-line. Qui la rappresentazione di sé è dispersa e multisfaccettata con una serie di conseguenze, tra cui il cosiddetto “effetto Proteus” collegato alla percezione del proprio avatar. Con un linguaggio accessibile, evitando brillantemente l’abuso di slang tipico degli studi di genere, questo libro è una scrittura piacevole e ben documentata.

Routledge, ISBN-13: 978-0415996969, 248 pages, February 9, 2010, English

Intervista a Maurizio ScarWeld Landini – Il Corpo della Fame


Su FantasyPlanet.it è comparsa una interessante intervista a Maurizio “Scarweld” Landini, riguardo anche e soprattutto al suo romanzo Il corpo della fame, edito da Wild Boar edizioni, che segue le vicende del fante gioviano Mitia Sokolov, ossessionato dai nemici, gli Antigorion, vittima di una guerra che costringe a soffocare la propria umanità per combattere ad armi pari con l’alieno. La copertina del romanzo è di Franco Brambilla, storico copertinista di Urania. Il successo improvviso di MecaWar è dovuto anche all’ottimo racconto Urla d’Acido, che Maurizio Landini ha scritto ambientandolo nell’universo del gioco, da cui ha fatto seguito questo nuovo romanzo: Il Corpo della Fame, che svelerà alcuni oscuri segreti di MecaWar (altri dettagli del gioco sul link qui sopra di FantasyPlanet).

Ecco un dettaglio dell’intervista:

2. Raccontaci del tuo romanzo Il Corpo della fame, ambientato nell’universo di MecaWar.

Il “Corpo” ha rappresentato una piccola sfida personale: parlare della drammaticità della guerra –tema che mi sta particolarmente a cuore- attraverso il background di un gioco di ruolo. Affatto facile.

3. Quali difficoltà hai incontrato nel strutturare il tuo romanzo in un universo non creato da te?

Le difficoltà di un esordiente. Sono abituato a scrivere racconti brevi. Passare a un romanzo di centoventisei cartelle, per me, è stato come scriverne trecento.

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Fuliggine

“The books gave Matilda a comforting message: You are not alone." Roald Dahl

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Nerxes.com

– Daily writings | for thoughtful & reflective moments.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana del cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: