HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Kipple.it: Orwell contro Huxley. Una terribile verità?


Eccellente post su KippleBlog, riguardante i sistemi di controllo da parte degli organismi statali e di controllo economico e che sono in voga dal secolo scorso. Roberto Bommarito fa il confronto tra due metodi principali di controllo, quelli sottolineati da Orwell e quelli preconizzati da Huxley, il primo messo in evidenza dal romanzo 1984 e l’altro dal romanzo Il nuovo mondo; ne è nato un post effervescente e, a suo modo, terrificante.

George Orwell (pseudonimo di Eric Arthur Blair) e Aldous Huxley hanno saputo dissezionare, forse meglio di qualsiasi altro autore, il fenomeno della dittatura, costruendo dei modelli distopici entrati oggi a far parte della cultura popolare.
Eppure – e questo punto come vedremo è importantissimo – si tratta di due forme dittatoriali di natura molto diversa, quasi opposte.
Da una parte abbiamo la dittatura esplicita descritta nel romanzo di fantascienza 1984 da Orwell appunto, fatta di oppressione, censura, manipolazione dell’informazione, limiti materiali come quelli dettati dai confini degli Stati in guerra e, soprattutto, sofferenza. Insomma la medesima realtà dittatoriale che si è manifestata concretamente negli eventi che hanno portato al secondo conflitto mondiale. Il libro fu infatti scritto nel 1948. Il lavoro di Orwell non è quindi tanto un gettare lo sguardo oltre, quanto una riflessione su ciò che il mondo aveva già subito. Forse per questo oggi l’Occidente sembra in qualche modo vaccinato contro questo tipo di totalitarismo. L’abbiamo già vissuto, se non direttamente attraverso le testimonianze di persone a noi vicine.
Ma esiste anche un’altra forma di dittatura, questa forse molto più pericolosa perché subdola, una rete invisibile che si estende, specialmente grazie ai mass media ma non solo, fino a catturare nelle sue maglie la gente, senza che però questa se ne accorga. Parliamo della dittatura articolata da Huxley in Brave New World (Il nuovo mondo) e in altri suoi lavori di critica sociale.
L’opera di Orwell, anche grazie al famoso reality showGrande Fratello, è molto più nota di quella di Huxley. Non per questo Il mondo nuovo è però meno importante. Tutt’altro. Potremmo addirittura scoprire che quest’ultimo è molto più rilevante per la nostra società occidentale di quanto non lo sia quella descritta nelle pagine di 1984.
Ecco, riassunte in pochi punti essenziali, alcune delle divergenze principali:
  • Orwell: Censura dell’informazione.
  • Huxley: Proponeva che non ci sarebbe stato alcun bisogno di censurare i libri perché tanto alla gente non sarebbe importato leggerli.
  • Orwell: Poche notizie filtrate e manipolate.
  • Huxley: Information overload, ovvero bombardare lo spettatore di così tanti dati da renderlo incapace di distinguere fra buona e cattiva informazione, spingendolo nel baratro dell’alienazione, dell’egotismo. Stordito dal bombardamento mediatico, lo spettatore preferisce, ad esempio, i quiz televisivi.
  • Orwell: Temeva uno Stato-prigione.
  • Huxley: Temeva la cultura della trivialità. Gente a cui importa solo di ciò che riesce a distrarla. La gente vuole essere distratta, perché lo preferisce al peso della responsabilità di vedere la realtà per quello che è. Preoccupazione questa simile a quella che espresse prima di lui il filosofo tedesco Friedrich Nietzsche che, nel suo insuperato capolavoro Così parlò Zarathustra, scrisse: Che cosa è amore? Che cosa è creazione? Che cosa è nostalgia? Che cosa è stella? Così chiede l’ultimo uomo e ammicca.

Interessante la chiosa del post che invito a leggere comunque integralmente:

In chiusura, le parole di Huxley in una lettera indirizzata a Orwell: La sete di potere può essere soddisfatta nella sua pienezza inducendo le persone ad amare il loro stato di schiavitù, piuttosto che ridurle all’obbedienza a suon di frustate e calci. Insomma, penso che l’incubo descritto in 1984 sia destinato a evolversi in quello descritto in Il nuovo mondo, se non altro come esito di una necessità di maggiore efficienza.

Chi vi ricorda, della situazione attuale?

1 commento»

  seauton wrote @

Bell’articolo. Purtroppo da noi, in Italia, Huxley è sottostimato e men che meno letto.

"Mi piace"


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

J. Iobiz

Scrittore. In realtà, sono solo un personaggio di fantasia, ma di quale fantasia non ricordo più

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

Mágica Mistura✨

Uma mistura mágica de poesia, imagens, música, citações, atualidades e velharias do Brasil e do mundo,sempre com um toque de inconformismo ...

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Television, and Music Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

corruptio pessima optimi

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana sul cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Astro Orientamenti

Ri orientarsi: alla ricerca del nostro baricentro interiore

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: