HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Brambilla e Veronesi contro le pellicce: «Appello alle donne, non vestitevi di cadaveri» – Corriere della Sera


[Letto su Corriere.it]

Introduco quest’articolo dell Corriere.it, che copio e incollo integralmente, dicendovi che ci sono dei filmati che mostrano in modo assai crudo quanto gli umani possono essere efferati; non ce l’ho fatta a vederli se non per brevi istanti: se volete visionarli, potete andare sul link in alto del Corriere. Magari, fateli vedere a chi vuol farsi una pelliccia, o a chi è pro vivisezione; o a chi non riesce a non mangiare carne…

* * *

Animali scuoiati vivi, catturati in natura e poi soppressi con metodi cruenti, costretti a un’esistenza infima in piccole gabbie e finalizzata unicamente ad una morte tesa a soddisfare l’industria della vanità. Immagini che da sole dovrebbero indurre a più di una riflessione su quanto vi sia dietro a sfilate e capi vaporosi esposti in vetrine luccicanti. E che il comitato promotore de «La coscienza degli animali», il movimento fondato dall’ex ministro Michela Vittoria Brambilla e dall’oncologo Umberto Veronesi, ha deciso di raccogliere in un filmato crudo ma tristemente molto reale per rilanciare la campagna per un abbigliamento etico, rispettoso della vita degli altri animali. «Non vestirti di cadaveri» è l’esortazione finale che accompagna il mini-documentario, presentato oggi a Milano in occasione del «Fur Free Day», la giornata mondiale contro le pellicce, nata negli Stati Uniti e diffusasi ormai in tutto il mondo occidentale e industrializzato.

«CAPRICCI DI VANITA’» – «In occasione di questa giornata – ha spiegato l’on. Brambilla, da tempo in prima linea nelle battaglie animaliste e per questo spesso in contrasto con le posizioni meno aperte di altri esponenti della coalizione di centrodestra – vogliamo denunciare con forza la tragedia degli animali allevati, catturati e uccisi per la produzione di pellicce, una pratica crudele ed inaccettabile, figlia solo del capriccio e dalla vanità». La mobilitazione si aggiunge a quella che nei prossimi giorni sarà portata avanti dalla Lav, la Lega antivivisezione, che dedicherà il weekend del 10 e 11 dicembre alla mobilitazione anti-pellicce, che ha diffuso nei giorni scorsi le immagini registrate in incognito dall’associazione Born Free Usa delle catture in natura di animali da pelliccia di cui non esistono allevamenti e che spesso vengono soppressi con metodi atroci e non riconosciuti dalle normative europee.

MODA SENZA CRUDELTA’ – «Mi rivolgo soprattutto alle donne – ha poi detto Brambilla insistendo sull”incongruenza dell’associazione tra moda e sofferenze degli animali -: la pelliccia non aggiunge nulla al fascino ma può dire molto della personalità. Può dire ad esempio che si è indifferenti di fronte al sacrificio di creature innocenti, barbaramente uccise e scuoiate dopo una vita-non-vita in un allevamento». Anche per questo nell’iniziativa è stato coinvolto lo stilista Elio Fiorucci, uno dei garanti del manifesto del movimento, per lanciare modelli virtuosi e rispettosi degli animali. Del resto molti stilisti internazionali hanno già abbracciato le politiche animal friendly.

NORME PIU’ SEVERE – La parlamentare del Pdl ha ricordato di avere presentato una proposta di legge, di cui è primo firmatario, che integra le fattispecie previste dall’articolo 544 bis del Titolo IX- bis del codice penale, vietando anche l’allevamento, la cattura e l’uccisione di animali per la produzione di pellicce. Le violazioni, secondo il nuovo testo, sono punite con la reclusione da 3 a 18 mesi, con l’aggiunta di sanzioni fino a 5000 euro per ogni animale. «La fine di questo orrore – ha commentato Brambilla – passa anche attraverso un adeguamento delle nostre normative ad un contesto nazionale ed internazionale che vede l’affermarsi di una sempre maggiore coscienza di amore e rispetto per gli animali ed i loro diritti e l’estensione del concetto di tutela a tutte le specie animali. Tanti Paesi europei hanno già da tempo imboccato questa strada. Ora tocca a noi».

I NUMERI – Il comitato ha spiegato poi che a livello mondiale il business delle pelli «comporta la sofferenza e la morte di circa 70 milioni di animali ogni anno». L’approvvigionamento di pellicce avviene per l’85% da allevamenti e per il 15 da catture in natura e dagli allevamenti europei proviene il 60% delle pellicce commercializzate nel mondo. «In Italia – dicono a La coscienza degli animali – la filiera della pelliccia non ha mai avuto particolare rilevanza economica: nel 2010 il fatturato rappresentava il 2,8% di tutto il settore abbigliamento, che rappresenta invece un business di più di 800 milioni». Come dire: una percentuale facilmente assorbibile e riconvertibile con politiche più ecosostenibili. «Proprio dal nostro Made in Italy – ha commentato infine l’on Brambilla -, che costituisce sempre un faro nel mondo, deve arrivare quel cambiamento in linea con il comune sentire che possa costituire un riferimento per il mercato internazionale della moda».

Annunci

No comments yet»

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, esoterismo. A cura di Marco Maculotti.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

Michele Valente |Blog

Blogger e studente di Comunicazione e ricerca sociale. Scrivo di geopolitica, diritto e tematiche ambientali, attraverso un'ottica globale sulla società europea ed internazionale.

Sonia Cenceschi

La musica è una pratica occulta dell'aritmetica, dove l'anima non sa di calcolare - Leibniz

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: