HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per luglio, 2013

Kipple.it: Gli audiolibri Kipple su Il Narratore


[Letto su KippleBlog]
Gli audiolibri Kipple viaggiano anche su altri negozi digitali. E’ il caso di tre opere della nostra casa editrice, nell’ordine Il gatto di Schrödinger e altre storie e Quello che resta del sole di Lukha B. Kremo, insieme a Vertigine di Vidherr. I file mp3 sono in vendita a 4.99€ l’uno e sono letti da Lorenzo Visi.
Una proposta interessante per le vacanze, senza nemmeno l’ingombro della carta, e nemmeno dei lettori eBook: dovete soltanto mettervi sotto l’ombrellone e ascoltare, magari a occhi chiusi, le proposte connettiviste dei nostri autori.

La Boutique del mistero | Lankelot


Segnalazione per Dino Buzzati su Lankelot.eu. Questo autore nostrano, mai troppo conosciuto, è setacciato grazie a una sua raccolta di racconti, La boutique del mistero. Un estratto:

“La boutique del mistero” (1968) è una raccolta di racconti curata dall’Autore stesso, che vuole così far conoscere il meglio della sua produzione. Si tratta di testi piuttosto brevi e vari, che ruotano attorno al mistero, al surreale, al fantastico, all’angoscia per la malattia incipiente, al senso della morte, alla precarietà della condizione umana.
Buzzati mostra di conoscere molto bene le reazioni e i sentimenti umani e di saperli oggettivare in storie e personaggi, a volte struggenti come la madre e il figlio ne “Il mantello”. Qui un giovane partito per la guerra, torna improvvisamente a casa dalla mamma, ma rimane pochissimo, giusto il tempo di un saluto. Non si toglie mai il mantello, mentre fuori lo attende un misterioso personaggio oscuro. Il dialogo tra la madre e il figlio è molto semplice e commovente, la donna si illude che il giovane sia tornato per sempre, invece poco per volta comprende la tragica verità: il personaggio misterioso è la morte, che ha concesso al ragazzo di dare un ultimo saluto alla madre, prima di portarselo via per sempre. L’amore e l’affetto riescono per un attimo a superare anche la morte.
Inquietanti per il senso di ignoto e di angoscia sono “Eppure battono alla porta” (quale capacità hanno gli uomini di illudersi e di negare persino l’evidenza!), “I topi”, “Il colombre”, storie di allucinazione e stranezza, con atmosfere degne di E.A.Poe. La strana goccia d’acqua che sale le scale ne “La goccia” ha invece qualcosa d’inquietante quanto le macchie e le muffe di Lovecraft. Ne “I sette messaggi”, che narra la vicenda del principe ereditario che parte per conoscere tutto il regno e finisce per non trovarne i confini, ci rivelano da un lato il desiderio di continua conoscenza dell’uomo, dall’altro il senso d’inquietudine che l’irraggiungibile trasmette.

Suono olofonico


Soffocato dalle vibrazioni quantiche del mio cerebro elaborato, cerco di non interferire con il collasso finale della materia, e di reiterare gli strali eccessivi del suono olofonico all’interno della mia camera craniale espansa.

Certezze positiviste


Indisposizioni meste e assai poco postumane si spostano sugli assi alterabili della cognizione, movimenti esoterici che significavano il traballare delle certezze positiviste.

Folletti


Incantato e reso disponibile alla condizione estatica, cerco simboli e scruto frequenze visive da stop motion, trovandole radiose nell’acqua torbida.

Le sorgenti


Porgo i miei sentimenti alterati dalle visioni postumane e distribuisco il mio kernel interiore verso le alte sorgenti del Nulla senziente.

Front Line Assembly – Iceolate


Un brano datato molti anni fa, ormai. Ma decisamente devastante e disturbante, come il video. Da assimilare continuamente.

Riemergono, loro


I simboli si accalcano continuamente mentre le immagini sgorgano spontanee, continue, racchiuse in un lembo di territorio che raccontano orrende figure magiche.

SCHELETRI.COM – RACCONTI DEL WHISKY I – Jean Ray


Recensione a I racconti del Whisky, di Jean Ray, edito da Hypnos, su Scheletri.com. La casa editrice, lo ricordo, si produce in riproposizioni di autori del Fantastico dimenticati eppure importanti; questo ne è un esempio:

Ritorna Hypnos con una raccolta del maestro Jean Ray. Questa casa editrice è ormai una delle poche, se non l’unica, a portare avanti un certo discorso e presentare ancora nel nostro territorio autori del genere weird, horror e fantastico che avrebbero bisogno di un ben altro trattamento e visibilità. La biografia del Nostro è stata ampiamente trattata nel volume di racconti il Gran Notturno uscito in precedenza sempre per Hypnos, questo volume si apre con una interessante prefazione di Francesco Lato della quale non vi svelo niente ma che completa il discorso e presenta i racconti qui inclusi. Il tema portante, come si evince, è quello del Whisky, che costituisce il peculiare e sottile filo che idealmente rende organica la raccolta. In realtà questo è solo un pretesto per fingere organicità a quella che nelle intenzioni era una sorta di ‘best of’ della produzione di Jean Ray apparsa in quel momento su riviste dell’epoca. E’ vero, di tanto in tanto compaiono elementi ricorrenti: il bar L’Angolo Incantato o i marinai Bobby Moos e Hildeshiem, gli usurai, ma è troppo poco per pensare davvero a un’organicità. La qualità di scrittura di Jean Ray è inconfondibile, troviamo i temi a lui cari sviluppati con una notevole dose di ironia e grottesco, più presente qui rispetto ad altre sue opere. I racconti sono tutti piuttosto brevi, ma non mancano di incisività e di arguzia. Il lettore si aspetterebbe di trovare un’ambientazione francofona, invece in questo caso la maggior parte delle atmosfere evocano una Londra immaginaria, ricreata in seguito alle letture di Dickens, che pervade le pagine come un nome tutelare, ma non per questo meno affascinante, con le sue ombre, le sue nebbie e i suoi tipi umani, con la loro avarizia e le loro miserie. Conclude il volume la preziosa post fazione di Danilo Arona, un’analisi che partendo dall’opera di Jean Ray, va a toccare altri maestri del fantastico e i legami tra letteratura e cinema, nelle poche (e dai risultati modesti) rappresentazioni tratte dalle opere di Jean Ray.

Birthday


Il giorno è profondamente radicato nel tuo continuum, particolare anzi unico, unico anzi capace di far affondare carne e anima e psiche. Da lunga distanza rimane soltanto la frustrazione di non potere, di non riuscire, ma non di non volere: la carne affonda là, nel burro di anima e psiche e carne. Con profondità di voleri.

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Fuliggine

“The books gave Matilda a comforting message: You are not alone." Roald Dahl

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Nerxes.com

– Daily writings | for thoughtful & reflective moments.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana del cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: