HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per aprile 4, 2014

Il collasso


Semplici parole lasciate appese, come un discorso morto in più dimensioni che ritorna come ricordo, e definitive vibrazioni psichiche circoscritte a un collasso del continuum.

Quello che lasci


Lasciami affondare nei rilievi del tuo mondo, affinché tutto diventi distanza da assorbire nell’anima psichedelica e frattale che lasci respirare.

Letteratura Horror – Intervista – Alessandro Manzetti, editore digitale con Mezzotints Ebooks


Bella intervista ad Alessandro Manzetti, CEO di di MezzoTints Ebook, che parla assai diffusamente dei libri digitali, tracciandone il futuro che molto probabilmente spazzerà via i passatismi cartacei. Eccone un estratto, l’intera chiacchierata è leggibile invece su LetteraturaHorror.it.

D) I grandi editori sembrano non aver compreso l’importanza e le possibilità degli Ebooks: prosopopea editoriale, ignavia cronica, o postumi da controriforma?
R) Questo è un problema che riguarda gli editori italiani, in particolare, in altri paesi sono stati avviati diversi progetti digitali e anche i grandi editori hanno implementato strategie dedicate. Qui da noi, invece, si sta cercando di “frenare” l’innovazione. Molti editori, che la fanno da padrone da anni, temono di doversi riorganizzare, specializzare nuove risorse, riutilizzare asset e personale non qualificato, fare i conti con una concorrenza molto più veloce e competitiva. Il web è un campo di battaglia molto diverso dalla libreria tradizionale.
Dunque, meglio rimandare più possibile il cambiamento, applicando una politica di prezzi assurda e una comunicazione anti-digitale. Ci sarà una grande selezione, tra gli editori. Anche qualche major rischierà di restare con le gambe per aria. Il problema più importante è dover pensare in modo diverso, la cosa più difficile per chi ha sempre lavorato con una filosofia completamente diversa. Chi oggi “rimanda”e “boicotta”, per mettersi gli ultimi spiccioli in tasca, poi dovrà mettersi in coda dietro tanti altri operatori che, al contrario, avranno investito sul futuro.

Ritratto di donna velata | SherlockMagazine


Articolo ricordo quello uscito su SherlockMagazine. Si parla dello sceneggiato televisivo (allora si chiamavano così, oggi serial) Ritratto di donna velata, andato in onda sulla RAI nel 1975. Io lo ricordo, e ricordo il senso di misterico che mi spiazzava, e spaventava. Un estratto dall’articolo:

1975. L’anno di Profondo Rosso e della consacrazione di Daria Nicolodi quale regina del thrilling italiano. Le sue doti di interprete, quella bellezza sfuggente, non sfavillante ma discreta, insinuante, la capacità di catturare cuori con le sue insicurezze, gli slanci, gli enigmi perfino trovano nel personaggio di Elisa, una sintesi perfetta. Lo sceneggiato Ritratto di donna velata, diretto da Flaminio Bollini, nasceva senza troppi misteri con l’idea di riproporre alcuni elementi vincenti del Segno del comando. Misteri legati al sovrannaturale, alla negromanzia, personaggi misteriosi del passato, la predestinazione. In più c’era lo scenario etrusco di Volterra, con i tombaroli e le necropoli, i medium e tutta una serie di maledizioni annesse. Il successo, favorito senz’altro dalla popolarità della protagonista in quel momento, fu assicurato. Eppure non si trattava di un’operazione di puro ripescaggio di una formula fortunata.

Leggi il seguito di questo post »

Il “Telesio” olografico di Franco Battiato e la teoria dell’universo ologramma | N I G R I C A N T E


Il buon Michele “Dottore in Niente” Nigro ha pubblicato sul suo blog il proprio contributo a NeXT 18: Il “Telesio” olografico di Franco Battiato e la teoria dell’universo ologramma. Mirabile pezzo di trascendenza olografica, vi allego qui sotto un piccolo estratto del saggio:

Viviamo in un universo strettamente interconnesso: nessun individuo è totalmente indipendente (anzi non lo è per niente), tutto è collegato a un ordine implicito invisibile. Superare la materialità dell’attore è solo il primo passo verso la scoperta di una nuova dimensione in cui siamo, olisticamente parlando, immersi. La fisica quantistica annulla l’importanza di un io organizzato ma illusorio; la soggettività (e quindi il malsano desiderio d’interazione tra attore e spettatore) è il residuo di una presunzione meccanicistica destinata, con il tempo e con l’umiltà derivante dall’esercizio di un altro tipo di osservazione, a estinguersi. La natura, c’insegna il pensiero di Telesio, va studiata attraverso i sensi e contemporaneamente per mezzo della negazione di questi: allo stesso modo l’esperienza sensoriale dell’ologramma minaccia il dominio della materia, perché quello che conta è la connessione delle parti tra di loro e con il tutto, e non la loro presunta autonomia.

Leggi il seguito di questo post »

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Thinkingmart.com

- for thoughtful and reflective moments.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: