HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per agosto 24, 2014

The same


Cadenze sistemiche quando il suono si riverbera sui vestiti che indossi; il passo danzante è parte dello stesso arredo sonoro, letteralmente lo stesso.

L’epilogo


Ancora movimenti sotterranei a delimitare gli eventi evaporati come ghiaccio secco, sublimazione delle esistenze quando il rullo sembra volgersi verso l’epilogo.

Perfezione dei momenti


Le esalazioni psichiche si alzavano dal muro sull’abisso, e poi rimanevano soltanto le luci della notte che illuminavano la perfezione di un momento.

.:: Ampi margini_ | PEJA TransArchitecture research


Post a doppia interpretazione quello che il buon Emmanuele “Peja” Pilia ha reso noto sul suo blog: può sembrare antropocentrismo, ma il considerare il pianeta visto dallo spazio come un’esaltazione della razza umana, a mio avviso significa proprio il contrario, ovvero esaltare l’assoluta inutilità della nostra specie, della nostra biologia (qualcuno potrebbe sostenerne la dannosità). E voi, cosa ne pensate? Uno stralcio del post:

Il 7 dicembre del 1972, durante l’ultima visita che l’uomo porterà alla Luna, l’equipaggio della missione Apollo 17 scatterà quella che sarà destinata a divenire un’icona dell’avventura che l’uomo stava compiendo nello spazio. Conosciuta come Blue Marble, anche se il nome ufficiale si nasconde dietro l’asettica sigla di AS17-148-22727, questa immagine, catalizzerà l’attenzione di un’intera epoca: completamente illuminata, essendo stata scattata con il sole alle spalle, per la prima volta mostrava la terra nella sua solitudine, completamente assolta da qualsiasi contesto o ruolo che non fosse la sua completezza, sufficiente a sé stessa e drammaticamente fragile, esposta. Le immagini fatte circolare dalla NASA che avevano preceduto Blue Marble, infatti, vedevano sempre il nostro pianeta in rapporto dialettico con il suo spazio, oppure nell’atto di sorgere sul cielo lunare, o ancora nascente o calante, secondo le definizioni a cui siamo abituare offrire al nostro satellite.

La visione che i terrestri potevano condividere per la prima volta con i loro fratelli astronauti (o cosmonauti) è radicalmente diversa rispetto a quella avuta dall’oblo di un aereo o di un grattacielo: le colline, le case, addirittura le città, scompaiono, restituendoci lo sguardo di un pianeta che fino ad allora non era mai stato così sconosciuto. Scompaiono i segni chiari e lineari creati dalla tecnica, così come quelli densi e sfumati della geografia. Ma soprattutto, scompaiono i segni stabiliti dalla politica: i confini. Nota Stefano Catucci, nel suo Imparare dalla Luna, come l’umanità che si vede dallo spazio sia «infatti “una” perché svuota di senso le discriminazione politiche, ideologiche ed economiche». Sempre Catucci, ricorda come di ritorno dalla missione Apollo 8, il comandante Frank Borman, dichiarò che «guardando la Terra dalla Luna i confini e i caratteri delle nazioni sembravano fondersi tra loro».

Groviglio dimensionale


Come dare una visione d’impossibile insieme al groviglio frattale delle dimensioni in cui coesistiamo.

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Thinkingmart.com

- for thoughtful and reflective moments.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: