HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

∂| ThrillerMagazine | Danila Comastri Montanari e la centralità del lettore


Maximilien Robespierre (6 May 1758 – 28 July 1...

Image via Wikipedia

Intervista interessantissima a Danila Comastri Montanari, su ThrillerMagazine.it. Danila è la creatrice di Publio Aurelio Stazio, l’investigatore calato nel periodo imperiale romano di Claudio; Stazio si muove in storie seriali (a essere onesti non è il primo investigatore della Roma imperiale, e non è il primo tra essi a essere seriale) ma qui, in questa intervista, si accenna anche a una nuova pubblicazione della Montanari che sarà ambientata, invece, nel periodo della Rivoluzione Francese, periodo che a me è sempre interessato tantissimo, e che ha avuto in Robespierre il personaggio che più mi ha incuriosito di quel periodo, una quasi immedesimazione nello svolgersi drammatico della sua vita. Proprio come mi è capitato con il periodo di Roma imperiale. Che strano, sembrano quasi richiami karmici…

Ecco qualche passo dell’intervista di Danila:

Con il suo ultimo romanzo, “Terrore”, (Mondadori, 2008), vi è un salto diacronico rispetto alla produzione “classica” di Publio Aurelio Stazio.  Già precedentemente aveva collocato alcuni racconti in altre epoche ma “Terrore” è un poliziesco ambientato in una giovane repubblica francese passata a un’autocrazia feroce in cui regna, appunto, quel truce periodo di Terrore inaugurato dai giacobini del Comitato di Salute Pubblica. Perché la scelta di questo momento storico?

Non ho nessuna intenzione di abbandonare l’antica Roma: infatti “Dura lex”, l’ultima indagine di Aurelio, esce proprio in questi giorni.  Tuttavia la rivoluzione francese, e in particolare il governo giacobino, è un periodo della storia che mi appassiona moltissimo. Personalmente non lo giudico più truce di ciò che esisteva prima e di ciò che venne dopo. É un momento fondamentale della storia di Europa, quello in cui nacque il mondo come oggi lo conosciamo: agli uomini che si trovarono allora nell’occhio del ciclone dobbiamo molto, moltissimo.
Qualcuno potrebbe chiedersi come mai mi interesso a fasi tanto diverse del cammino umano. E’ presto detto: sia l’impero di Claudio, sia la Grande Rivoluzione sono passioni antiche, che risalgono alla mia prima adolescenza. La responsabilità è da attribuirsi totalmente alla fiction: furono la lettura di “Io Claudio” di Robert Graves e la visione de “I giacobini di Federico Zardi a suscitarmele. Altro infatti è imparare a memoria un arido elenco di consoli, altro è sentire uno dei Cesari narrare in prima persona i retroscena della famiglia imperiale, le tresche, le congiure, i veleni, i pugnali. E altro è studiare la rivoluzione francese sui manuali, altro è ascoltare Robespierre, interpretato da Serge Reggiani, mentre declama alla Convenzione il discorso dei 40 scudi. La fiction serve appunto a questo, a trasmettere emozioni che, pur con tutto il suo rigore, difficilmente la saggistica può dare.

Ci racconta un mistero del passato?

Pare che la famosa frase: “Questi sono i miei gioielli”, pronunciata dalla matrona Cornelia additando i Gracchi suoi figli e passata alla storia come esempio di modestia e rettitudine, mirasse in realtà ad accusare il genero, Scipione Emiliano, di averle sottratto i monili che le spettavano in eredità. Sarà vero? Di fatto, al momento della morte improvvisa e inspiegabile del distruttore di Cartagine, a Roma furono molte le voci che ne attribuirono la responsabilità alla moglie Sempronia e alla suocera Cornelia, le quali avrebbero agito per vendicare l’assassinio di Tiberio Gracco, rispettivamente fratello della prima e figlio della seconda.  Fu veramente omicidio? Non si sa:  il caso è ancora aperto.

E un pettegolezzo?

Quando Caio Giulio Cesare propose alcuni provvedimenti economici che avevano tra l’altro l’effetto di favorire le finanze della sua amante Servilia, quel maligno di Cicerone sottolineò, con un brillante gioco di parole, come si dovesse tener conto del fatto che Cesare “ne aveva dedotto la terza”: la “terza” era in effetti una tassa, ma si chiamava Terza anche la giovane figlia di Servilia che, secondo le malelingue, era stata spinta a compiacere anch’essa il potente amante della madre.

Ci sfata un luogo comune infondato sull’antica Roma?

Sono tanti. Che i romani fossero intolleranti in campo religioso, quando raramente una società fu tanto permissiva con i culti più disparati; che i gladiatori fossero derelitti spediti nell’arena per forza, mentre si trattava quasi sempre di addestratissimi professionisti; che Nerone abbia dato fuoco a Roma, mentre il celebre incendio non fu che il più catastrofico tra i tanti roghi accidentali da cui l’Urbe era periodicamente devastata.

Ma il mito più esilarante, di chiara derivazione holliwoodiana, è quello dei calzari. Nella maggior parte dei vecchi kolossal, infatti, i romani indossano sempre i sandali, anche in mezzo alla neve: è possibile, viene da pensare, che un popolo così accorto da sottomettere l’intero mondo conosciuto e costruire ovunque strade e acquedotti, si dimostrasse tanto sprovveduto da non contemplare l’uso degli stivali? Dopo troppi piedi nudi, finalmente “Il gladiatore” ha reso giustizia ai freddolosi quiriti, mostrando Massimo Decimo Meridio con i guantoni e gli stivaloni imbottiti.

No comments yet»

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Mareducata

Chi volete che io sia?

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

Tesla Afterburner and the Infinite Sadness

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

Giuseppe Travaglini

Musica, cinema e altro

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: