HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per giugno 3, 2014

Ulises Ali Mejias – Off the Network: Disrupting the Digital World | Neural


[Letto su Neural.it]

Il discorso popolare sui social media e il loro impatto ha rallentato l’analisi delle reti in quanto strutture fondamentali sottostanti. Eppure i social network hanno favorito l’evoluzione delle reti digitali fino a un diverso status, accelerando un nuovo rapporto tra la piattaforma e gli individui, tanto da farci domandare: è il nostro mondo organizzato da reti e siamo tutti oramai arresi alla loro logica? Questo libro è politicamente radicale e definisce la rete come “parte di un ordine capitalistico che riproduce la disuguaglianza attraverso la partecipazione e… questa partecipazione presenta una natura egemonica e consensuale”. Off the Network: Disrupting the Digital World è diviso in tre capitoli: il primo fa un’analisi strutturale del nostro rapporto con le reti, il secondo motiva il caos attraverso varie tattiche e il terzo promuove “l’intensificazione” come la tattica più sovversiva. C’è una parola paradigmatica usata nel testo, “esclusione”. Essa oppone anni di supporto al paradigma di rete come condizione aperta che crea l’accesso democratico e il capitale sociale, che facilita le persone nel partecipare, non importa quanto fisicamente isolate o socialmente escluse sono. Mejias attacca la contemporaneità di questo approccio, descrivendo il “nodocentrismo” della rete e le sue conseguenze negative, o un “oligopsonio limitato ad un unico acquirente”, investigando anche quelle strutture di social network dove c’è un acquirente singolo per una moltitudine di venditori. Ḕ una critica strutturale che mira a “disidentificarsi dalla rete digitale” e costituisce un manifesto avvincente, con strategie per lo più teoriche che sollevano molte interessanti domande.

Enhanced by Zemanta

Dario Tonani • Et voilà, “Tutti i mondi di Mondo9”!


Momento di news continue dal sito di Dario Tonani: i racconti ispirati al suo paradigmatico Mondo 9 fanno ora parte di un’antologia cartacea e digitale.

A un anno dal contest di Writers Magazine Italia che coinvolse un’ottantina di autori, esce finalmente su carta e in ebook l’antologia con i microracconti inspirati a Mondo9. Un grazie particolare per l’ospitalità a Delos, nelle persone di Franco ForteSilvio Sosio e lo staff di WMI, e a tutti gli autori partecipanti.

L’introduzione del volume

“Mondo9” ha dunque un nuovo, e per certi versi inatteso, seguito. Anche se a scriverlo non sono stato io. Quello che mi trovo a introdurre è un pastiche di storie nato dall’incursione veloce di un manipolo agguerrito di autori, che grazie a Writers Magazine Italia e alla rivista Robot si sono misurati in un contest al quale hanno partecipato lo scorso anno un centinaio di scrittori. Ma andiamo con ordine. Che “Mondo9” non dovesse esaurirsi in 170 pagine era abbastanza scontato, io stesso — in modo più o meno esplicito — l’ho sempre considerato alla stregua di un cantiere aperto, di un progetto in evoluzione costante.

Non è cosa da poco avere una vasta porzione dell’orizzonte artistico di un autore a portata di mano, e averla davvero disponibile rende la notizia un evento in attesa del film, magari? Dario, illuminaci… 🙂

Us+ by Lauren McCarthy and Kyle McDonald, hangout confidential. | Neural


[Letto su Neural.it]

US + è un plug-in per il noto servizio di videochat chiamato Google Hangout, nata dalla collaborazione tra Lauren McCarthy and Kyle McDonald. Una volta installata e attivata Us+ appare nella finestra di conversazione come una semplice applicazione. Su un box laterale a quello della videochiamata vediamo due classiche emoticon di colore arancione e azzurro che identificano i due partecipanti alla conversazione in corso. Più in basso un grafico a barre rappresenta una serie di stati d’animo particolari: positivity, selfabsorption, femininity, aggression, honesty. Prima che la conversazione inizi le due emoticon sono inespressive (ossia la linea che descrive le labbra è orizzontale) e le barre del grafico sono monocolore. Man mano che si parla questi elementi si trasformano. Se si sorride l’emoticon corrispondente al proprio account sorriderà di conseguenza (e viceversa) grazie al riconoscimento facciale implementato nella app. Quando anche il grafico entra in azione,le barre percentuali che indicano gli stati d’animo si colorano di arancione e azzurro specularmente a quanto espresso dai due interlocutori. L’uso del software di analisi testuale LIWC (Linguistic Inquiry and Word Count) permette infatti di esaminare il vocabolario utilizzato e calcolare le ricorrenze e le tipologie delle parole emesse da ogni utente (trasformate in testo da Chrome Speech API). Le informazioni ricavate si riversano poi nel grafico che indica le rispettive quantità percentuali di “positivity, selfabsorption, femininity, aggression, honesty” nei discorsi dei singoli interlocutori. Ma US+ nn si limita ad analizzare e rappresentare la conversazione in atto. Nella finestra appaiono di continuo messaggi testuali popup che dicono se l’interlocutore si annoia, se è necessario essere più aggressivo o più femminile, se sorridere o cercare di essere meno prepotente. E soprattutto nessun rischio di soliloqui noiosi: se si parla troppo a lungo US+ disattiva il microfono per qualche secondo. Presentandosi ironicamente come strumento di ottimizzazione, successo e produttività delle conversazioni online, US+ probabilmente vuole esasperare un meccanismo quotidiano: il totale affidamento al software proprietario per la comunicazione. Potenzialmente può essere cambiato o disattivato in ogni momento, eppure lo si lascia intromettere nelle nostre modalità di comunicazione anche in questa maniera paradossale.

Enhanced by Zemanta

Corpi spenti: input #11 | Holonomikon


Corpi spenti è un libro che si chiude sulla prospettiva di un abisso cosmico. Oltre al noir, alla spy-story, alla fantascienza di derivazione cyberpunk, alle suggestioni post-human, abbiamo anche un richiamo alla più classica fantascienza spaziale. Poche pagine, che però dovrebbero bastare per dare un’idea della complessità dello scenario di questo mondo, dietro le quinte di ciò che vediamo in scena. E che forse potrebbero tornare a essere esplorate, con maggiore accuratezza, nel futuro. A questo proposito trovo paradigmatica la seguente battuta estratta da Angeli spezzati di Richard K. Morgan:

«Ci pensi, Kovacs. Stiamo bevendo caffè così lontano dalla Terra che le sarebbe difficile distinguere il Sole nel cielo notturno. Siamo stati portati qui da un vento che soffia in una dimensione che non possiamo né vedere né toccare. Immagazzinati come sogni nella mente di una macchina che pensa in modo tanto più evoluto dei nostri cervelli che potrebbe persino portare il nome di dio. Siamo risorti in corpi che non sono i nostri, cresciuti in un giardino segreto lontano dal corpo di ogni donna mortale. Sono questi i fatti della nostra esistenza, Kovacs. Mi dica, in cosa sono diversi, o meno mistici, della fede che esista un regno dove i morti vivono in compagnia di esseri talmente al di là di noi da essere costretti a chiamarli dei?»

Così chiude Giovanni “X” De Matteo il ciclo dei post sul suo nuovo romanzo Urania, Corpi spenti, da domani disponibile nelle edicole e in formato eBook negli store online. L’appuntamento è lì, per leggere e imbeversi di questo futuro così particolare, e vicino.

Enhanced by Zemanta

Guy Birkin – Tintinnabuli Mathematica Vol. I | Neural


[Letto su Neural.it]

Torna in queste ultimissime stagioni experimental un certo interesse sul “tintinnabuli style”, un approccio compositivo sviluppato alla fine degli anni settanta dal maestro estone di musica contemporanea Arvo Pärt, autore legato al minimalismo e per il quale già “tre note di un accordo sono come campane”, da cui – appunto – ne consegue la stessa definizione del genere, onomatopeicamente scaturita da quello specifico risuonare. Guy Birkin si era precedentemente confrontato con questa tecnica in Mirror in Mirror, traccia apparsa per la sua prima uscita su Runningonair, nell’album Symmetry-Breaking. pubblicato nel Luglio del 2011. Sulla stessa etichetta adesso, in Tintinnabuli Mathematica Vol. I lo sperimentatore inglese elabora le parti melodiche (M-voices) utilizzando algoritmi basati su metodi stocastici e sequenze intere scritte in Mathematica, un programma software di calcolo basato sulla matematica simbolica e utilizzato nel campo delle scienze, dell’ingegneria, della stessa matematica – ovviamente – e dell’informatica. Le parti armoniche (T-voices) vengono realizzate a loro volta utilizzando algoritmi specifici che operano trasformazioni delle parti melodiche in guisa delle concezioni “tintinnabuli” originarie. L’obiettivo del progetto è quello dichiaratamente di sperimentare assieme linguaggio musicale e linguaggio di programmazione, dando vita a nuova musica generativa. Tutto ciò, diremmo felicemente, non rinunciando a un certo gusto sonoro che stempera la purezza “geometrica” con suoni addizionali che appaiono in punti chiave propriamente posizionati. Sono ambientazioni in definitiva soavi, seppure melanconiche, un po’ chiesastiche e infantili come nenie di carillon, ad arte ricamate evocando stati d’animo ricchi di sfumature ed emozioni, giostrando fra astrazione e sentimento.

Enhanced by Zemanta

Un nuovo futuro per… Nessun Futuro | false percezioni


Dal blog di Luigi Milani la notizia che sta per uscire un’edizione riveduta e corretta di Nessun futuro, il romanzo uscito qualche anno fa in edizione cartacea che ora approda in eBook, senza DRM, per il medesimo editore Dunwich Edizioni. Inoltre…

Ricordo inoltre agli impavidi e affezionati lettori che lo stesso editore – che poi altri non è che lo scatenato Mauro Saracino – ha già pubblicato La notte che uccisi Jim Morrison, altro ebook legato al versante più oscuro e misterioso del rock, e che prossimamente vedrà anche la realizzazione in cartaceo.

Enhanced by Zemanta

LA “TRILOGIA DELLA FINE DI INTERNET” AL FESTIVAL LETTERATURA MILANO | Giovanni Agnoloni – Writing and Travelling


Dal blog di Giovanni “Kosmos” Agnoloni apprendiamo della nuova presentazione di Sentieri di notte e Partita di anime, i due romanzi di Kosmos inquadrati nella Trilogia della fine di Internet.

Venerdì 6 giugno, alle ore 18,00, a Milano, presso la Biblioteca Chiesa Rossa, in via San Domenico Savio 3, nell’ambito del Festival Letteratura Milano, presenterò, insieme a Emanuele “Manex” Manco, curatore di Fantasy Magazine, la “trilogia della fine di internet”, e in particolare il suo primo atto, Sentieri di notte (2012), e il recente spin-off Partita di anime (2014), editi da Galaad Edizioni.

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

Duff Beer, feeling no pain / Made from Canadian rain

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Gallerie da Vinci

Paesaggi dell'Anima

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: