HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per novembre, 2013

Resistenze passive


Le paradossali entrate della notte si ripercuotono sulla mia essenza essoterica, quando le oniriche sensazioni divengono materiale estruso atto a perseguire le noie diurne, ricalcandole come resistenze passive e non congrue.

ASC – My Mind Is Not The Same as Yours


Contesti eterei che sfidano la stessa materialità interiore, estrusa sul Nulla senziente.

Postumanamente nulla


Quando le parole divengono estensioni del nulla, esse stesse assumono significati intrinsechi deviati, isterici, mortificati e mortali, perché capaci di buchi neri collegati con porzioni di nulla, postumanamente nulla.

L’Orco nella nebbia [Il Superstite 167] | CorriereAl


Un bell’articolo di Danilo Arona sul CorriereAlessandrino. Anche questa volta Danilo parla di cose vissute in prima persona, però qui lo fa in modo molto diretto, non romanzato. Perché ve la segnalo? Perché Arona è un esponente del Connettivismo, gliel’ho sempre detto, e questo aneddoto che racconto oltre a illuminarmi ancora una volta u determinati meccanismi, mi conferma la sua attitudine empatica e istintiva a noi connettivisti.

Cosa è lì fuori


Siamo tutti dei composti di matematica, aliena, esoterica, inumana. È davvero un caso che poi si sia senzienti biologici, di bassa levatura, in grado di immaginare lontanamente cosa è lì fuori.

“Un brivido lungo la schiena del Drago” di Danilo Arona. Prefazione a cura di Fabio Larcher | Antonio Ferrara


Bellissima disanima su Danilo Arona scrittore, uomo e percettore, scritta da Fabio Larcher, sul blog di Antonio Ferrara. Il pretesto è la recensione a Un brivido lungo la schiena del Drago, ma si trascende presto sul personaggio Arona e su ciò che scrive e vive. Da non perdere per chi ama la prosa e l’anima di Danilo. Come me. Un estratto:

Ma in cosa consiste l’originalità di Arona? In questo: essere una specie di regista/montatore cinematografico, saper maneggiare fonti diverse, materiali disparati e riuscire a trovare i nessi logici capaci di metterli in relazione. Fermi! Non gridate allo scandalo, non scagliatevi contro ciò che ho appena detto, invocando su di lui il titolo infamante (perché in fondo questo titolo lo è, essendo sinonimo di impotenza creativa) di “scrittore metaletterario”. Se lo faceste commettereste un errore. I libri di Danilo sono e rimangono libri di genere, libri che hanno la sola pretesa di raccontarvi una storia e di spaventarvi… almeno un po’. Solo che lo fanno con intelligenza e brio, senza appiattire il genere; anzi, sfruttandolo proprio per le sue privilegiatissime caratteristiche di “veicolo”. Forse Danilo fa addirittura qualcosa di più: crea dei miti e una mitologia coerente, supportando il tutto con un discorso filosofico sul tempo, lo spazio, l’essere, degno della miglior tradizione di pensiero del Novecento (e non faccio nomi perché in bocca a me stonerebbero).

Oltre le barriere


Intricato sulle insinuazioni di bassa complessità mi siedo, poi ascolto, poi sorreggo la balaustra appesa sul mio inconscio e dipingo quadri alla maniera di Dalì, scrutando le barriere e il continuum che è oltre.

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, tradizione, antropologia del sacro, storia delle religioni, esoterismo. A cura di Marco Maculotti.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

the green path

… Dorothy si trova in un mondo colorato con delle piccole casette e una stradina dorata, in viaggio verso la città di smeraldo. Il mago di Oz (1939)

The Darkest Art

A journey through dark art.

PAROLE LORO

"L'attualità tra virgolette"

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

mondo dolce

Food Lover.

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

Michele Valente |Blog

Blogger e studente di Comunicazione e ricerca sociale. Scrivo di politica ed economia, europea e internazionale, attraverso un'ottica globale dei fenomeni della società.

Sonia Cenceschi

La musica è una pratica occulta dell'aritmetica, dove l'anima non sa di calcolare - Leibniz

Necrologika

Se muori te lo diciamo noi.

ITINERARI LAZIALI

borghi, castelli, ville, città perdute, monasteri ed abbazie, leggende e segreti, paesaggi fantastici e luoghi insoliti della regione di Roma e dei territori limitrofi.

CollettivoD

Il punto di vista delle donne

GamberoSolitario

A great WordPress.com site

Perversamente Tua

Come stelo mi piego e ti raggiungo, angelo nel tuo inferno, demone di un perverso paradiso.

PINK FLOYD ITALIA

Il primo blog italiano sui Pink Floyd, news e non solo. Fatto da un fan... per i fans!

lucangreenwaters

Lucania dalle Verdi Valli e dalle Acque Cristalline

L'AlTrO (lato)

" Per sentire e sognare in pace, bisogna spegner la luce della ragione... almeno per un po'. "

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: