HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per agosto 7, 2011

Sacrifice


Lo sguardo è come un respiro e spazia lungo l’arco dell’entropia, qui, nello spazio profondo; assorbo ogni gradiente di buio, lo vivo, mi lascio ingoiare da entità di energia che mi ordinano azioni inenarrabili e truci, verso me stesso. Io sono quel nero.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Inhuman code


La determinazione di uno stato mentale si riflette oltre le stesse parole: è una cadenza empatica, trasuda da ogni testo scritto, è comprensibile da chi percepisce il codice inumano.

La pesatura dell’anima, recensione


[Letto su KippleBlog]

Ancora una recensione alla Pesatura dell’anima, di Clelia Farris, vincitrice dell’ultimo Premio Kipple, che testimonia l’alto interessa che si è coagulato attorno a quest’opera; stavolta a recensire il romanzo è Giampietro Stocco sul suo blog, The ucronicles:

Clelia vince stavolta il premio Kipple con La pesatura dell’anima, opera che immagina un Egitto alternativo in un periodo imprecisato, in cui si da’ spazio all’ingegneria genetica e si pratica una giustizia molto avanzata, dove un gruppo ristretto di Giudici – i Sette – punisce si’ con la morte l’assassinio, ma riesce anche a far resuscitare la vittima proprio tramite questa morte. Una situazione del tutto insolita, e non e’ l’unica cosa insolita di questo romanzo, che oltre al presupposto tecnologico contiene una notevole sperimentazione linguistica, immaginando un gergo della città di Dendera che ovviamente e’ del tutto inventato. Non per questo risulta meno godibile, ricordando certi sfizi della coppia Monaldi/Sorti in Secretum, tanto per dirne uno, e altre variazioni sul tema di una narrazione, come l’avrebbe concepita Neal Stephenson.
Quello che disorienta un lettore come me e’ paradossalmente il pregio maggiore di questo romanzo, ciò che, guarda caso, lo allontana di più dalle saghe storiche di Monaldi e Sorti e dalla narrativa quasi psichedelica di Stephenson (anche se la narrativa di Clelia alle volte può risultare più che lisergica): l’assenza totale di infodump: scelta benedetta, ma non sempre. In questo caso l’ambientazione risulta vaga, non riesco a comprendere il perche’ delle nuove tecnologie, capisco solo dopo attenta rilettura cosa sia questo benedetto Serdab, non mi e’ chiarissimo alla fine, e questo è però un male non proprio da poco, il perche’ dell’intera vicenda. Ovvio, può essere anche colpa mia, mi posso essere distratto in qualche momento topico, magari proprio mentre cristavo contro l’avarizia narrativa dell’autrice. Ecco, Clelia, come al solito sei stata un po’ avara: qualche spiegazione in piu’, un glossario meno enigmatico ce lo avresti potuto concedere; uno stile un po’ meno chiuso su se stesso mi avrebbe personalmente aiutato, anche perche’, giuro, l’attacco lo avevo giudicato ottimo, mi ero quasi emozionato. Poi però l’emozione ha lasciato spazio al disappunto.
Alla prima lettura, insomma, ho capito molto poco sia della trama, sia soprattutto della sua collocazione storica. Il che per un’ucronia non e’ poco. L’ambientazione a tratti mi ha esaltato, non ho difficolta’ ad ammetterlo, la lingua scelta pure. Tuttavia mi sono trovato a rincorrere tutto il resto. La seconda lettura è andata un po’ meglio, ma nondimeno sono rimasto con l’amaro in bocca del lettore che prima si rallegra con tanta carne al fuoco e poi si rattrista quando scopre che troppo poche sono le pagine per cucinarla a dovere. Che sia stata una necessità di forza maggiore – oggi molti editori di sf spingono verso il romanzo breve – o una scelta dell’autrice poco importa. Mons peperit murem.

Olistico


Un senso olistico che non è di condivisione ma che potrei definire come intessuto. Essere parte della trama, la trama stessa che vive ed è senziente.

Difficoltà


La distesa onirica è un passaggio di pura trascendenza carnale. Mi sento di discendere da lì e poi, mi vedo proiettarmi verso la difficoltà disincarnata.

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, esoterismo. A cura di Marco Maculotti.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

Michele Valente |Blog

Blogger e studente di Comunicazione e ricerca sociale. Scrivo di geopolitica, diritto e tematiche ambientali, attraverso un'ottica globale sulla società europea ed internazionale.

Sonia Cenceschi

La musica è una pratica occulta dell'aritmetica, dove l'anima non sa di calcolare - Leibniz

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: