HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per aprile 16, 2012

Kipple.it: Prima recensione a “Il canto oscuro”


[Letto su KippleBlog]

È di ieri la notizia dell’uscita sul mercato de “Il canto oscuro”, il romanzo di Alessio “Galessio” Brugnoli che ha vinto il Premio Kipple 2011, e già cominciano a uscire le recensioni. Il Gazzettino del Tirreno dedica al libro digitale un articolo piuttosto lungo:

“Il canto oscuro” , inserito, a mio modesto avviso, in maniera parecchio riduttiva e quasi  “meccanicamente” nel sottogenere fantascientifico dello steampunk, è  in realtà un romanzo polivalente, una piccola  grande summa moderna refrattaria a certe troppo facili categorizzazioni, apprezzabile con facilità dagli appassionati di storia ai cultori dell’arte, dagli amanti del giallo fino agli estimatori del romanzo d’autore italiano, europeo ed internazionale del primo novecento.

Se in effetti  la costruzione esteriore, la trama, l’intreccio, sono, come ben si legge nella presentazione online dell’opera, “un ottimo esempio di steampunk di ambientazione romana”, e pur rispecchiando in pieno le ambientazioni vittoriane  e   tutti i canoni entro cui si muove questa corrente letteraria (anche nel romanzo di Brugnoli hanno un ruolo fondamentale  “macchine a vapore” e enormi, pionieristici, computatori), in verità  dietro a questo grande lavoro c’è tutta una complessa costruzione creativa e artigianale degna di un sapiente faber della parola come anche di un raffinato maestro orologiaio svizzero…[continua sul blog]

Vi ricordiamo che l’eBook è in vendita qui al prezzo di 2,5€, con download simultaneo doppio (versione sia epub che mobi) ed è senza lucchetti digitali DRM.

Annunci

Atomtrakt – Flug In Den Tod


Le ombre marziali si proiettano sul palcoscenico di ombre bidimensionali, estensioni psichiche che sanno di morte non solo biologica.

∂| ThrillerMagazine | Il fiume perduto


Photo of author Michael Koryta by Wout Jan Bal...

Photo of author Michael Koryta by Wout Jan Balhuizen. (Photo credit: Wikipedia)

Interessante recensione quella apparsa oggi su ThrillerMagazine.it. Il fiume perduto è il nuovo romanzo di Michael Koryta ed è un thriller paranormale che incuriosisce e affascina, trascina e convince, che in molte atmosfere non può non ricordare il migliore David Lynch. Un altro acquisto da fare quanto prima.

Eric Shaw è un giovane e disilluso regista di Chicago. Infranto per sempre il sogno hollywoodiano e abbandonato dalla moglie, sbarca il lunario realizzando video commemorativi di defunti, da proiettare durante le cerimonie funebri, e proprio in quest’originale attività dimostra un talento fuori dal comune, riesce infatti a centrare e focalizzare la stessa essenza delle persone. A causa di ciò riceve un’offerta che non può rifiutare: la nuora di Campbell Bradford, miliardario novantenne dalla salute precaria e dalla misteriosa fortuna, gli chiede di realizzare un video sul ricco e misterioso parente recandosi nel minuscolo villaggio dell’Indiana dove tutto è cominciato decenni prima. E così Eric si troverà in questo villaggio sperduto e surreale, in compagnia di una bottiglia di acqua “Pluto Water”, che ha la caratteristica di rimanere sempre fredda anche sotto il sole più torrido. Un acqua che nasce dalle fonti di un fiume sotterraneo che sgorga nel misterioso villaggio, e che farà avere ad Eric inquietanti e crudeli visioni, portandolo a rivivere il passato dell’enigmatico miliardario e che lo guiderà alla ricerca del Fiume perduto da cui tutto a avuto origine.

La scrittura di Koryta è essenziale, fresca e dinamica, trascina il lettore in un vortice narrativo da cui è impossibile scampare, si può solo rimanere intrappolati in un intrico di mistero e frammenti di follia. Lo stile è sicuro, senza sbavature, la narrazione procede pagina dopo pagina in un susseguirsi ininterrotto di vicende inesplicabili, accompagnato da un parossistico aumento di tensione e pathos, fino a un originale e sconvolgente disvelamento finale.

Piccole note sul software libero – parte terza « HyperNext


Ultima puntata su HyperNext del mio piccolo viaggio nel mondo del software opensource; qui e qui le due puntate precedenti.

Cooperare, senza che ciò diventi necessariamente un sistema tritatutto, socialmente omicida; anzi, lasciare che la cooperazione diventi un fattore di crescita collettivo, capace sì di generare profitto ma anche benessere, dove nessuno venga mangiato dagli squali dell’alta finanza: questo è forse l’ultimo sogno dei figli delle generazioni che dei ’60. Fondamentalmente, essi non sono lontani, ora, dal conquistare il mondo senza spargere sangue, senza essere diventati belve assetate di denaro, senza che venga schiacciata la nostra dignità, riservatezza, libertà. Anzi, la nostra Libertà: software libero, sempre, ovunque, sempre di più, è la loro arma cristallina, vincente, potente come l’energia riciclabile. Senza l’opensource, il mondo sarebbe assai simile a quello che paventava George Orwell.

Pubblicato Il canto oscuro, di Alessio Brugnoli, Premio Kipple 2011


[Letto su KippleBlog]
Questo romanzo ci regala un ottimo esempio di steampunk di ambientazione “romana”: un panorama d’inizio secolo in cui le sorprese tecnologiche non mancano e l’azione si snoda tra eleganti teatri dell’opera, antiche residenze decadute, bische e la classica Roma “sparita”. Sullo sfondo di un’indagine, partita per scoprire il responsabile di un crimine, si muove il principe Andrea il quale diventerà, suo malgrado, testimone di un tempo di trasformazione, un tempo che segnerà l’avvento di un nuovo modo di concepire l’elaborazione elettronica.
Questa è la quarta di copertina del vincitore Premio Kipple 2011, Il canto oscuro, di Alessio “Galessio” Brugnoli, disponibile (presto anche in cartaceo) in versione eBook, sia epub che mobi, senza DRM e quindi leggibile quindi su ogni device immaginabile. Il prezzo del libro digitale è di 2,5€. La copertina è opera di Elena Cermaria.
Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 28 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist 📌 Edizioni Underground? 📌 Edizioni Open 📌 Panesi edizioni 💬 Cartoonist 📌 SkuolaNet 📌 SeiAlTuristico 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: