HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per gennaio 24, 2013

Sulle nuove scoperte relative all’infostorage nel DNA


A section of DNA; the sequence of the plate-li...

A section of DNA; the sequence of the plate-like units (nucleotides) in the center carries information. (Photo credit: Wikipedia)

La notizia del giorno è che il DNA può essere un buon posto per registrare le informazioni; tutte le informazioni, da un testo a della musica fino alle foto, senza che ci sia bisogno di energia elettrica per mantenerle e leggerle e senza che si debba aver paura del deterioramento del media. La notizia è sintetizzata da Le Scienze e ciò scatena una ridda di supposizioni, speculazioni mentali e trascendentali di cui intravedo appena l’inizio. Per esempio: se io ho registrato in me un testo letterario, posso vivere perennemente con il mood di quel testo dentro? È quella la causa del mio carattere piuttosto che la disposizione dei neuroni in un determinato settore cerebrale? Se ho delle percezioni extrasensoriali, la causa può essere che il mio DNA ha codificato all’interno qualcosa che corrisponde direttamente a quelle percezioni? Se posso registrare di tutto nel codice genetico, ha senso pensare che ha insito anche la codifica compressa in tre dimensioni di altre matematiche, di altri continuum, in modo tale che io non mi senta appartenente totalmente a questo mondo bensì pure ad altri? Il DNA, allora, mi può mettere in comunicazione con tali universi, seppur in modo limitato e approssimativo? Quali informazioni ineffabili trasmetto alle generazioni future, nascoste in sequenze ritenute spazzatura e che invece contengono davvero il mio modo di essere? Chi, o cosa ha costruito e prima ancora, ingegnerizzato, il DNA?

Sono stato aiutato a estrapolare le idee appena esposte anche da questo articolo, che ha suscitato in me più dubbi che suggestioni, e che però non posso fare a meno di segnalare perché alcuni suggerimenti mi sembrano più sensati degli altri, pure se la carenza di documentazione dei fatti è cronica. Inoltre, questo post scritto ieri, prima ancora che sapessi delle possibilità di storage del DNA, è in odor di Sincronicità; in realtà mi sembra più una conferma del DNA che si mette in comunicazione con le possibili altre realtà. O forse sono io che sono partito completamente verso questo mood mistico, tanto da non riuscire più a tenere i piedi per terra…

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

L’appartenenza dei luoghi


Ho voltato la testa, richiamato dall’eco profondo della pioggia che sgocciolava dalla grondaia ho guardato, tra le sbarre, il cortile al di là della strada: un denso déjà vu è salito dalla notte dei secoli, il luogo era lo stesso e tramite il risuonare ero collegato di nuovo a Lei; la visione si riverberava di colori forti, come se fosse India, il santuario scalava la mia percezione e mi dominava così come fa oggi, con la sua imponenza. Il richiamo mi ha piacevolmente avvolto: io appartengo a questo luogo, a questa città.

La poesia nel Connettivismo al Mangiaparole


poesia_mangiaparoleSabato 26 gennaio, alle ore 16.00, sarò al caffè letterario Mangiaparole, sito in via Manlio Capitolino, 7/9, Roma, come ospite nell’ambito del Laboratorio di Poesia, per parlare di come il Connettivismo s’inserisce nell’alveo poetico. Ci vediamo lì?

«Sì, sono il re dei visionari ma sul futuro ci azzecco» – IlGiornale.it


Intervista densa a Bruce Sterling, reperibile su IlGiornale.it, in concomitanza con l’uscita del suo nuovo romanzo Love is strange, in eBook, per la 40k.

Che cosa diventerà quella che oggi chiamiamo letteratura? Sembra che stia «perdendo peso»…
«Se si è in empatia con fiction ed editoria, si può ammettere che la situazione è agghiacciante. D’altra parte, le letterature sono state ripetutamente distrutte nei secoli, ma la parola scritta è sempre “guarita” con molta più facilità rispetto a pittura, musica, architettura o moda. Eco e Carrière, nel saggio Non sperate di liberarvi dei libri puntualizzano che sono i format media a essere fragili, non la stampa. I nostri sembrano tempi bui per la carta stampata, ma l’orologio non si ferma…».

Leggi il seguito di questo post »

La materia ricorda tutto


Il susseguirsi delle gocce d’acqua racconta la costante dielettrica che ricorda tutto, ricorda ogni passaggio, ricorda le immagini che si susseguono nell’aura fisica che ci circonda: la materia ricorda tutto.

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 28 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist 📌 Edizioni Underground? 📌 Edizioni Open 📌 Panesi edizioni 💬Cartoonist 🌋Sicilian blood 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: