HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per settembre 17, 2012

Biologico espanso


Istruzioni che smuovono il continuum, desaturandolo continuamente in cicli di feedback inalterati e scorretti, parafrasi di una postumanità corrotta e resa gretta dal contatto con gli elementi.

Ultima frontiera


Dissepolto, inusabile, accattivante mentre il supplizio si estende sulle barricate del sogno; io ostento la consapevolezza del dissolvimento, ricalco la strada dell’avanscoperta, perseguo la convinzione della noia: la difficoltà si estende oltre il profilo postumano, rimango ad ascoltare il frinire siderale come se fosse l’ultima frontiera dell’esistenza.

Lex Aurea – numero 43


Su FuocoSacro è uscito il numero 43 di Lex Aurea, la libera rivista di formazione esoterica. Su questo numero articoli interessanti, come quello di apertura su Jung e l’Alchimia, o quelli sugli eggregori o il richiamo allo Spiritismo. Il fascicolo in PDF è scaricabile liberamente qui.

Nocturnia: INTERVISTA CON GIOVANNI DE MATTEO.


Intervista a Giovanni “X” De Matteo. Su Nocturnia una serie di domande fanno luce sulle suggestioni SF e culturali che Giovanni ha coltivato in questi anni di maturazione. Naturalmente ce n’è anche per il Connettivismo; insomma, una splendida chiacchierata con uno dei fondatori del Movimento.

Colgo l’occasione per ringraziare Giovanni, per aver segnalato il mio romanzo in uscita. A buon rendere 🙂

Nick: Quali sono stati gli scrittori e i testi che ti hanno maggiormente influenzato come lettore prima ancora che come scrittore?

De Matteo: I primi nomi li ho fatti poco sopra. A quegli scrittori aggiungerei, per restare in ambito fantascientifico, Fritz Leiber, Alfred Bester, Samuel R. Delany, Greg Egan e Richard K. Morgan. Spostando il tiro verso i territori della crime fiction, sicuramente Raymond Chandler, Dashiell Hammett, James Crumley, Derek Raymond e Hugues Pagan. Tra i libri cruciali nella mia formazione, di lettore prima ancora che di aspirante scrittore, cito almeno La ricerca onirica dello sconosciuto Kadath di H. P. Lovecraft, Neuromante di William Gibson, La mostra delle atrocità di J.G. Ballard e L’arcobaleno della gravità di Thomas Pynchon. Tra gli autori vicini al postmodernismo, con la cui attitudine provo una netta affinità, oltre a Pynchon apprezzo molto anche Don DeLillo, William S. Burroughs e e Kurt Vonnegut. Sul fronte grafico, mi capita di rileggere con una certa frequenza: V per Vendetta e Watchmen di Alan Moore, i fumetti di Enki Bilal, Perramus di Alberto Breccia e Juan Sasturain, Hellboy e la saga del BPRD di Mike Mignola. E non posso trascurare gli autori italiani: Italo Calvino, Vittorio Catani, il compianto Vittorio Curtoni, Valerio Evangelisti e Sergio “Alan D.” Altieri. Sento poi una notevole affinità di vedute con colleghi come Lanfranco Fabriani, Dario Tonani e Alberto Cola. Potrei riempire pagine intere continuando a citare le mie fonti di ispirazione e influenza, che sono davvero innumerevoli, ma forse non riuscirei comunque a rendere giustizia della loro importanza e senz’altro finirei per annoiare i lettori. Quindi mi limito a chiudere con la menzione di una manciata di autori e opere del mondo cinetelevisivo che mi hanno insegnato molto sui meccanismi della scrittura al servizio dell’immaginario: per cominciare, Blade Runner di Ridley Scott, e il cinema di Sergio Leone e di Elio Petri, presi in blocco; adoro la dilatazione dei tempi, la gestione dei personaggi e lo stile narrativo di Michael Mann ( Manhunter, Heat, Miami Vice ) e il nuovo cinema epico di Christopher Nolan ( Memento, Insomnia, la sua rifondazione del mito del Cavaliere Oscuro, The Prestige, Inception), che di Leone sono forse gli eredi ideali; tra i serial, non ho dubbi: dopo il decennio di Twin Peaks e X-Files (almeno nelle sue primissime stagioni), Battlestar Galactica di Ronald D. Moore e Life on Mars di Matthew Graham sono i prodotti che svettano sulla loro generazione, in un decennio in cui non è stato raro imbattersi nell’eccellenza, sia tra le produzioni americane che tra quelle britanniche.

Leggi il seguito di questo post »

Sospensioni Temporali – Magnificent Decay : Solo Exhibition


Domenica 23 settembre si inaugurerà la personale di Luca Cervini, illustratore di NeXT, SuperNeXT e Kipple. Luca è un’artista davvero folgorante, chi ha visto i suoi lavori non li dimentica: un colpo d’occhio fulminante sulle realtà distorte e plasticamente oscure, deviate da un senso di sfuggente distopia.

Sul suo blog i dettagli della personale:

Dopo mesi di incubazione, finalmente è alle porte il vernissage della mia nuova personale dal titolo Magnificent Decay.
My upcoming solo show “Magnificent Decay” will open Sunday 23 september 5.30 pm till 28 october 2012
Magnificent Decay, mostra personale di Luca Cervini 
A cura di: Andrea Lacarpia

Luogo: MIM Museum in Motion, San Pietro in Cerro (Piacenza)
Inaugurazione: domenica 23 settembre 2012 ore 17.30

ingresso libero

Officine dell’Immagine arte contemporanea ha il piacere di comunicare la prossima mostra personale di Luca Cervini, dal titolo Magnificent Decay, a cura di Andrea Lacarpia.
L’esposizione, organizzata dal Premio Alias, vinto nel 2011 da Luca Cervini durante ArtePiacenza fiera d’arte moderna e contemporanea, sarà allestita negli spazi del MIM Museum in Motion, all’interno del Castello di San Pietro, a San Pietro in Cerro in provincia di Piacenza, con inaugurazione domenica 23 settembre alle ore 17.30.

Durante l’inaugurazione della mostra, organizzata con la collaborazione di Officine dell’Immagine, Fondazione D’Ars e SGP, verrà presentata la seconda edizione di ArtePiacenza e del Premio Alias Nuovi Talenti. La mostra rimarrà aperta fino al 28 ottobre.

Verrà esposta una nuova serie di undici opere, per la maggior parte prodotte appositamente dall’artista negli ultimi mesi. Immagini fotografiche dall’atmosfera onirica e dalla forte connotazione esistenziale, elaborate digitalmente come collage fotografici, nelle quali viene indagata la percezione della realtà, nelle sue ambiguità e simulazioni, oltre alla decadenza e il successivo rinnovamento. Sarà presente in mostra anche “La torre e il vento”, opera vincitrice del Premio Alias-Nuovi Talenti 2011. La mostra sarà corredata da un catalogo, con introduzione di Marco Minuz e testo critico di Andrea Lacarpia.

Info:

MIM Museum in Motion
Castello di San Pietro
Via Roma 19 – San Pietro in Cerro (Piacenza)
Tel 0523839056

Officine dell’Immagine
Via Atto Vannucci 13 – Milano
Tel +39 0331 898608 | Cell +39 334 5490900
info@officinedellimmagine.it
www.officinedellimmagine.it

Se siete da quelle parti, in questo periodo, non mancate all’appuntamento.

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Flavio Torba non esiste, ma ciò non gli impedisce di descrivere l'orrore.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: