HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per novembre 18, 2012

Blocco di testa: In tutto questo presente


Maurizio “Scarweld” Landini dà notizia sul suo blog dell’uscita di un libretto con dentro sue poesie. Parliamo di Lo zinco per l’editore Marco Saya Edizioni. È una seconda edizione, qui era stata annunciata la prima, e le aggiunte e aggiustamenti operati da Maurizio sono importanti, e decisivi.

Battiti dal sottosuolo – presentazione di Dreamworking dal cuore di Napoli – recensione a cura di Luca Piccolo | WSF


Dev’essere stata un’esperienza interessante, quella riportata da WSF.

Non è sempre facile riportare al meglio qualcosa cui si è assistito, ma con la presentazione che s’è tenuta il 27 Ottobre del corrente anno di Dreamworking (progetto musicale dell’Orchestra Esteh che abbiamo già ospitato tra queste pagine), ciò è ancora più difficile, poiché l’evento è andato a toccare e a “risvegliare” i partecipanti nel loro intimo.

La location è stata il “Museo del Sottosuolo” di Napoli, situato al civico 140 di piazza Cavour. Attraverso un percorso guidato dai suoni di Phalaenae Nigrae (opening-track di Dreamworking) e dalle stupende “fotografie dell’invisibile” di Anita Annunziata, i presenti sono stati costretti a “sprofondare” lungo una suggestiva scalinata, che, guidava la mente ai contenuti del saggio “Suono Sacro Sogno”.

Con un simbolismo immenso, lo spettatore appena giunto al termine delle scale si trovava in una delle enormi (e stupende) cave del sottosuolo napoletano, dove, era manifesto un enorme velo. Il proiettore “incideva” nella tela la copertina dell’album.

Immagino che la maggior parte degli spettatori sia stata stimolata dalla voglia di “stracciare” quel velo e scoprire cosa vi fosse occultato oltre.

Con un colpo di campana e poche parole Vinz annuncia la via nocturna presieduta da Alberto Brandi, noto autore in ambito iniziatico per il suo “La via Oscura” (ed. Atanòr). Brandi è stato chiaro e conciso, sviscerando il cuore di Dreamworking, ricercando le origini del sogno nelle varie culture sia orientali che occidentali e creando terreno fertile per alcune riflessioni al riguardo.

Vinz Notaro è uno sperimentatore onirico e iniziato a certe cose occulte, vi invito a leggere l’intero post per percepire meglio le energie rappresentate in quello spettacolo, riportate molto meglio di quanto farei io.

E’ USCITO “MAINSTREAM”, N. 11 di IF « N I G R I C A N T E


Riprendo la segnalazione che Michele “Dottore in Niente” Nigro fa sul suo blog. Si parla del numero 11 della rivista IF (Insolito e Fantastico) che si addentra nel territorio contaminato tra mainstream e Fantascienza; è un luogo che si va esplorando sempre più spesso, anche noi connettivisti lo stiamo facendo sempre più frequentemente. Vi invito, quindi, alla lettura del post, complimentandomi con la redazione di IF pur ritenendo (piccolo peccato veniale) che la cover riguardi esclusivamente la vecchia idea di SF.

Il grano di Dio ∂ Fantascienza.com


Italiano: Sassi di Matera

Italiano: Sassi di Matera (Photo credit: Wikipedia)

Segnalo questo bel racconto di Filippo Radogna che è apparso su Fantascienza.com: Il grano di Dio. Un piccolo passaggio:

Mi svegliai con le ginocchia di piombo. Mi sentivo come intrappolato e vulnerabile con uno sgomento acuminato nel cuore, agitato e tra vampe di sudore come fossi ancora nell’incubo. C’era il ronzio monotono del condizionatore acceso. Erano le 3 e e tre quarti del mattino.

Sentii armeggiare dietro la porta. Mi alzai e in un tempo brevissimo la aprii, con sbalzi aritmici del cuore e tra infiniti affanni. Vidi un’ombra bianca che, nella foschia della notte, scompariva dietro l’angolo. C’era afasia tra i miei pensieri e le mie azioni e una condizione illogica che mi premeva. Le gambe dopo l’intorpidimento dell’incubo si muovevano velocemente come fossero autonome. Per strada inciampai in malo modo nella grata divelta di un tombino. Mi avvitai su me stesso cadendo sbilanciato in avanti imprecando ferocemente mentre mi stringevo le mani attorno alla caviglia. In un istante mi rialzai. Vacillavo come un ubriaco. Voltai l’angolo. Nessuno.

Perso nella Città Morta

Il Grande Arco di pietra apriva l’accesso all’antica Città Morta. Era una babele di rovine accavallate nascoste dall’andamento irregolare di roccioni in un impasto architettonico di costruzioni tufacee, sentieri, grotte strambe e buie scavate nelle viscere della terra.

Un tempo si chiamavano i “Sassi di Matera”. Percepivo, mentre mi avventuravo nell’imbuto che mi inghiottiva, un’immagine inquietante e minacciosa. La tensione saliva. Tutto si mescolava in una melassa nera di concetti e gesti. I riflessi della Luna rossa nella foschia densa del cielo davano alla Murgia deserta, che scorgevo di fronte in lontananza, l’impressione di una veduta di Marte. Ne intravedevo i profili di rocce aguzze o levigate color ruggine che finivano sull’orlo dello spaventoso crepaccio primordiale del torrente Gravina.

Recensione a Olonomico


È in Rete la prima recensione a Olonomico, il mio romanzo che ho presentato già qui. La potete leggere su GoodReads ma ve la riporto anche qui sotto. Grazie, ancora una volta.

Eccellente romanzo e ottima prova dell’autore, davvero all’apogeo della sua maturazione stilistica.
Lo stile di Battisti è sempre inconfondibile, basato su una scrittura empatica, emozionale, oltre-umana, non prettamente lineare – di sicuro non facile né gradita a tutti. È necessario entrare in sintonia con il flusso viscerale della narrazione, lasciarsi trasportare dall’intrecciarsi dei diversi livelli spazio-temporali, fortemente contraddistinti da tinte postumane ed esoteriche, cadere negli abissi dello spazio profondo.
Una fantascienza d’avanguardia, che ormai ha pressoché abbandonato l’umano, vive di connessioni siderali e matematiche, nel frangersi e specchiarsi di un continuum contro l’altro, piani come in quadro di Escher in cui si muovono esseri alieni, statuari, senza tempo (dire oltre il tempo stesso).
Più realtà che alla fine si collegano tra loro in un’imprevedibile matassa, destini di ogni livello spazio-temporale che si intessono tra loro, il tutto scandito da suggestioni, visioni provenienti dal futuro più remoto e da un salmodiare esoterico arcano più dell’universo stesso… Coinvolgente, emozionate, epico. L’apice, la fine – o solo un altro inizio in una delle mille possibile combinazioni della ingannevole realtà, in qualche distante e sconosciuto altrove – dell’Impero Connettivo.

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

listen to the tales as we all rationalize

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Gallerie da Vinci

Paesaggi dell'Anima

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: