HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per giugno 20, 2014

Terminal shock | Mangialibri


In circolazione per il web dal 2013, questo romanzo breve sancisce la conferma di De Matteo dopo il premio “Urania” vinto nel 2007. L’autore qui dispiega la sua vena da fantascientista hard con una storia ipertecnologica ma, allo stesso tempo, ricca di venature horror. Alcuni elementi della trama ricordano perfino film cult del genere, quali Punto di non ritorno (1997), Pandorum(2009) ma anche Prometheus (2012). Come nelle opere citate, l’autore fa cozzare le rassicuranti potenzialità della scienza e della tecnologia contro l’imponderabilità dell’ignoto. Da questo punto di vista, il salto quantico della conoscenza mette l’individuo davanti alla destabilizzante infinità dell’universo. L’orrore nasce come la dimensione della mente umana posta davanti all’ignoto, poco al di là dei limiti della possibilità di conoscenza. Non solo. La condizione di paura è acuita dalla caduta di ogni visione mitica, ormai sostituita dall’approccio razionale e scientifico. La visione scientifica, insomma, tende a rendere l’essere umano indifeso dagli orrori che lo attendono oltre la nube di Oort.

Questa la recensione di Terminal Shock, il romanzo breve di Giovanni “X” che è uscito l’anno scorso per i tipi di Mezzotints e che è stato valutato, assai bene, su Mangialibri. Cos’altro aggiungere, se non che l’orrore inconoscibile dello spazio siderale, perché non realizzabile dall’umano, è ancora una volta parte di noi?

Nuove strade per l’orrore | Holonomikon


Interessante post_fiume di Giovanni “X” De Matteo, sui mostriciattoli giurassici, quali Godzilla et similia, che imperversano di nuovo, da anni, nel mondo cinematografico. L’astrazione del pensiero e delle sensazioni gli ha permesso di giungere a una conclusione che non può che trovarmi d’accordo, intimamente d’accordo. Leggete, capirete; comincerete ad aver paura, ma niente e nessuno verrà a salvarvi.

We didn’t fall from Heaven, we didn’t fall for you…

Quasi invisibile | Lankelot


Un bell’articolo di Ettore Fobo su Lankelot, dove si parla di Mark Strand, poeta indagato anche da Alex “Logos” Tonelli nella sua Ermetica Ermeneutica su NeXT16.

Nelle poesie di Strand, e anche in queste prose poetiche contenute nella raccolta Quasi invisibile, tradotta per Mondadori da Damiano Abeni, il nulla è sempre in agguato, poiché ogni cosa è in qualsiasi momento prossima a svanire e svela nella sua essenza una sostanziale carenza ontologica, l’oblio regna, sovrano inquietante, sui nostri sforzi d’esistere, di avere durevole consistenza, di conferire un senso al nostro vagare sopra una terra indifferente.

Sin dalla prima prosa di questa raccolta, l’inganno domina la scena, individui che fingono di essere ciò che non sono s’incontrano in un misterioso bordello: un banchiere che proclama di essere un pastore e una vedova che si finge cieca, un onnipervasivo mistero avvolge le loro menzogne.

Questi piccoli quadretti hanno in sé come qualcosa d’incompiuto, sono abbozzi, come se Strand si limitasse a suggerire pittoricamente un’atmosfera ma non completasse il disegno, donando a queste prose una sensazione di sospensione temporale. Dopo la lettura si rimane dunque stupiti e in attesa di altro e ogni prosa comunica con la successiva questa suspense che non è narrativa, nulla in fondo accade perché nella poetica di Strand nulla può accadere o accade solo il nulla, parlerei piuttosto di una suspense poetica. Strand si limita a suggerire un tema, lasciando che sia l’immaginazione del lettore a completare l’opera. Centrale il ritmo di queste prose, l’andatura leggera come quella di una foglia al vento che si posa per terra in attesa di dissolversi, come tutto.

ALESSANDRO MANZETTI AKA CALEB BATTIAGO « La zona morta


Bella intervista ad Alessandro Manzetti (aka Caleb Battiago), su La zona morta. Molti gli argomenti toccati, dal mondo editoriale al dualismo Manzetti/Battiago, fino alla visione del prossimo futuro dell’editoria, e altro; belle parole sono state spese pure per Kipple, e di questo ringrazio Alessandro. Un estratto della chiacchierata:

COME MAI LA SCELTA DI “INVENTARE” L’ALTER EGO DI CALEB BATTIAGO?

Tutta colpa di una mia strana idiosincrasia, non mi piace scrivere, come autore, usando il mio nome. Per questo ho scelto qualcosa di diverso, lo pseudonimo di Caleb Battiago. Inizialmente non ho svelato il “mistero” perché volevo che fosse protagonista il testo, non l’autore. La luce doveva essere diretta sul contenuto, come dovrebbe sempre accadere. Molti nell’ambiente mi conoscono o hanno collaborato con me per varie attività editoriali, volevo ricevere dei feedback non “dirottati” da amicizie e opportunità. Così è stato. Oggi dopo diverse pubblicazioni, accompagnate da varie voci di corridoio e divertenti leggende metropolitane, che hanno chiamato più volte in causa importanti autori di genere, ho pensato fosse arrivato il momento di rivelare la vera natura di Battiago. Ma l’idiosincrasia non cede, non cambia nulla, su nove pubblicazioni solo due riportano il mio nome. Sto già lavorando a un nuovo progetto di narrativa, Vessel, continuando a indossare l’eretica maschera di Caleb, nonostante il caldo infernale di questi giorni. Fa eccezione la poesia, o meglio, i racconti in versi liberi. Solo in quel caso riesco a mettere Caleb fuori gioco, ma parliamo di opere scritte direttamente in lingua inglese. Il primo di questi progetti, che condividerò con una splendida coautrice, vincitrice dello “Stoker Award”, vedrà la luce, presto, per Kipple Officina Libraria.

▶ saluti ex voto 2014 – YouTube


Chi è stato goth, lo sarà per sempre. Non si sfugge a ciò…

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

Duff Beer, feeling no pain / Made from Canadian rain

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Gallerie da Vinci

Paesaggi dell'Anima

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: