HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per ottobre 3, 2012

Ammirazione per te


Le tue labbra hanno una configurazione così eccitante da non lasciare scampo alle mie parole: pura ammirazione per te.

Perle e rugiada


Ipermondi connessi ed esplosi nella compressione psichica delle dimensioni. Sono adagiato come perle di rugiada matematica, il sapore è elettrolitico.

∂| FantasyMagazine | Draco – L’ombra dell’imperatore


Su FantasyMagazine la segnalazione di un romanzo storico che mi interessa molto, per il tema trattato: il periodo dell’imperatore Giuliano: Draco, l’ombra dell’imperatore, di Massimiliano Colombo.

355 d.C. Sono trascorsi quasi vent’anni dalla morte di Costantino il Grande, e la stabilità dell’Impero romano è sottoposta a una duplice minaccia: i barbari che premono ai confini, e le lotte intestine rese più aspre dai tentativi di molti generali di autoproclamarsi imperatori. Costanzo II, sul trono dell’Impero d’Oriente, ossessionato dalla paura di perdere il potere, ha istituito una rete di spie per intercettare ogni oppositore. È così che Victor, di origini franche, diventa l’ombra del giovane Giuliano, destinato a vestire la porpora e a diventare il prossimo Cesare delle Gallie. Solitario e incurante del pericolo, intelligente e perspicace ma addestrato a eseguire gli ordini senza porsi domande, Victor è un esecutore, il braccio armato di menti che nel segreto delle stanze decidono il corso della storia. Formalmente incaricato del suo addestramento militare, affiancherà Giuliano in ogni sua mossa, per renderlo innocuo nei confronti delle ambizioni di Costanzo. Giuliano, però, è un uomo di studi, non un condottiero, un filosofo che crede ancora negli dèi e non nel Cristo che li ha ormai soppiantati per legge. E Victor non è l’unico uomo nell’ombra. C’è qualcuno che osserva le sue mosse, e per proteggere se stesso e Giuliano sarà costretto ad abbandonare molte delle sue certezze e intraprendere una strada più insidiosa del previsto.

Battaglie, sotterfugi, tradimenti, amicizie e amori fanno da sfondo al lento e inesorabile sgretolarsi di un impero, in un romanzo che sa cogliere la grandezza celata nella decadenza.

Amo la Roma imperiale, amo i personaggi di quel periodo, amo i continui rimandi che sento vivendo proprio a Roma; questo romanzo credo sia qualcosa di parecchio avvincente, perché cristallizza la decadenza di una civiltà nell’evocazione delle immagini scaturite dalle parole, un momento di massima esaltazione interiore e psichica.

La morte ai tempi del postumano « N I G R I C A N T E


Michele “Dottore in Niente” Nigro mette online il suo contributo a NeXT 17La morte ai tempi del postumano. Si tratta di un’espansione di un suo precedente post apparso sul suo blog qualche mese prima e che Michele ha magnificamente sviluppato nella riflessione che potete leggere su questo link. Faccio i miei complimenti pubblici all’autore, mirabile esempio di lucidità e speculazione postumana.

Perché moriamo? Da sempre gli esseri umani, andando al di là del semplice vivere fisiologico, si sono posti questa domanda scomoda, ancora oggi orfana di una risposta esaustiva. La consapevolezza della propria esistenza è un fardello evolutivo toccato in eredità all’Homo Sapiens: tutte le esperienze della vita, la musica ascoltata, i libri letti, i panorami che hanno riempito i nostri occhi, i tramonti che hanno suscitato riflessioni, i luoghi geografici esplorati e quelli visitati con la fantasia, i ricordi erotici, gli infiniti territori dell’inner space, sono informazioni destinate all’oblio.

.:: Lo scintillante vizio del simulacro_ « PEJA TransArchitecture research


Emmanuele “Peja” Pilia torna a pubblicare sul suo blog. Lo fa affrontando l’argomento ricostruzione postbellica dal punto di vista architetturale.

Il periodo che ruota agli anni ’60, al di là di facili romanticismi, è oramai una vera e propria sfida per lo storico. Anche solo il voler dare una periodizzazione troppo rigida a questa fase sembra vano (anche se questo tipo di affermazione potrebbe apparire come una sorta di commiseranda autoassoluzione da parte degli storici). Ma quali sono gli aspetti che più di altri caratterizzano gli anni che seguono la ricostruzione? Intanto, occorre riflettere sul significato che è andata ad assumere questa fase della ricostruzione. Anche se superficialmente potrebbe sembrare che sia una fase prettamete europea, in realtà anche gli Stati Uniti hanno avuto la loro ricostruzione. L’Europa aveva trovato nella distruzione delle proprie città un’occasione per rinascere, per approfittare del paradosso delle rovine e tentare di tornare ad essere al passo con in tempi, di tornare ad essere grandi, di lasciarsi la storia alle spalle. Gli Stati Uniti avevano un bisogno diverso: dovevano ripristinare la loro crescita, aggiornare il proprio sistema produttivo alle esigenza dei tempi di pace, ma soprattutto la conversione plebiscitaria alla Società dello spettacolo.

Ciò introduce magnificamente il tema che in questo periodo sta tanto a cuore a Emmanuele e ad ALTA, il laboratorio di Transarchitettura, ed è un argomento su cui si fonda la differenza di cultura tra le due sponde dell’Atlantico, differenza data soprattutto dalla mancanza (americana) di passato (quindi di rovine) che genera fenomeni di imitazione, ma anche di distruzione, ridicolizzando con il kitsch ciò che dovrebbe essere europeo e sacro, sacro perché Cultura.

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Thinkingmart.com

- universal content for thinking & reflection. (Beta Phase till 2021)

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: