HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per luglio 18, 2012

Il parco giochi


Sperimentazioni di tecnologia aliena in atto sulle fiancate delle vetture esposte nel parco giochi, nugoli di entità ex antropomorfe di base guardano lo svolgersi di scene evolute poi sgranocchiano semi modificati, ridono di qualcosa remotamente insignificante – scoppi oltre la galassia.

Pennello


Pochi colpi di pennello psichico sulla tela empatica, i colori si diffondono per empatia oltre lo spettro del visibile, lì dove il terzo occhio acquista tonalità quantistiche raffinate.

Calore


In piedi sotto il calore dilagante; in piedi sotto la canicola di codice stellare, matematica esoterica che ricopre, squaglia, rivetta di nuove forme il tuo kernel psichico.

Subpixel, poster pubblicitari ‘de-pixelati’ – Neural.it


[Letto su Neural.it]

Non c’è più alcun dubbio che ogni centimetro di spazio pubblico diventi sempre di più oggetto di analisi per scrutare nei più microscopici dettagli il massimo potenziale per attirare attenzione e quindi guadagno. In preda ad un amorfo modello di domanda e offerta, che può inavvertitamente condurre ad uno sterile cosmopolitismo visivo, lo spazio pubblico rimane una zona grigia dove si combattono battaglie visive in lungo e in largo ogni minuto. Mentre la pubblicità è tutta troppo spesso un corridoio visivo a senso unico, un’efficace e condizionata imposizione di immagini, emerge tuttavia una serie di percepibili spazi vuoti in questa economia visiva, nella periferia di questo scambio visivo tra immagine e spazio. Lo strumento Subpixel del F.A.T. (Free Art and Technology) facilita la manipolazione di materiali stampati come per esempio le pubblicità nelle gallerie della metropolitana. Come affermano i suoi ideatori, Subpixel è “uno strumento realizzato a mano con acrilico tagliato al laser, elastici e nove lamette da barba”, che possono trasformare “un piccolo spazio di una pubblicità metropolitana ‘unidirezionale flusso incessante di merda’ in un griglia di pixel adesivi otto per otto, per un’interazione bidirezionale con il pubblico”. Con i nove rasoi paralleli, partendo da due tagli perpendicolari su una stampa si crea una griglia all’interno della quale gli utenti possono tirare via quadratini creando un trucco visivo – una nuova interfaccia visuale e interattiva – che gli originali autori del manifesto non avrebbe potuto immaginare (lo faranno, a questo punto?). Creando crepe in tutta l’economia dello spazio pubblico, Subpixel non è solo un occasione per riflettere sulla pubblicità e l’autonomia dello spazio pubblico, ma presenta anche opportunità di allerta per i passanti che possono ora interpretare un manifesto de-pixelato come un invito all'(inter)azione. Che il visual hacking abbia inizio.

Hyperreality, filtrare e “renderizzare” il mondo fisico – Neural.it


[Letto su Neural.it]

Forse molti di noi sono diventati insensibili o intenzio- nalmente poco attenti al tema dell’iper-realtà. Mentre ci sono altri che si dedicano ad essa nella speranza di una migliore comprensione della nostra realtà fisica. Il progetto Hyper(reality) di Maxence Parache utilizza un casco dotato di occhiali video ad alta definizione, un guanto Arduino con sensori di forza che controllano la vista 3D, ed una cintura per una fotocamera Kinect allo scopo di fornire una “esperienza digitale, immergendo l’utente in una versione alternativa della realtà vista attraverso il casco”. In questo stato [di coscienza] temporaneamente simulato e creato da informazioni digitali, il mondo fisico viene filtrato e reso come una iper-realtà, mentre l’utente deve interfacciarsi con il mondo fisico reale in cui è, in piedi, seduto o a riposo. Infatti, la iper-realtà che Parache ha sviluppato è fatta di rapporti differenziali spaziali e sensitivi [dovuti in gran parte al guanto Arduino], ma fino a che punto l’utente sia coinvolto in questa iper-realtà visualizzata all’interno del casco dipende in larga misura da quanto egli si riesca staccare dal realtà fisica. L’utente si colloca in questo spazio interstiziale, dove i segni e le dimensioni spaziali si sovrappongono. Ogni stato esperienziale – quello fisico e quello delle immagini renderizzate nella vista 3D, permette ad ogni stato di percezione di sviluppare e attivare le proprie regole contemporaneamente nuove modalità di interazione. Il progetto Hyper(reality) di Parache è anche una proposta più chiaramente articolata per altre applicazioni che lavorano con i modelli esperienziali non solo per comprendere meglio la realtà, la coscienza e la percezione, ma anche per sviluppare il loro potenziale per un lavoro sulla partecipazione, l’istruzione così come l’abilità e lo sviluppo sensoriale. Grazie alla piattaforma con codice modificabile progettata da Parache, le applicazioni future sono attese.

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Thinkingmart.com

- for thoughtful and reflective moments.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: