HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per agosto 20, 2013

Buio a contatto


Informale, ecco le esemplificazioni visive poste sulla linea di demarcazione misterica, continue evoluzioni disincarnate accalcate sulla mensola, sull’abisso incipiente e crudo. Lì, buio a contatto penetrante.

Riverberi


Sul filo della notte raccolgo ogni suggestione e ne dirimo le certezze psichiche osservando, ascoltando, lasciando che le onde sonore si accavallino su sé e riempano di riverberi la mia esistenza.

Illuminano


Rivoltano le dimensioni, fino a farne consistenti insistenze, fino a determinarne la fine insensibile e ingloriosa, una messe di fasci di luce oscura che illuminano la psiche e l’oltre.

30 anni


Giornata particolare oggi, perché festeggio 30 anni di scrittura. Mi stupisco della cifra raggiunta, delle migliaia e migliaia di cose scritte, delle idee macinate e vagheggiate, di tutto quello che col Connettivismo è successo… Mi stupisco e intanto, permettetemi, un goccio di alcol puro per sballarsi immediatamente, cercando di non soffocare.

T.A.C. Tomografia Assiale Computerizzata: Ouvrez Vos Auditifs Canaux | Ver Sacrum


[Letto su VerSacrum]

I T.A.C. sono indubbiamente da considerare uno dei gruppi industrial e sperimentali italiani fondamentali, seminali e non inferiori ai grandi nomi del genere come gli influenti Coil. Formatisi a Parma nel 1981, inizialmente l’ensemble è costituito da 5 elementi ovvero Simon Balestrazzi (che diventerà successivamente il leader dei T.A.C), Andrea Azzali, Giorgio Barbuti, Gianpaolo Terenziani e Fabio Cortesi. Ora l’etichetta Officina Fonografica Italiana, dopo aver ristampato il primo omonimo album rende disponibile, in una nuova versione rimasterizzata con 3 bonus track, presentata in un bel digipack , il leggendario Ouvrez Vos Auditifs Canaux, originariamente pubblicato nel 1985 (esiste anche un’altra ristampa ormai fuori catalogo del 1995 edita da Discordia). In quest’album fa il suo ingresso, come sesto membro, anche il grande Gregorio Bardini, eccellente flautista e studioso di musica popolare (ha collaborato anche con i mitici Tuxedomoon). Il sound di Ouvrez Vos Auditifs Canaux (il titolo dell’album è preso dal drammaturgo francese Alfred Jarry, omaggiato anche dai Coil in “Ubu Noir” in Scatology) fonde, con esiti originalissimi, musica classica contemporanea, strutture minimaliste, elettronica e new wave rivelando un background musicale colto e eclettico. L’approccio dei T.A.C. alla materia sonora è dadaista e patafisico come si può ascoltare in tracce come l’iniziale “Meritocrazia”, sorta di avant-rock apocalittico. “Fallout” si caratterizza invece per atmosfere cupe e minimali, quasi claustrofobiche mentre “Testimoni oculari” è introdotta dal violino dell’ospite Paola Sartori che lascia poi spazio a voci minacciose e sonorità allucinate. “Saturnismo”, nel suo incedere oscuro e minimale usa elementi di musica concreta e mi ha ricordato un gruppo fondamentale della musica sperimentale come i Nurse With Wound. “La nascita dei desideri liquidi”, con il violino spettrale in primo piano e tetri rumori concreti, sembra un incubo partorito dalla mente folle di H.P.Lovecraft, probabilmente è questa la Musica di Erich Zann di cui parlava HPL nel suo noto racconto! Chiude l’album la quieta e circolare “Andrea Baader Requiem”. Una ristampa fondamentale che tutti gli amanti dei suoni sperimentali e di confine non dovrebbero lasciarsi sfuggire.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

Be Different...Be Free !!

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: