HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per giugno 21, 2013

Prepariamoci a uno shock terminale | Il futuro è tornato


Intervista a Giovanni “X” De Matteo su IlFutoroTornato, in relazione alla sua ultima uscita editoriale, Terminal shock per la MezzoTints Ebook.

D: Terminus e la sua  imponente alienità sembrano poter riproporre temi ed atmosfere della hard SF, vengono in mente Arthur C. Clarke e il suo Incontro con Rama; come si pone un autore moderno di fronte a un tema “classico” come questo?

R: Clarke è stata una lettura illuminante, con Rama ma anche con i suoi racconti, a partire dal leggendario “Sentinella” che già fornì a Kubrick l’ispirazione per il monumentale 2001: Odissea nello Spazio. Sono sempre stato affascinato dai grandi misteri in spazio aperto, e credo in ambito letterario che non ci sia mistero più grande dei Big Dumb Object che dai tempi di Clarke costellano la storia della fantascienza rivolta verso la frontiera dell’esplorazione spaziale: penso a Titano di John Varley (la cui trilogia è in corso di ristampa su Urania Collezione) ma anche a tantissima new space opera, specie di stampo britannico, come i reperti del Fascio Kefahuchi di cui ci parla M. John Harrison nella sua trilogia iniziata con Luce dell’universo, oppure la tecnologia “marziana” della trilogia di Kovacs di Richard K. Morgan, senza dimenticare l’inarrivabile Iain M. Banks, o ancora Paul J. McAuley e Alastair Reynolds.

Si tratta di un soggetto affascinante, perché mette l’uomo a confronto con l’ignoto, si rifà in qualche misura alla teoria kantiana del sublime e impone una sfida straordinaria, per i personaggi della storia, ma anche per l’autore stesso. Praticamente siamo davanti a un condensato di sense of wonder, a cui si possono accompagnare problemi di ordine etico, cosmologico, e via dicendo, a seconda delle attitudini dell’autore. Anche pensando a una dimensione più umana, il contatto con una struttura inspiegabile, di origine ignota, richiederebbe quello che viene definito come “cambio di paradigma”, ovvero la necessità di riconsiderare il ruolo dell’umanità nell’ordine dell’universo. Non è un caso se lo stesso J.G. Ballard, a cui dobbiamo la rivoluzione dell’inner space e della New Wave, a un certo punto pensò di cimentarsi con la tematica, in uno dei suoi racconti non più noti, ma a mio giudizio comunque memorabile: “Relazione su una stazione spaziale non identificata”.
In definitiva pensiamo alla carica immaginifica che accompagna il tema, all’impatto che un’ipotetica scoperta del genere potrebbe avere sull’evoluzione della civiltà. In questo senso, penso che i manufatti alieni rappresentino un espediente letterario ancora attualissimo, che si presta a essere sfruttato anche da chi vuole distanziarsi dai classici: si tratta di un ambito così vasto che ogni scrittore può esplorarlo secondo una traiettoria personale, capace di garantire una prospettiva nuova e non abusata.

Nel solstizio_reprise


Ascolta la decadenza solare, nel momento del suo culmine, e sublima la carne nella consistenza empatica del Nulla senziente.

Nel solstizio


Calando il capo verso il terreno, abbacinato dall’enorme luce intorno, ascolto le energie farsi voce, e poi immagini, poi presenza; sembra di esistere su piani paralleli collegati, wormhole inaspettati mentre il delirio mi prende.

”Lo zinco” di Maurizio Landini Marco Saya Edizioni – recensione di Iannozzi Giuseppe | Iannozzi Giuseppe in arte “Beppe Iannozzi”


Sul blog di Giuseppe Iannozzi (che ha bisogno di zero presentazioni) è comparsa la recensione al lavoro poetico di Maurizio “Scarweld” Landini, Zinco. Lascio le parole al buon Giuseppe, e come dargli torto? Complimenti a Maurizio, per l’ennesimo capolavoro.

La poesia di Maurizio Landini non indica soluzioni né si presta a convincimenti di sorta. In apparenza la tentazione sarebbe quella di bollare i versi scabri e diretti di Landini come ungarettiani e morta lì; e però diremmo bestemmia, perché la rivoluzione che Landini porta (e rinnova) è anche majakovskijana oltreché ungarettiana, tenendo così fede a un suo personalissimo stile che scava nella drammaticità dell’umana (r)esistenza .
Nei versi di Landini prepotente si fa strada la precarietà del vivere quotidiano che, quasi mai, si disgiunge dalla caducità di cose e persone. La vita che Landini descrive è all’insegna della precarietà, nessuno si eterna e tutti sono potenziali vittime di Kronos, del dio che per paura d’esser spodestato dal trono divora i propri figli: “L’attimo prima/ del taglio è il rumore/ di carne che cede/ l’urlo che taglia il lume degli occhi.”

NEON – ISOLATION


È il momento del solstizio estivo, ora, e questa volta lo voglio festeggiare con un brano che avevo sommerso nella marea dell’oblio. Neon, da Firenze, prima metà ’80, in piena ondata dark, mi sommerge un’orda di ricordi di quegli anni e del culto che si appiccicava addosso alle persone, alle situazioni, agli artisti, perché le notizie non circolavano o circolavano pochissimo. Il suono di quegli anni: adoro…

Leggi il seguito di questo post »

Mareducata

Chi volete che io sia?

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

Tesla Afterburner and the Infinite Sadness

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

Giuseppe Travaglini

Musica, cinema e altro

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: