HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Riflessioni su Il Canto Oscuro | KippleBlog


[Letto su KippleBlog]

Alessio “Galessio” Brugnoli, autore de Il canto oscuro, vincitore del Premio Kipple 2011, segnala sul suo blog una recensione particolare del suo romanzo che non è una recensione, bensì un esame critico dei punti chiave dell’opera:

Premetto di non volere scrivere una recensione: è una scelta di onestà intellettuale. Essendo amico dello scrittore, il mio giudizio sarebbe inevitabilmente di parte. Non è mia intenzione scrivere una marchetta, ma dedicarmi a una critica in senso più ampio.
Non dire mi piace o non mi piace, qui c’è un errore o compratelo, ma cercare di evidenziare quanto il libro di Alessio rispecchi la forma romanzo.
Forma romanzo che può essere identificata con un triangolo, i cui vertici sono l’intreccio, i personaggi, l’ambientazione.
Se nelle forme originali, il romanzo greco e medievale, ciò che predominava era l’intreccio, dal Seicento in poi il vertice dominante è stato prima quello dei personaggi, poi quello dell’ambientazione.
Faccio un esempio concreto: l’Ulisse potrebbe vivere senza Leopold Bloom, ma non senza la Dublino visionaria creata da Joyce.
Quanto ne Il Canto Oscuro si rispecchiano i tre elementi ?

Ambientazione

Benché Alessio si consideri uno scrittore di serie b, disimpegnato e incapace di trattare i problemi veri del quotidiano, dal precariato alla crisi economica, a mio avviso rientra pienamente in quella generazione di scrittori trentenni romani che hanno centrato la loro narrazione sul sociale.
L’obiezione che mi si potrebbe porre è che Il Canto Oscuro sia un romanzo di fantascienza, un’opera ambientata in una Roma irreale.
Una Roma irreale, senza dubbio alcuno, però capace d’essere uno specchio deformante del nostro mondo, in cui domina la corruzione, in cui nascondiamo dietro sinonimi la nostra povertà e dove il potere crea nemici immaginari, per rimanere attaccato alla poltrona
Alessio non nega la Realtà, ma la racconta in maniera diversa, creando un apologo del vivere in tempi di crisi e incertezza

Personaggi

Immaginiamo di incontrare i personaggi del romanzo. Pigri, snob, irresponsabili, mossi da piccole ambizioni.
Li eviteremmo, come persone sgradevoli.
Eppure Alessio riesce a farceli amare. Perchè come diceva Graham Greene
Il ruolo dello scrittore è quello di suscitare nel lettore la simpatia verso quei personaggi che ufficialmente non hanno diritto alla simpatia
Da cosa nasce la nostra simpatia ? Dal riconoscere come nostre le loro debolezze e contraddizioni. Non vederli come esempi, ma come compagni di viaggio.
Sempre citando Greene
Considerando attentamente un uomo o una donna, si poteva sempre cominciare a provarne pietà… Era una qualità insita nell’immagine di Dio… Quando si sono vedute le rughe agli angoli degli occhi, la forma della bocca, il modo in cui crescevano i capelli, era impossibile odiare. L’odio era semplicemente una mancanza di immaginazione.
E la scrittura di Alessio ci fa immaginare. Noi ci costruiamo nella nostra mente la vita di Andrea, di Barbara, di Francesca, Marco e Beppe, i dolori che hanno passato e le scelte che hanno compiuto e vi riconosciamo le nostre.
Odiando loro, odieremmo noi stessi.

Intreccio

È il punto più controverso del romanzo. C’è chi l’ha considerato debole, chi troppo complicato. A mio parere, non è la trama che sconcerta, un ingranaggio dove la ruota dentata più piccola, la morte di Alan Stuart, muove quella più grande, gli intrighi dei vari personaggi, ma le cause.
Abituati alla narrativa di genere, noi ci aspetteremmo come grandi intrighi siano mossi da grandi ambizioni. Non è così per Alessio. Nel suo osservare la società, si è reso conto come il male sia diventato banale.
Non si uccide per conquistare imperi, ma per pochi soldi o per liberarsi di un parente o di un vicino di casa fastidioso.
Questa sproporzione ci lascia perplessi, perchè ci ricorda troppo la vita, impedendoci di sognare.

Credo che Roberto Linsi, autore di questa critica, abbia reso un bel servizio al prossimo lettore de Il canto oscuro; voi che l’avete già letto, vi trovate d’accordo con questa disamina?
Vi ricordiamo che il romanzo è in vendita sia in cartaceo che in digitale, quest’ultimo libero da DRM (in formato sia ePub che MOBI), al prezzo rispettivamente di 11€ e 2,5€. Buona lettura a tutti.

No comments yet»

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

La Nuova Verde

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

Be Different...Be Free !!

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Scrittore horror (per non dire orrido scribacchino)

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: