HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per aprile, 2015

Cosa puoi trovare


Ti confino nella consueta movimentazione inferiore, lì verso l’origine, lì verso la Sorgente. Puoi trovarci tutto il Nulla senziente, se sai cercare bene.

Si racchiudono


Ti racconto i rilievi onanistici della parvenza di normalità, quelle balze emozionali pari a zero in cui si racchiudono intere esistenze fake.

Non v’è fine al peggio


Le corone si mostrano in tutto il loro splendore aguzzo, mistificando ogni parvenza di normalità con lampi di eccessivo moralismo.

Miskatonic University consiglia: John Silence e altri incubi ∂ HorrorMagazine


Algernon Blackwood

Una segnalazione proveniente da HorrorMagazine: la ristampa del ciclo del dottor Silence, il detective psichico inventato da Algernon Blackwood. Imperdibile, per i tanti che non hanno mai letto nulla di suo.

Gli amici consideravano John Silence un eccentrico, perché, ricco di famiglia, aveva scelto di fare il medico.
I casi che lo interessavano però non erano casi comuni, ma piuttosto le cosiddette “turbe psichiche”, di natura così inafferrabile, sfuggente e difficile, ed era conosciuto più o meno da tutti come il “Dottore del paranormale”, benché fosse l’ultima persona ad approvare quella definizione.

Maestro acclamato della suspense, fedele alla tradizione di Poe, Algernon Blackwood illustra le incredibili vicende di John Silence, barbuto medico sulla quarantina, la cui passione per il soprannaturale lo porta ad affrontare casi eccezionali tra occultismo, licantropia e presenze paranormali. John Silence è anche il precursore di un vastissimo immaginario pop, che va dalla serie “Ai confini della realtà” fino ai più recenti Dylan Dog e Dr. House. Un imperdibile viaggio in una dimensione parallela in cui regna incontrastato l’incubo.

Debbie, il coniglietto bipolare RiBes e Paolo. Intervista a Paolo Di Orazio II | Words Social Forum


Bellissima intervista a Paolo Di Orazio per il suo nuovo libro Debbie la strana. Su WSF. UN bell’estratto:

Debbie [La strana] e le avventure del coniglietto RiBes è il primo romanzo di una trilogia. Come è nata e si è sviluppata l’idea per quest’opera?

L’idea del romanzo nasce in maniera bizzarra, ovvero per diretta esperienza zoofila. Non avevo mai tenuto in braccio un coniglio, giuro! La sua tenerezza e la sua calma nello starmi al petto mi ha letteralmente sconvolto ed evocato sensazioni e pulsioni della mia parte materna. Immediatamente, ho avuto il flash di un personaggio, una ragazza che funziona come una bomba e un coniglio come la sua orologeria: quando lei è a contatto con l’animale trova la sua umanità, quando se ne separa si trasforma in un essere colmo di abisso e violenza disperata. Questo poteva essere il mio romanzo di maturità, più commerciale possibile, una sorta di Alice nel paese delle meraviglie in formato porno-splatter con cui corteggiare un editore mainstream. Il romanzo finale ha preso una forma leggermente diversa, perché l’ha voluto fortemente il curatore Stefano Fantelli, quando ha aperto la collana Incubazioni, così ho spalancato le gabbie del mio laboratorio e l’idea di partenza è diventata qualcosa di profondamente mio. Grazie alla fiducia dell’editore Cut Up, ora, dopo i primi commenti dei lettori, forse posso dire di aver realizzato il mio White Album dei Beatles. Voglio dare un’odissea completa a Debbi, in un quadro di predestinazione decadente. Non resta che tirare giù i successivi capitoli per dare un volto completo a quello che è il mio personaggio più riuscito, a oggi, assieme al commissario Vanacura e padre Sebastiano, il divoratore di anime.

Io necessito


Necessito di accurate movimenti istantanei per recarmi al cogente mercato psichico, ricordo gli istanti camusi divenuti movimenti.

Burning


Accendo le mie distanze usando infiniti universi finiti, mescolando le semantiche con i significati filtrati dal Nulla senziente.

Dahlia’s Tear – Toward The Dark Cellar [ Cold Meat Industry ] 2012


Poche parole come note, per scandire la discesa nell’abisso.

Malapunta – L’isola dei sogni divoratori: intervista a Danilo Arona ∂ HorrorMagazine


Bella intervista a Danilo Arona su HorrorMagazine, dove cita il Connettivismo e Kipple Officina Libraria. Un grazie a Danilo per quelle cose magnifiche che ha detto su di noi, e un arrivederci per quello che sarà, tra un po’ di tempo. KeepTalking.

“L’horror è Il genere tra i generi, l’unico in grado di contenere gli altri a lui contigui: l’horror come summa territoriale del thriller, fantascienza, noir, fantasy e via giocando con le etichette”. Come si sposa questa tua definizione dell’horror per Malapunta?

Temo, anzi me lo auguro, che Malapunta, più che horror, sia un testo connettivista. I miei amici di Kipple, Kremo e Zoon, da anni sostengono che io sia autore degno di militare nel movimento per quel che scrivo e per come lo scrivo. Credo che almeno in questo caso abbiano ragione. Io non mi sono mai preoccupato di essere etichettato, ma qui appunto si passa, in modo morbido e non forzato, dal thriller all’horror, dal fantasy alla fantascienza apocalittica. Ovvero, i generi “si connettono” e diventano un unicum senza che il tutto venga percepito come artificioso. Poi, se prevale l’horror, va da sé… L’ho scritto io con la mediazione di Perdinka.

Il tuo alter ego Morgan Perdinka tornerà in futuro?

Sicuro. Tornerà in un lavoro che più “connettivista” non si può. E sarà morto perché ci troviamo cronologicamente nel tempo post-Estate di Montebuio. Purtroppo, da morto, Perdinka fa dei danni planetari. Al momento non posso sbottonarmi di più. Ma sarà l’ultima stazione del Perdinka scrittore. Invece il Perdinka chitarrista — che è l’Altro su un diverso piano quantico — si concederà qualche avventura supplementare.

Alla StarCon con il Connettivismo, Kipple e Nazione Oscura


Quest’anno sarò ospite alla StarCon, la multiconvention che ospita a Bellaria Igea Marina molteplici con singole e, starcon2015naturalmente, anche la Italcon, il convegno nazionale della fantascienza giunto alla 41esima edizione, sotto l’egida della World SF. Sarò in buona compagnia di due eccellenti connettivisti, Giovanni De Matteo e Lukha B. Kremo, più innumerevoli altri ospiti stranieri e nostrani che agitano il mondo del Fantastico e della SF. Tutto il palinsesto è su Fantascienza.com, mentre il dettaglio che riguarda noi connettivisti e Kipple è sul blog della Nazione Oscura:

sabato 2 maggio h 10.30 – “Kipple: 20 anni di passione, 10 di pubblicazioni professionali”, all’interno presentazione dell’antologia “Next-Stream” e “L’era della dissonanza”, di Matteo Barbieri, Premio Kipple 2014.
sabato 2 maggio h 11.30 – “Le frontiere della fantascienza: i rischi esistenziali nascosti dietro l’orizzonte speculativo del progresso”, dibattito sulla percezione fantascientifica di ipotesi recentemente dibattute sul contatto con civiltà interstellari extraterrestri, l’avvento di IA, etc.
domenica 3 maggio h 11.30 – “10 anni di Nazione Oscura”
domenica 3 maggio h 12.00 – “Le frontiere del New Weird: oscure sfumature trans-mediatiche”.

Ci vediamo lì?

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Fuliggine

“The books gave Matilda a comforting message: You are not alone." Roald Dahl

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Nerxes.com

– Daily writings | for thoughtful & reflective moments.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana del cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: