HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per luglio 27, 2012

Software inumano


Heartburn

Il castello si agita sulle pellicole ipnagogiche della mia sensibilità. Ho lasciato fuori dal recinto ogni iterazione dell’angoscia, è già compresa nel pacchetto di software inumano che sono.

Fuori è dentro


Sulfureo, rende il percorso misto a nero e caleidoscopiche cromie, una continua ricerca dell’oscuro attraverso altre realtà interiori quando l’esteriore è dentro.

Distribuzione, alchemica


Distribuzione e distruzione possono procedere di pari passo lungo la sinergia psichica del dolente, quando la via tracciata è una sinusoide bianca, sterrata, lasciata evaporare come sali alchemici.

Memoria olografica


La memoria olografica si attiva collassando i miei neuroni in uno stato superiore di esistenza. Gioco con la materia, la rendo viva, un demiurgo senza sosta che forse morirà?

I neuroscienziati (Edelman) e i filosofi della mente (Searle) ci insegnano che quando pensiamo a un caro amico e richiamiamo alla memoria il suo volto, le nostre facoltà intellettive ricompongono all’istante le mappe neurali in grado di farcelo vedere e riconoscere, ma non c’è un angolo del nostro cervello dove il suo ritratto sia conservato. La sua immagine non esiste, non permane dentro di noi, ma si ricrea ogni volta che la coscienza intende accenderla. Ora che avremo una scatola nera per i nostri ricordi, e basterà fare doppio clic su qualsiasi traccia visiva archiviata, cosa accadrà? I curiosi vedranno le nostre esperienze visive esattamente come le abbiamo viste e vissute noi? La fotocamera di Google incaricata a trasmettere la mia «occhiata » all’azienda produttrice di accessori per la prima infanzia, è sicura di aver capito cosa stavo guardando mentre vedevo la carrozzina?

Ferite profonde | ThrillerMagazine.it


Una bella recensione a un bel libro (così sembra): su ThrillerMagazine.it si parla di Ferite profonde di Nele Neuhaus, autrice tedesca a me sconosciuta ma che mi sta intrigando per questo romanzo, magari in prossima lettura.

Un piccolo borgo di montagna può nascondere molti misteri, la verità può perdersi fra i meravigliosi paesaggi montani e gli uomini possono compiere indisturbati le loro vendette. Il commissario capo Oliver von Bodestein e la sua collega Pia Kirchoff si trovano costretti ad indagare sulla morte di David Goldberg un anziano uomo di origine ebraica che dopo decenni di esilio in America ha deciso di tornare a passare gli ultimi anni di vita nella sua terra natia, ma qualcosa non è andato come lui prevedeva, e il tranquillo tramonto della sua esistenza si è trasformato in un proiettile in testa inginocchiato sul pavimento del corridoio. Tutto nel caso si mostra inspiegabile e ancor più inspiegabile è perché un anziano perseguitato ebreo abbia il tatuaggio di riconoscimento delle SS. Ma la mano che si è armata contro Goldberg torna presto a colpire in un imprevedibile caccia all’uomo che affonda le sue radici nel passato più oscuro e crudele.

Quello che stupisce della Neuhaus è l’assoluto fascino della sua scrittura, l’intreccio forsennato e parossistico della trama e la dolente umanità dei suoi personaggi. Il suo stile scorre, fluisce, scivola attraverso la pagina avvinghiando saldamente il lettore, dinamico e tagliente utilizza ogni elemento della scrittura per creare un mondo in cui far vivere personaggi e vicende, ma accanto a loro c’è spazio anche per il lettore che diviene personaggio invisibile in una trama in perenne mutamento (è lo stesso incredibile fenomeno di transfert che avveniva con la trilogia Millenium).

I personaggi costituiscono il valore aggiunto dei libri dell’autrice tedesca, uomini e donne (soprattutto i due investigatori), che umani e concreti si muovono in un intricata tela di ragno portando con se il fardello dello loro esistenze, del loro ingombrante passato, con il suo carico di gioie e dolori, amori e odii e che renderanno loro stessi ancor più vivi, reali, amati.

La struttura della vicenda è complessa e articolata ma si dipana con sorprendente semplicità nel susseguirsi degli omicidi e dei misteri, l’autrice sa dove condurre i suoi personaggi e lo farà con maestria e cattiveria. I misteri di un passato crudele e indicibile riemergono dalla memoria e divengono sangue e morte, odio e rancore, mentre i segreti più oscuri di una famiglia reclamano il loro tributo di vite, il tutto fino all’inevitabile precipitare di un finale inaspettato e sorprendente.

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Thinkingmart.com

- for thoughtful and reflective moments.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: