HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per dicembre 23, 2011

In b side


Il pensiero procede dalla punta estrema dei tuoi piedi, fino a disboscare le tue parti intime di pensieri intimi, definizioni evanescenti, preda di un territorio che diventa pura astrazione inumana carnale.

Eccentrico


Il modello è una perfezione di intrise commistioni metallo_cerebrali; raccordi di pura intolleranza che governa un tratto significativo di esistenza.

Tutto quello che voglio fare


Ogni singolo passo, mi sembra di possederlo e di renderlo ogni volta una festa. Faticosa festa, eccellente viatico verso una meta che è postumana e rivolta alle stelle esplose, ai demoni che sono nascosti lì dentro, che sono intrinsecamente le stelle esplose stesse. Ho appena iniziato il viaggio, per tutto quello che voglio fare sento già la cassa toracica esplodere.

Veil – Mater Maternis


Come un vento che porta gelo, quel gelo che non è meteorologico, quella sensazione di buio che non è la notte nera che hai intorno (non solo quella): è la percezione degli eoni che ti stanno chiamando, dal buco profondo della energia che è stata prima di te, orrendamente inumana perché te sei umano.

ISLANDA, L’ISOLA CHE NON C’È – PostPopuli


[Letto su PostPopuli]

Anno 2008: siamo in Islanda, piccola isola sperduta nell’Atlantico, grande un terzo dell’Italia e popolata da un numero di abitanti pari a quello di una città come Firenze. Da secoli incentrata sulla pesca, l’economia islandese ha cambiato marcia quando le banche del paese sono state completamente privatizzatee, utilizzando lo strumento del credito on-line, hanno cominciato a concedere prestiti e mutui e ad emettere obbligazioni a tassi di interesse appetibili per gli investitori stranieri. L’economia è cresciuta di pari passo con il debito delle banche, che ha superato di gran lunga lo stesso Prodotto Interno Lordo del paese nordico.

Nel 2008 il giocattolo si rompe: la crisi dei mutui americani flagella l’Islanda e le tre banche principali non riescono a far fronte al proprio debito, dichiarando fallimento. Il Primo Ministro conservatore Haarde nazionalizza le banche e chiede l’aiuto del Fondo Monetario Internazionale, che accorda un primo finanziamento e, quando il governo in carica cade, fa pressione sull’Islanda per “socializzare” il debito delle banche, ovvero spalmare il debito sulla popolazione islandese. Cambia il governo, sale al potere una coalizione di centrosinistra, ma non cambia la linea politica: il Fondo Monetario Internazionale concede all’Islanda un prestito di 3 miliardi e mezzo di euro, da restituire in quindici anni con un interesse del 5,5%, un tasso decisamente più alto del normale. Sembra una storia già vista: uno stato va in bancarotta, interviene il Fondo Monetario garantendo prestiti capestro, e l’economia e lo stato sociale di quel paese diventano così ostaggio di chi tiene in mano le cambiali del debito.

Il popolo islandese dice no: il governo non ha cambiato rotta, e allora la rotta decidono di cambiarla i cittadini. Scendono in piazza, paralizzano il paese, richiedono a gran voce un referendum per non doversi accollare un debito contratto da privati nei confronti di privati, e che le istituzioni finanziarie e bancarie vogliono scaricare sul proprio popolo. Il governo è costretto a indire il referendum, Gran Bretagna e Olanda, i cui investitori sono rimasti a bocca asciutta, fanno pressione per boicottare il referendum, ma alla fine la consultazione si svolge e il risultato ha del sorprendente: il 93% della popolazione si pronuncia per il no. Non è finita qui: un secondo tentativo del governo e del Fondo Monetario Internazionale riceve l’altolà della popolazione, e nel frattempo gli islandesi eleggono un’Assemblea Costituente per varare una nuova costituzione, varando un metodo di scelta dei candidati e di consultazione basato sulla partecipazione e sulla democrazia diretta.

Questo è il riassunto della storia islandese: un modello di rivolta e di democrazia partecipativa forse difficilmente esportabile in altre parti del globo, ma una storia che ci lascia alcuni spunti di riflessione dai quali partire. E’ giusto sacrificare un’intera nazione in nome del debito, pubblico o privato che sia? L’unica soluzione alle crisi che stanno flagellando l’Europa e gli Stati Uniti è quella di svendere lo stato sociale agli interessi delle banche o di altre nazioni, oppure possiamo uscire dalla crisi tornando a parlare di politiche sociali, di mondo del lavoro, di economia senza finanza? La democrazia deve per forza svolgersi nelle cosiddette “stanze dei bottoni” oppure esistono metodi di democrazia partecipativa che possono funzionare anche qui da noi? In Islanda dalla crisi ne stanno uscendo… e in Italia?

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Flavio Torba non esiste, ma ciò non gli impedisce di descrivere l'orrore.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: