HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per ottobre 21, 2013

In attesa


Ho acconsentito al tuo esteso morbo interiore, affinché egli potesse entrare nella mia psiche e controllare istantanee dolorose e disturbanti. Il mio target: essere molto oltre l’umano, in attesa dell’inumano.

Disagi dell’altrove


La rassegna delle evidenze si pone sulle pieghe epicantiche del tuo viso, ne studia le performance, ne evidenzia i fault. Esacerba le difficoltà psichiche innestate nel continuum adiacenti, non in questo.

Il quasi cyberpunk di Thomas Pynchon ∂ Fantascienza.com


Su Fantascienza.com un articolo dedicato all’ultima fatica letterario di Thomas Pynchon: Bleeding Edge.

Protagonista del romanzo è Maxine, detective privata un po’ spostata, madre separata di due bambini, che indaga su frodi finanziarie nella New York del 2001, a cavallo dell’11 settembre. È il momento in cui la tecnologia informatica è ancora nella fase 1.0, la Silicon Alley (zona di Manhattan in cui si concentrano le aziende legate a Internet) è ancora in fase di rodaggio, e il mondo non è ancora preda di app e tablet. In tutto questo Maxine si trova a indagare su una web company le cui fonti di finanziamento sembrano sospette, e ben presto viene travolta da una vicenda in cui tutto si fonde, da complotti della CIA e dell’NSA ad attività informatiche nascoste che si materializzano in DeppArcher, una sorta di web profondo, segreto e criptato che nasconde una vera e propria realtà virtuale, in cui tutti i dati e le attività di ciascuno in rete costituiscono un suo doppio, un avatar attraverso cui l’utente è in grado di muoversi in mondi paralleli e distorsioni temporali, e senza nemmeno utilizzare interfacce hardware.

Suggestioni cyberpunk per un autore che non è SF, ma che è certo stato un punto di riferimento per gli ultimi 30 anni di SF. Personalmente ho sempre faticato a seguire Pynchon, ma forse con questo romanzo riesco a scardinare l’autore americano nelle sue ardite elucubrazioni postmoderne, non fosse altro per le distorsioni temporali promesse.

Delivery For Mr. Assange, Telepresent Mail Art | Neural


[Letto su Neural.it]

Il 16 gennaio 2013 un pacco è stato spedito dal quartiere di Hackney all’ambasciata ecuadoriana, destinatario finale: Julian Assange. Il bagaglio conteneva un telefono che, attraverso un buco nella scatola, fotografava l’ambiente circostante ogni dieci secondi, documentando il percorso di spedizione del tutto. Ogni foto è stata caricata in tempo reale su un account Twitter sul sito web del progetto “ Delivery for Mr. Assange“, operazione ideata dal collettivo !Mediengruppe Bitnik, dando forma in presa diretta ad un pezzo di mail-art di 32 ore. Il viaggio è caratterizzato dal pasaggio del pacco tra diverse mani, borse ed uffici postali ed è seguito da persone interessate fra momenti di tensione e blackout. Quando la scatola misteriosa arrivò ad Assange (precedentemente contattato dal collettivo) ha iniziata poi una performance in diretta, con visualizzazioni di video-messaggi come “Justice for Aaron Swartz” e “Transparency for the State! Privacy for the Rest of Us!”. Se la questione empirica di base (che ha portato i follower a collegarsi a Twitter anche di notte) è stata: “arriverà il pacco a destinazione o scomparirà nel labirinto della Royal Mail?”, il più ampio quadro concettuale in cui si inscrive il progetto include la riflessione sulla trasparenza delle informazioni. Assange è l’emblema del dibattito tra sistemi informativi chiusi – dominati dal copyright e dai monopoli di influenza – e sistemi d’informazione aperta, nei quali l’informazione circola liberamente. L’invito a seguire il viaggio del pacco step by step è una chiamata per analizzare i meccanismi di trasmissione, di accesso e di manipolazione dell’informazione, consapevolezza che dovrebbe essere parte della definizione costitutiva di ogni società democratica.

Thy Veils – Nature


Diffrazioni in espansione, come frattali, nell’oltremondo in cui siamo.

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Fuliggine

“The books gave Matilda a comforting message: You are not alone." Roald Dahl

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Nerxes.com

Daily thoughts to go, - pocket book.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: