HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

www.posthuman.it – Cronenberg, Syxty, Altieri e il denaro virtuale che siamo


[Letto su PostHuman.it]

Da Cosmopolis, passato da Cannes alle nostre sale, alla mostra di carte di credito artistiche del regista teatrale, ai dibattiti sulla narrativa di fantascienza e la sua capacità di rappresentare ancora il “futuro”, la cyberfinanza deviata si conferma IL TEMA del presentefuturo attuale.

I grandi capitali hanno perso ogni significato. Esistono solo per se stessi“, dice un personaggio di Cosmopolis. E ancora: “il cyber-capitale crea il futuro“, frase fondamentale per capire come il film di Cronenberg/DeLillo si colleghi alle origini fantascientifiche della poetica del regista canadese.

Lo spiega benissimo Giona A. Nazzaro in una (secondo me perfetta) recensione su Repubblica.it/Micromega online, cui faticherei a trovare qualcosa da aggiungere, annotando acutamente come l’algida e statica messinscena elaborata da Cronenberg per sceneggiare il difficile romanzo del newyorchese sia funzionale ad esprimere la “fine del tempo” nella società contemporanea.

“Tutti verremo assorbiti come flussi di informazioni. Anche i computer stanno morendo, la stessa parola computer è già superata”, è un’altra citazione che riporto a memoria dai dialoghi del glaciale (e non facile) film. E infatti chi legge le cose dell’informatica ben sa che la “nuova rivoluzione” di cui tutti oggi cantano le lodi si chiama, guarda un po’, cloud computing. L’informatica è una nuvola, poetico no?

Avevamo appena assorbito il concetto che il principio di realtà fosse stato messo in crisi dalla proliferazione dell’immagine (televisiva, poi digitale) e, prima di poterci riprendere, dobbiamo incassare la nuova pillola secondo cui il tempo è (cito Nazzaro) “un prodotto collaterale del denaro”, che il suo flusso è quello – inattingibile ed esoterico ai più – delle fulminee fluttuazioni di Borsa che arricchiscono potentissimi gnomi senza identità impoverendo di colpo intere nazioni, continenti (l’Argentina, la Grecia, l’Italia…).

Quando Nazzaro chiosa “se il denaro crea il tempo, cosa diventa del tempo quando il denaro non ci sarà più?”, vien da ricordare il molto meno ambizioso In Time, da noi recensito poco tempo fa.

Ricordo contemporaneamente anche un articolo di Grillo sul suo blog, quando si iniziava a parlare di default della Grecia come minaccia alla solidità dell’intera UE, che ci spiegava quanto ormai la ricchezza finanziaria supera di diverse volte quella reale dell’intero pianeta.

Purtroppo non lo riesco a ritrovare ma questo, ad es., già ci spiega, ricordando un ‘Punto’ di Paolo Pagliaro a “Otto e Mezzo” di Lilli Gruber, che essa supera la somma del PIL mondiale 14 a 1: praticamente vale a dire che in questo buffo pianeta circola moneta per un valore 14 volte superiore alla somma di tutti i beni acquistabili con quella moneta nell’intero globo. Ne consegue, come dice Grillo, che la nostra è ormai sempre più una ricchezza di carta: che se uno cominciasse (e qua e là si sta cominciando) a chiedere il controvalore reale di un certo investimento finanziario, in quattro e quattr’otto tutto il sistema franerebbe, perché il controvalore per tutta la dannata carta/moneta non esiste più; carta che quindi possiamo ben definire “straccia” e che, presto, spingeremo a carriolante verso il panettiere per comprarci il pane, come accadeva ai tempi di Weimar.

Lo ribadiva proprio sabato 26 Alan D. Altieri nella tavola rotonda alla Italcon di Bellaria, cui ho partecipato a mia volta (insieme agli amici connettivisti Sandro Battisti, Giovanni De Matteo, Giovanni Agnoloni e verso la fine anche Dario Tonani), che verteva appunto sul tema se siamo alla fine della civiltà occidentale come la conosciamo e, ça va sans dire, se la narrativa di fantascienza è ancora una chiave di lettura valida del presente, o se – come ormai capita quasi ogni giorno a noi che ne scriviamo – il telegiornale sopravanza regolarmente le fantasie più apocalittiche che noi autori possiamo immaginare.

Ancora fine della ricchezza = fine del tempo = fine del futuro. E allora chi scriverà ancora del futuro, se la fantascienza sono i reportage di borsa del Tg Uno?

Altieri, peraltro uno dei più spietati autori apocalittici del pulp italico (sopra a sinistra e sotto a destra due copertine di suoi libri), diceva che l’”inizio della fine” si può facilmente porre là dove si comincia a rendersi conto che una quantità di denaro virtuale pari a (se ricordo bene) 8 per dieci elevato alla tredicesima potenza dollari non è un’enorme ricchezza: è un numero che non siamo neppure in grado di concepire, di scrivere, sostanzialmente la migliore espressione del nulla di una società che ha trasferito la “realtà” in una proiezione mediatica di un modello di opulenza e benessere in espansione infinita, che ormai esiste solo nei bollettini dei politici che fingono di crederci per tenerci buoni, e dei loro (tele)giornali.

Un concetto che curiosamente è perfettamente metaforizzato dalla produzione conceptual art di Antonio Syxty, artista di performance e teatro che con Altieri non ha apparentemente nulla a che spartire (pur ricorrendo spesso all’immaginario di s/f nelle sue visualizzazioni): si chiama “Money Transfer # 3” e la trovate in mostra alla Boscolo Exedra Milano in collaborazione con la galleria Bagmilano per l’intero periodo estivo (e vedete alcune riproduzioni delle opere qui sotto a sinistra e poi a destra).

“Il grande tema che ha sempre interessato tutto il mio lavoro dapprima come giovane artista, poi di performer e più tardi ancora di regista è stato il tema dell’identità”, spiega l’artista-regista. “La sua falsificazione, la contraffazione, la duplicazione attraverso gli alias e gli avatar etc, e le possibili connessioni/riflessioni con il comportamento umano.
L’idea era quella di generare io stesso i segni di ogni carta, facendola diventare un pezzo unico e non un multiplo, distruggendo – una volta stampata ‐ il file digitale. Mi sembrava importante creare la carta e nascondere in essa narrazione, storia, identità, emotività, senso o non-senso, azione e comportamento”.

Cortocircuito: l’unico nell’epoca delle nuvole di virtualità.

“Più andavo avanti scoprivo che potevo diventare un ritrattista, o un paesaggista e ‐ così facendo – focalizzare i soggetti che più mi interessavano, però filtrandoli concettualmente, evitando i facili richiami grafici, appaganti, o di senso banalmente denigratorio”, continua Syxty. “Non volevo in alcun modo cadere nel tranello di una simulazione facile e di immediato con sumo. Ho iniziato con l’immaginare le tipologie di carte: le FAMILY CARD, le INFINITY CARD, le FIDELITY CARD, le POETRY CARD e via di seguito”.

“Per ogni carta viene generato un PIN e un CVV – spiega ancora Syxty – utilizzando il cifrario di Vernam, un sistema crittografico considerato inviolabile nel 1949, che io utilizzo in modo piuttosto anarchico (quindi usandolo come fonte di ispirazione), ma con l’intenzione di citare a mia volta un comportamento umano che si è dedicato alla crittografia per scopi militari e non solo. Questi codici vengono consegnati al collezionista in modo privato e in busta chiusa, e il cui scopo è anche di creare un legame comportamentale fra l’artista e l’acquirente/collezionista, e non solo”.

“Attraverso la derivazione di quei numeri il fruitore/collezionista, volendolo, può utilizzarli in modo anarchico e privato/individuale per comporre a sua volta password e ID per il mondo reale, e di conseguenza re-immettendoli nel sistema dei numeri e dei codici che sempre più ci viene richiesto di generare per poter accedere ai sistemi virtuali di utilizzo, generati da algoritmi di cifratura e sicurezza sempre più complessi”.

Numeri, codici, cifrari. La cabala del XXI secolo, la nuova alchimia? Dopo l’alchimia del teatro?

“I numeri sempre di più condizionano le nostre identità, costringendoci a generare continui alias di noi stessi, che ci aiutano a transitare attraverso le varie porte che ci vengono proposte dai sistemi virtuali e che vengono replicati all’infinito in un continuum di porte che si attraversano, avanti e/o indietro in un interrotto flusso di tempo che – probabilmente – non si interrompe neanche con la morte.

Ma forse è vero che – altra citazione da Cosmopolis“la logica evoluzione degli affari è l’omicidio” (cui si prepara il protagonista Pattinson nella foto sopra a destra), anche se “hai poco da odiare in questa società“, dove infatti ogni relazione è sterilizzata in un’anoressia emotiva ben rappresentata dalla staticità dell’azione scenica. O di cellulari, dai social network, dalle carte di credito e dagli altri sistemi cui abbiamo affidato un mondo relazionale sempre più fitto e sempre più privo di empatia e identità.

Il cerchio si chiude. Buon divertimento, la città-cosmo è aperta.

No comments yet»

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Thinkingmart.com

- Daily thoughts to go.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: