HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

5 ragioni per amare… il connettivismo – Associazione World SF Italia


Sul sito della WorldSF.it è comparso un articolo che illustra 5 motivi per amare il Connettivismo. La firma è di Giovanni “X” De Matteo, ed è assolutamente, come sempre, rigoroso e puntuale, dettagliato, preciso. Allego qui sotto il post, per completezza non va citato ma letto per intero, e io sono completamente d’accordo con Giovanni su tutto, e faccio i complimenti per ciò che lucidamente espone.

Dovrei illustrarvi cinque ragioni per amare il connettivismo, ma sul serio non saprei da dove partire. Il movimento di cui faccio parte è tuttora in corso di sviluppo, in continua evoluzione, e tende pertanto a sottrarsi alla facilità di giudizio che può suscitare un quadro cristallizzato in una dimensione ormai conclusa e completa.
Cercherò quindi di elencare cinque caratteristiche, lasciando poi a chi legge la libertà di decidere se si tratti di ragioni per amarlo o, al contrario, per odiarlo:

  1. Eterogeneità. I connettivisti sono eclettici e fondono influenze variegate: in seno alla fantascienza, i filoni più sperimentali che ne hanno scandito le diverse fasi, dalla social science fiction alla new wave, fino al cyberpunk; e nel fantastico le sue declinazioni weird e horror; dal postmodernismo i connettivisti hanno inoltre ereditato l’attitudine enciclopedica ad abbracciare cultura alta e immaginario popolare, la flessibilità nel variare i registri espressivi, l’interesse alla contaminazione tra i generi.

  1. Integrazione. Come conseguenza della diversificazione delle loro fonti d’influenza, ognuno a suo modo i connettivisti sostengono un approccio inclusivo: sintesi delle esperienze, rifiuto dei confini prestabiliti, superamento delle frontiere, trasversalità dei canali espressivi. Siamo il risultato di una cultura aggregante e multidisciplinare.
  2. Versatilità. Nel lavoro dei connettivisti si distingue un impegno a tutto tondo nella promozione dell’immaginario fantascientifico, anche in campi solitamente poco frequentati dal genere come la poesia.
  3. Senso del futuro. Per i connettivisti la fantascienza è una lente attraverso cui guardare il presente, ma restringerne il ruolo alla rappresentazione “distorta” del mondo in cui viviamo sarebbe limitante. La fantascienza deve anche interrogarsi sul futuro, guadagnando una prospettiva storica che sappia tener conto del progresso scientifico e tecnologico e delle sue ricadute culturali e sociali. Non c’è spazio per vuote e sterili nostalgie reazionarie o per insofferenze agli esiti dello sviluppo scientifico, come non proviamo simpatia per la contrapposizione strumentale della cultura umanistica e di quella scientifica, né per la compartimentazione dei saperi.
  4. Apertura. Ci consideriamo un incubatore di idee e riflessioni aperto a chiunque. Si suppone che chi voglia essere considerato “connettivista” abbia letto e in qualche modo apprezzato il nostro Manifesto (www.next-station.org/nxt-ex-1.shtml), condividendone lo spirito. Tutti sono i benvenuti, tranne i disturbatori, i professionisti delle polemiche, o gli aspiranti tali.
    Con gli altri due iniziatori del connettivismo (Sandro Battisti e Marco Milani) avevamo posto fin dall’inizio un’unica condizione: la scelta di un nickname, allo scopo di scoraggiare la partecipazione di aspiranti autori motivati dalla pura e semplice convenienza personale, quale avrebbe potuto essere un po’ di visibilità. Lo facemmo noi stessi, in prima battuta, firmando il Manifesto del Connettivismo con i nostri nick: rispettivamente zoon, pykmil e X. E chiedemmo ai nostri autori di firmarsi con un nick su tutte le nostre pubblicazioni. Col tempo la nostra prudenza si è dimostrata eccessiva: oggi ci sono in effetti soluzioni che garantiscono molta più visibilità che dichiararsi parte di un movimento culturale. Da tempo gli autori connettivisti palesano la loro identità anagrafica.

In conclusione, a dieci anni dalla sua costituzione ufficiale il connettivismo è un movimento ancora in evoluzione e per questo offre anche l’occasione per seguirne gli sviluppi in corso di divenire. A chi fosse eventualmente interessato rivolgo quindi l’invito ad approfondire in prima persona: attraverso le opere dei nostri autori, le nostre produzioni (a partire da Next e dalla nostra webzine: www.next-station.org), l’interazione sui social network (il nostro gruppo Facebook, per esempio: http://www.facebook.com/group.php?gid=33130629170, ormai chiuso, e sulla pagina www.facebook.com/pages/Connettivismo/226375704084651) o il contatto diretto con i singoli autori (che spesso curano un blog personale).
Da connettivisti crediamo che il futuro sia qui, adesso. Grazie alla fantascienza abbiamo gli strumenti per capirlo. A ciascuno spetta invece fare quanto in suo potere per promuoverne la consapevolezza.

1 commento»

  pykmil wrote @

L’ha ribloggato su The Connective World.

"Mi piace"


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Alessandro Rolfini

Be Different...Be Free !!

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 28 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist 📌 Edizioni Underground? 📌 Edizioni Open 📌 Panesi edizioni 💬 Cartoonist 📌 SkuolaNet 📌 SeiAlTuristico 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: