HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Non abbiamo inventato niente, neanche le vacanze/1 |


Post molto interessante su Aquinum, riguardo l’uso delle vacanze, dei tour per andare a visitare il mondo remoto piuttosto che prossimo. Copioincollo qui sotto tutto il post, la prima parte, da bere:

Le ferie, nel senso istituzionale del termine, furono decretate per volere di Augusto alla fine del I sec. a.C (vedi qui). Ma le vacanze?

L’uso del viaggiare per conoscere luoghi e storia era ampiamente diffuso in età romana tra intellettuali, medici, funzionari di viaggio o comunque persone interessate alla cultura. Nel periodo di massimo splendore dell’impero romano, tra la fine del I sec. a.C. e il II sec. d.C., era consuetudine ad esempio, tra i giovani patrizi romani, una volta terminati gli studi, affrontare una sorta di Grand Tour dell’antichità, mirato a toccare tutte le tappe di quello che era già considerato il mondo antico: si visitava la Grecia, patria dei maggiori filosofi e poeti; Cnido, per ammirare la statua di Afrodite scolpita da Prassitele; le rovine di Troia, nei luoghi dove Roma ha le sue origini più antiche; e infine l’Egitto per visitare le piramidi e per concludere la vacanza con una crociera sul Nilo (che mica ce le siamo inventata noi).

Attraversando tali paesi, il viaggiatore portava a casa diversi souvenirs come una statuetta della dea Atena dalla Grecia o un’ampolla con l’acqua sacra del Nilo dall’Egitto. Solo previo consenso delle autorità doganali (anche questo esisteva già). Questa tipologia di vacanza però non era certo rilassante, anzi spesso si era sottoposti a disagi e rischi.

In età imperiale la rete stradale romana raggiunse la sua massima estensione e di conseguenza aumentò il numero dei viaggiatori, soprattutto mercanti. Si viaggiava in una carrozza molto simile ai carri dei pionieri che vediamo nei film western, denominata carruca. Per i viaggiatori patrizi esistevano le “aree di sosta”, le tabernae o le mansiones, attrezzate in modo più o meno lussuoso per garantire il ristoro. Diversamente la carruca poteva essere dormitoria con copertura amovibile e ruote sterzanti, attrezzata con giacigli per i lunghi viaggi (Fonte Treccani). Di certo non era il massimo della comodità per i lunghi tragitti. Inoltre la lentezza dei mezzi di trasporto, e il rischio di essere attaccati dai briganti, riducevano di molto i “viaggi di piacere”.

Le mete di questo Grand Tour potevano essere anche raggiunte via mare. I Romani notoriamente, preferivano avere la terra sotto i piedi. Il mare è un ambiente del quale non si fidavano. Certamente il viaggio via mare era meno faticoso e più rapido: ad esempio per raggiungere l’Egitto partendo dall’Italia erano necessari circa nove giorni in nave; via terra probabilmente circa due mesi. Ma il rischio di morire a causa di un nubifragio era una paura da sempre terrorizzava i romani, inducendoli, quando possibile a scegliere il viaggio via terra.

A conti fatti un Grand Tour Grecia-Turchia-Egitto poteva richiedere dai due ai cinque anni di viaggio. Non proprio un viaggio di piacere.

2 commenti»

[…] puntata, sul blog Aquinum, per quanto riguarda le origini delle nostre vacanze, da allocare ai tempi […]

"Mi piace"

[…] nell’ambito ferragostano, segnalo quest’articolo di RomanoImpero che spiega altri dettagli della genesi delle vacanze, delle ferie di agosto e di Ferragosto. Un […]

"Mi piace"


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

La Nuova Verde

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

Be Different...Be Free !!

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Scrittore horror (per non dire orrido scribacchino)

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: