HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per agosto 17, 2011

Il passaggio


I segni sulla pelle sono inequivocabili, da essi sgorgano codici memetici indefinibili ma sapidi: il sapore salino indica il passaggio della conoscenza attraverso i dettami biologici.

Annunci

L’urlo


Sull’orlo di un precipizio psichico, lo scontro che si profila è cadente e creativo. L’essenza non è nella specifica incarnazione.

∂| SherlockMagazine | Le caldi estate di Sherlock Holmes


Arthur Conan Doyle

Arthur Conan Doyle

Da SherlockMagazine.it il rimbalzo di una segnalazione dei giorni scorsi che fa davvero ridere, più che piangere. La riporto pari pari qui sotto.

La notizia riguarda il canonico romanzo «Uno studio in rosso» che viene cancellato dal corso inferiore  di una scuola in Virginia in quanto «Contiene pregiudizi religiosi». Come riporta il Corriere di Ferragosto e molte altre testate Uno studio in rosso, il primo libro di Arthur Conan Doyle in cui compare Sherlock Holmes, il detective più famoso della letteratura e uno degli eroi più amati dai ragazzi, a quanto pare non è una lettura adatta a loro. Il motivo? «Contiene pregiudizi religiosi». In particolare, nei confronti della religione dei Mormoni: la comunità fondata nel 1830 da Joseph Smith con il nome di Chiesa di Gesù Cristo dei Santi dell’Ultimo Giorno e che ha sede a Salt Lake City, nello Utah. Per questo motivo, con una votazione all’unanimità il consiglio d’istituto del distretto scolastico di Albermale, in Virginia, frequentato da 12 mila studenti, ha depennato la prima avventura del detective e del suo coinquilino John Watson dall’elenco delle letture scolastiche per i ragazzi di 11 e 12 anni. Il libro resta a disposizione degli studenti più grandi. A denunciare la presenza di pregiudizi era stata una dei fedeli mormoni Brette Stevenson, madre di un alunno. Al momento del divieto di lettura, il libro era usato in un corso di letteratura tenuto da un solo docente, come introduzione al genere letterario del giallo e al ragionamento deduttivo, che Holmes spiega così a Watson: «Tutta la vita è una grande catena la cui natura si rivela a chiunque ne osservi un solo anello». Il corso era seguito da circa 120 alunni.

Untiled Faces, affascinanti visioni matematiche – Neural.it :: nuovi media, hacktivismo


[Letto su Neural.it]

A una prima occhiata “Untiled Faces” di Nathan Selikoff sembra un videogioco primitivo, reduce di una sala giochi degli anni ’70. Interagendo con i suoi interruttori a levetta si intuisce però che ciò che accade nei tre piccoli schermi incorniciati da un legno scuro e spartano è un processo ben lontano da quello di un semplice arcade. Il funzionamento del dispositivo si basa sulla rappresentazione visiva di sistemi caotici, cioè modelli matematici complessi in grado di descrivere l’evoluzione di un sistema anche in relazione al tempo. Il riquadro più a sinistra è una rappresentazione di un insieme di “attrattori strani”, cioè particolari componenti degli stessi sistemi dinamici caotici, che ne caratterizzano lo stadio finale. Muovendo la levetta corrispondente a questa schermata simile ad una semplice griglia l’utente sceglie una casella individuata da un piccolo riquadro rosso. La porzione di sistema selezionata dal riquadro viene mostrata in tempo reale (con un profondissimo zoom) nel riquadro all’estrema destra. Il riquadro centrale, ricavando i dati di posizionamento degli assi cartesiani dagli altri due riquadri è la visualizzazione in 3D dell’attratore strano scelto nel primo riquadro. Come se fosse ripreso da una telecamera che in tempo reale varia l’inquadratura seguendo il movimento della levetta. La scoperta (faticosa) di essere di fronte ad una rappresentazione matematica davvero complessa, riveste questa scultura interattiva di un fascino disarmante maggiormente efficace per il contrasto con la durezza delle linee estetiche del suo contenitore.

Carmilla on line ® | NON SI PA’! Appunti di lettura sulla manovra e sul commissariamento dell’italia


Altro articolo interessante che appare su CarmillaOnLine, in pochi giorni, riguardo la situazione socioeconomicopolitica italiana ma, ovviamente, non solo. Leggetela tutta, fa solo che bene.

Ricordate il film Titanic?
Ricordate cosa succede, quando la nave comincia ad andar giù e il comandante realizza che non c’è possibilità di salvezza?
I viaggiatori di terza classe vengono imprigionati nella stiva, dietro le cancellate chiuse, e destinati a fare la fine del topo. È la condizione che permette ai signori della prima classe di salvarsi, dal momento che non ci sono abbastanza scialuppe per tutti.
Ogni volta che vi dicono che “siamo tutti sulla stessa barca”, dovreste ricordarvi di quella scena. E del brindisi che fanno gli scampati, come ci ricorda la copertina dell’ultimo numero di “The New Yorker”.

Ad esempio, adesso, in questo agosto 2011. La crisi ha impresso una svolta ineludibile: così ci dicono. Il governo italiano è stato sostituito da un governo tecnico sovranazionale (da un “podestà forestiero”) il cui garante, o forse addirittura premier, sembra essere il tecnico bypartisan Mario Draghi: così dice il tecnico bypartisan Mario Monti [qui]. I provvedimenti per raggiungere il pareggio del bilancio, anticipando la modifica dell’art. 81 della Costituzione, non hanno alternative: così ci dice l’ex ministro derubricato a destinatario delle missive del governo tecnico sovranazionale Giulio Tremonti. E poiché siamo tutti sulla stessa barca, i sacrifici sono uguali per tutti: così ci dicono.
Beh, non è vero: ci stanno mentendo. A partire dai due tecnici bypartisan Monti e Draghi, che hanno nascosto finché è stato possibile farlo lo stato reale dell’economia nazionale e globale (e già qualche economista comincia a farsi sfuggire di bocca che la crisi è iniziata ben prima del 2008). Loro, come i loro colleghi europei e americani. Per rendersene conto basta ragionare sui “tagli lineari” alle detrazioni Irpef e all’Iva, che in apparenza colpiscono tutti nella stessa misura. In realtà, come mostra il grafico a sinistra, il decimo più povero della popolazione sarà penalizzato di quasi il 6% di reddito, mentre il decimo più ricco appena dell’1%. Ma c’è il “contributo di solidarietà”, dicono. Che riguarda meno del 10% della popolazione. Andiamo a vederlo: un galantuomo che intraprende e porta a casa un reddito di 120.000 € verserà in solidarietà il 5% dell’eccedente di 90.000 €, cioè 1.500 €, corrispondenti all’1.25% del proprio reddito, che aggiunto all’1% di Irpef e Iva rimodulate fa il 2.25%; per un reddito di 150.000 €, il contributo di solidarietà è di 3.000 €, cioè del 2%, che aggiunti a Irpef e Iva fanno il 3%: a fronte del quasi 6% del pensionato, del precario. Per arrivare al 5% bisogna cercare, e trovare, un reddito di 200.000 € (posto che esista uno che un simile reddito lo dichiari per intero): non sentite il rumore dei lucchetti che cominciano a chiudersi attorno alle cancellate?
Potremmo continuare: ma criticare le modalità della manovra è cosa tanto facile che ci riesce persino Bersani da solo, senza bisogno di leggere i testi scrittigli da Crozza.

Leggi il seguito di questo post »

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ Freelance illustrator/cartoonist 👩‍🎨 🇮🇹 🌙 26 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, esoterismo. A cura di Marco Maculotti.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

The Darkest Art

A journey through dark art.

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

Michele Valente |Blog

Blogger e studente di Comunicazione e ricerca sociale. Scrivo di geopolitica ed ecologia, diritto e tematiche ambientali con un'ottica globale sulla società europea ed internazionale.

Sonia Cenceschi

La musica è una pratica occulta dell'aritmetica, dove l'anima non sa di calcolare - Leibniz

Necrologika

Se muori te lo diciamo noi.

ITINERARI LAZIALI

borghi, castelli, ville, città perdute, monasteri ed abbazie, leggende e segreti, paesaggi fantastici e luoghi insoliti della regione di Roma e dei territori limitrofi.

CollettivoD

Il punto di vista delle donne

GamberoSolitario

A great WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: