HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per maggio 8, 2014

Essere antropomorfi


Ogni idea si trasforma in energia. Ogni vibrazione assume sembianze critiche fino al suo collasso, e la forma di energia diventa inerte. Sogno di vivere esclusivamente la fantasmagoria delle percezioni, il vulcanico non esaurirsi delle evenienze olografiche. Non sappiamo ancora nulla di ciò che siamo e circonda: siamo antropomorfi.

Enhanced by Zemanta

Dislocazione quantistica


The organization of memory

I paragrafi si distendono sulle coordinate spaziotemporali illustrate e mistiche, notevoli estemporanee mistificazioni si contendono la mia attenzione e rimango in attesa di conoscere la mia distanza, i miei quesiti, la mia dislocazione quantistica.

Enhanced by Zemanta

Complessità stellare


Le meraviglie del mio account empatico si riverberano su ogni aspetto della constatazione semantica dei tuoi atti. Arredo le stanze cerebrali con ogni orpello della complessità stellare multidimensionale.

“Aggiunte nuove lettere al Dna, alfabeto della vita”: passi avanti verso la vita artificiale – Repubblica.it


Quando il concetto di vita abbandona il dominio del “naturale” e diventa altro; quando la vita stessa diviene un brevetto in mano a potentissimi multinazionali. Nuovi elementi basilari e sintetici aggiunti al DNA, prontamente replicato in modo biologico dai batteri.

Da questo momento in poi, davvero, la nostra vita non sarà più la stessa, che vi piaccia o no sarà così. Rendetevene presto conto, che è meglio, così da non essere sopraffatti dagli eventi. Su Repubblica.it.

Enhanced by Zemanta

Kipple blog: Esce per Kipple Officina Libraria, di Caleb Battiago, Parigi Sud V


[Letto su KippleBlog]

Kipple Officina Libraria è lieta di annunciare Parigi Sud V, di Caleb Battiago, pubblicato nell’ambito della collana k_noir.
 
L’universo di Naraka trova la sua oscura e naturale origine in Parigi Sud V, nel grand guignol di perversioni, umane e disumane, dove non esiste redenzione. Benvenuti all’inferno, nel quartiere più estremo della città, sui lirismi carnali di Caleb Battiago. La prefazione è del maestro Sergio “Alan D.” Altieri. La splendida copertina è di Ben Baldwin mentre l’illustrazione interna è di Ynfidel.
Quattordici racconti ambientati a Parigi Sud V, quartiere d’origine dell’universo di Naraka e Shanti, oscura terra di mezzo di antropofagiche visioni, devianze sessuali, degradazioni di spirito sadiano e distopico, che tracciano e percorrono le linee di un’estrema e perversa evoluzione umana. Una discesa infernale nella promenade di Caleb Battiago, attraverso la decadenza della metropoli e delle sue crudeltà senza via d’uscita.

“Il quartiere dell’Apocalisse, dove state per affondare i piedi, è il regno marcio di Big Blue, degenere pontifex maximus di una casta criminale che divora la Nuova Francia. I brandelli rimasti, la polpa saporita ancora attaccata alle ossa. Legioni di cacciatori e di prede, che spesso sono costretti a passare dall’altra parte.”

Caleb Battiago ci accoglie così nella promenade di Parigi Sud V, mostrandoci l’incubo di vivere nel quartiere più degradato e perverso che la Terra conosca, nella profonda distopia noir urbana. Un luogo di ferocia inaudita, simile a ogni altra metropoli del prossimo futuro, oscuro più dell’attuale presente in cui ci troviamo.

Alan D. Altieri sferra il colpo finale con la sua fulminante prefazione, prima che l’immersione nelle strade e nei locali del quartiere possa contaminare definitivamente l’anima; il segno della perversione sadiana di Battiago è un marchio indelebile impresso a fuoco nella carne.

“Venti miasmatici e fiumi infetti, strade depravate e genie perdute, spazio alienato e tempo cancellato. Una sintesi, questa, più o meno estetizzante del nono cerchio dell’Inferno? Una proiezione, più o meno discutibile, di una qualsiasi plaga sub-metropolitana del Terzo o Quarto Mondo? O forse la radiografia di qualcosa che, qui e ora, si sta già configurando tra le pieghe ampiamente disgregate della cosiddetta civiltà occidentale?
 
Non esiste risposta univoca. Non per un testo ad alta tensione ed estrema corrosione come “Parigi Sud V”. Certamente non quando si ha a che fare con la scrittura lirica e onirica, spiazzante e inquietante di un autore come Caleb Battiago.”
L’Autore
 
Caleb Battiago (www.battiago.com) è un autore italiano che scrive sotto pseudonimo. Ha esordito nel 2013 con Naraka – L’Inferno delle Scimmie Bianche, proseguendo nel 2014 la sua ascesa nel firmamento crossover SciFi con Shanti sempre per la casa editrice Mezzotints Ebook e con la nuova edizione della raccolta di racconti Acrux – Reloaded.


La collana k_noir
 
k_noir è la collana di Kipple Officina Libraria dedicata alle contaminazioni noir e alle sue mutazioni, ai furori che esplorano i confini della narrativa più esasperatamente umana e, contemporaneamente, più disumana che esista.


Caleb Battiago, Parigi Sud V – http://www.battiago.com/ps5.html
copertina di Ben Baldwin
illustrazione interna di Ynfidel
prefazione di Alan D. Altieri


Kipple Officina Libraria — Collana k_noir — Pag. 67 — 1,99
Formato ePub e Mobi
ISBN 978-88-98953-00-4
AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Flavio Torba non esiste, ma ciò non gli impedisce di descrivere l'orrore.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: