HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per gennaio 21, 2013

Ophion – The realm of slumber


Lascio andare il placido esistere, come se fossero messaggi inarrivabili e inascoltabili. Ho la certezza di essere ben impiantato altrove, per cui anche qui.

Il cono abissale delle rivelazioni


Rotoli di informazioni lasciate decantare lungo il crinale psichico, momenti estesi di pura agorafobia quando guardi dentro te, dentro il continuum riversato nel cono abissale delle rivelazioni.

Fantasy Planet – L’ultimo cosmonauta di Alastair Reynolds


Una bella recensione (e non solo) a L’ultimo cosmonauta, di Alastair Reynolds, edito da Delos Books, è apparsa su FantasyPlanet a opera di Sandro Pergameno.

La storia, cupa e drammatica, si articola su due piani narrativi. Uno è quello del presente dell’io narrante (circa trenta anni dopo la comparsa del Big Dumb Object nel sistema solare), in cui assistiamo alla fuga nel gelo della notte siberiana di Dimitri Ivanov. Ivanov è un ex cosmonauta russo che ha fatto parte dell’equipaggio della navicella spaziale inviata dalla nuova Unione Sovietica (unica potenza sopravvissuta al crollo della civiltà occidentale) a esplorare il gigantesco ed enigmatico oggetto nero denominato Matrioska, perché costituito da più strati quasi impenetrabili, uno dentro l’altro proprio come le famose bamboline russe. Solo passando attraverso gli strati della matrioska aliena i cosmonauti potranno scoprire lo scopo della missione nel nostro sistema solare di questo oggetto cupo e minaccioso.

Ma torniamo a Ivanov. È vestito solo con un pigiama e un logoro cappotto. Lo stanno inseguendo e sa che probabilmente lo prenderanno molto presto. Alle sue spalle aleggia l’ombra terrificante di nuovi gulag e di una nuova dittatura sovietica, che riecheggia quella di staliniana memoria. Ivanov sta cercando, nella gelida notte siberiana, di contattare un’anziana astronoma, Nesha Petrova, l’unica che aveva forse compreso l’importanza della matrioska aliena e che potrà aiutarlo in una missione apparentemente disperata.

L’altro piano narrativo (collocabile a qualche anno prima) è quello del viaggio nello spazio della navicella spaziale sovietica (con l’equipaggio composto da tre cosmonauti), raccontato in prima persona dall’unico superstite, Ivanov appunto. I tre cosmonauti dovranno indagare la sfera nera di natura misteriosa ma chiaramente artificiale che è comparsa in orbita attorno al sole, anche a costo della propria vita.

Chi ha già letto cose di Reynolds sa di cosa parlo, di quel senso del meraviglioso trascendentale, tecnologico e scientifico ma anche mistico, che prende l’anima e non vuol mollarla più fino alla catarsi con lo spazio siderale stesso. Lunga vita e prosperità a Reynolds, e a tutto il genere della Space opera.

VITO INTRONA RECENSISCE “SENTIERI DI NOTTE” SU “FANTASCIENZA E NON SOLO” « Giovanni Agnoloni – Writing and Travelling


Segnalazione sul blog di Giovanni “Kosmos” Agnoloni riguardante una recensione di Vito Introna al romanzo di Giovanni, Sentieri di notte. Ottime impressioni, vi posto qui sotto uno stralcio della rece:

”Sentieri di notte” è un testo notevole, un libro rivolto ai lettori di fascia alta che non risulterà indigesto nemmeno ai neofiti del genere. Il Connettivismo, si sa, non è pane per tutti ma rispetto ad altri testi del medesimo genere da me letti e recensiti direi che Giovanni, allo stato, si è rivelato l’epigono più divulgativo dell’intero movimento.

Il disegno della bellezza


Il disegno della bellezza è un sintomo della necessità di andare oltre le dislocazioni interiori e umane, un senso di perfezione che s’innalza oltre la cortina del carapace biologica e diventa, diviene, è, pura catarsi.

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Flavio Torba non esiste, ma ciò non gli impedisce di descrivere l'orrore.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: