HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per settembre 13, 2012

∂| ThrillerMagazine | Dario Tonani il “nero”


Italiano: Dario Tonani Italiano: Dario Tonani

Intervista a Dario Tonani su ThrillerMagazine.it. Dario è stato recentemente pubblicato su Segretissimo e ora lo stesso racconto (Il fuoco non perde mai) è stato edito da MilanoNera; passare dalla SF di Urania al thriller-noir non è propriamente una passeggiata, e così è nata la chiacchierata:

Puoi raccontarci qualcosa della genesi del tuo racconto?

È presto detto: Il fuoco non perde mai è nato in macchina, nel quotidiano tragitto casa-lavoro. Percorro ogni giorno una sessantina di chilometri di tangenziali attorno a Milano, spesso a passo d’uomo, in coda, aspettando che nel parabrezza compaia qualcosa di un po’ più interessante degli stop dell’auto davanti. Mi sono domandato come possa apparire quella distesa di lamiere vista dal cielo, magari da un piccolo aereo che per un’emergenza sia costretto a tentare un atterraggio d’emergenza, di sera, su un tratto libero di autostrada. E che poi debba in qualche modo essere tolto di lì prima che la città si svegli e torni a muoversi. È stata una delle mie primissime prove dichiaratamente fuori dal genere fantastico; fu Sergio Altieri, allora editor dell’edicola Mondadori, a chiedermi di buttarmi e la storia comparve a gennaio 2010 su Segretissimo.

In bocca al lupo, Dario, anche per queste avventure, ma ormai sei stato in bocca a quasi tutti gli esemplari esistenti 🙂

Economia della Morte: Autopsia | Carmilla on line ®


CarmillaOnLine, sempre lei. La testata, attentissima ai movimenti sociali e culturali, in questi giorni è particolarmente virulenta. Oggi è uscito un bellissimo articolo di Sergio “Alan D.” Altieri che sintetizza efficacemente il baratro sociale ed economico su cui noi italiani e il mondo occidentale in genere danza sconsideratamente, pensando che ormai nulla può più accaderci.

Facendo riferimento alla Legge dell’Entropia, ecco un’ipotesi su come potrebbe configurarsi la bancarotta nazionale di necroland:

– giorno X: “venerdì nero”. A causa di un evento imponderabile – crisi internazionale in area strategica, percezioni economiche globali assurde, estremizzarsi delle crisi del debito – i primari titoli bancari di necroland perdono tra il 10% e il 15% di capitalizzazione;
– giorno X + 1 & 2: primo week-end post venerdì nero. Riunita in sessione straordinaria, la Troika diBBBatte se concedere a necroland un ulteriore prestito di emergenza, altre centinaia di miliardi di n-Euri (a fondo perduto);
– giorno X + 3: “lunedì nero” alla riapertura dei merKati. I primari titoli bancari perdono un ulteriore 10% (perdite totali in tre giorni, 25%) trascinando al ribasso tutti i titoli tecnologici, industriali, edili, etc. etc. etc. Nella non-società di necroland – depauperata & disgregata, urlante & sbavante per il troppo lungo rigor mortis – cresce l’isterismo;

Leggi il seguito di questo post »

Troum – Trahan


Ciclano i suoni della differenza inumana, ciclano e se non te ne accorgi e tutto ti sembra naturale, significa che ti sei trasportato verso casa.

Il guscio della tartaruga. Vite più che vere di persone illustri | Lankelot


Su Lankelot.eu ho trovato questa recensione a un lavoro di Silvia Ronchey, già citata in un mio post precedente riguardo a racconti legati a Costantinopoli. Qui, invece, la Ronchey traccia il presente e il futuro seguendo le orme e le ispirazioni dei letterati classici, quelli romani, quelli greci; il risultato è:

Come scrive la Ronchey? Come una persona che incideva le parole d’una leggenda nella pietra. Con la stessa logica. Questa: “Ammiano Marcellino fu il più grande genio letterario che il mondo abbia avuto nell’età compresa fra Tacito e Dante. Fu tra i più sofisticati, disperati e affidabili scrittori di storia di tutti i tempi. Nessuno quanto lui seppe padroneggiare la clausola ritmica. Nessuno potè attingere a tante fonti di prima mano. Nessuno ebbe una visione altrettanto lucida e buia del mondo che narrava e in cui viveva. Fu un avvocato e un uomo onesto in un tempo di fanatismo e di frode” [p. 10].
E come restituisce lo spirito d’un tempo che abbiamo perduto? Come se fosse ben presente a tutti: così: “Quando la Grecia era stata catturata da Roma e Gesù Cristo era da poco risorto e il grande dio Pan era morto nacque Plutarco di Cheronea, a metà strada tra Atene e Delfi. All’Accademia di Atene fu studente, dell’Oracolo di Delfi fu sacerdote. Fu un filosofo e fu protetto dall’imperatore Adriano. Nessuno scrisse tanto quanto lui, nessuno fu altrettanto letto” [p. 166].
E come parla d’un poeta moderno? Come se fosse suo fratello: “Charles Baudelaire fu un traduttore, ma per poco, un viaggiatore, ma per poco, un giornalista, ma per poco, un rivoluzionario, ma per pochissimo. Fu più a lungo un bevitore e un fumatore di hashish. Fu sempre un poeta. Amava Poe, De Quincey, i classici greci, le vie di Parigi, le prostitute mulatte, i gatti neri. Cambiava continuamente viso come un evaso dai bagni penali dell’angoscia. Vestiva di nero, i suoi occhi avevano un’insensibilità vendicatrice […]. Baudelaire conosceva l’akedia, malattia monastica, e le aveva dato il nome di spleen. La sua anima era una tomba che, come un cattivo monaco, abitava da un’eternità” [p. 27].

PostPopuli – IL NIRVANA DI MARCO ERCOLANI


Sconvolgente questo post di PostPopuli su Kurt Cobain, il leader dei Nirvana che più o meno venti anni fa ha pensato bene di farla finita su questo mondo. E si capisce bene perché, leggendo il post che riporta pensieri intimi del rocker_grunge:

Mia figlia mi ricorda troppo com’ero. Piena di amore e di gioia, bacia tutti quelli che incontra perché tutti sono buoni e nessuno le farebbe del male. Mi terrorizza fino al punto che non riesco più a muovere un muscolo. Non sopporto l’idea che Frances diventi il miserabile death rocker autodistruttivo che sono diventato. Deve potermi odiare per averla lasciata sola. E mi odierà, ci penso io.

Niente. Niente. Niente. Sono arenato. Abbandonato. Ossessionato. Non penso. Se penso dimentico. Un dannatissimo oltremondo alla Leonard Coen. Vorrei averlo dentro, e crederci.

Sono arrivati i morti. Mi accusano per le mie stronzate. Mi chiamano.

Dio decora le case dei porci. Dio mi scopa. Dio mi semina i capelli con le sue uova.

Eroinomane, alcolizzato, narcolettico, nevrotico, una formica impazzita che in qualsiasi momento può andare in overdose, buttarsi da un tetto, spararsi in testa. Ma se almeno la mia musica fosse questa follia e non la merdosa cantilena che applaudite!

Un junkie, certo, ma risulta sempre sconvolgente leggere certe cose autodistruttive, o forse distruttive nell’intimo e capaci di portare un umano altrove.

Leggi il seguito di questo post »

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Flavio Torba non esiste, ma ciò non gli impedisce di descrivere l'orrore.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: