HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per agosto 18, 2015

Destroy – Rumore di Fondo


Distruggendo ogni residua essenza, mi accorgo di rimanere nel rumore di fondo di una distesa estrema di acqua salina, e il suolo rigurgitare di essenze di altre dimensioni.

Il bussare


Il bussare sinergico della forza s’infrange sui miei neuroni, lasciando il segno della marea.

(edited by) Claudia Gianetti – An Archive(s) | Neural


[Letto su Neural.it]

La compilazione di enciclopedie o la riduzione della conoscenza a blocchi gestibili, offrendo una catalogata panoramica quanto più completa possibile, è sempre stata una questione alquanto problematica. In effetti, l’arbitrarietà delle scelte – tra le infinite possibili voci – è un limite obiettivamente autoimposto. Questo – tuttavia – può anche essere visto come una grande opportunità per l’editor, al fine d’effettuare nella maniera più concisa una più significativa ed essenziale selezione. Quando si tratta di archeologia dei media – come in questo caso – la selezione diventa intrinsecamente più dinamica, così come si scava con la storia e la scienza per scoprire una vasta eterogeneità di strati dietro la nostra attuale unilaterale e appiattita percezione dei media. A cura di Claudia Giannetti e con la consulenza di Siegfried Zielinski questo libro è un piccolo gioiello. Assemblare quasi cento voci è una minima ma essenziale collezione, quello che nello spirito di Zielinski è però un eccellente “archivio” (che permetta la conservazione delle categorie stesse e delle strutture). Le differenti voci, scritte da cinquantasei collaboratori, di solito a proposito dei loro abituali interessi di ricerca, sintetizzano temi generali e personalità chiave, nonché dispositivi oscuri e pratiche, attraversando secoli, culture, latitudini e discipline, eppure rimanendo perfettamente coerenti. Questo distillato di cultura storica dei media è una risorsa unica, densa di efficaci e potenzialmente rivoluzionarie “micro-narrazioni”, collegate anche da loro alternative formulazioni che mettono in discussione le storie ufficiali e gli archivi del presente. Senza soluzione di continuità si realizza questo compito: An Archive(s) dovrebbe essere un testo obbligatorio per chiunque si occupi di media studies.

“SENTIERI DI NOTTE” ALLA “CASA DEL TRADUCTOR” | Giovanni Agnoloni – Writing and Travelling


Dal blog di Giovanni “Kosmos” Agnoloni. E non posso che complimentarmi per la sua continua ascesa.

Dalla Spagna mi arriva una buona notizia: sono stato accettato per una residenza di due settimane, a ottobre, per perfezionare la mia autotraduzione inglese del romanzo Sentieri di notte (Galaad Edizioni) con un lavoro di rilettura ad alta voce e di ulteriore rifinitura del testo. Presso la Casa del Traductor di Tarazona. Grazie!

Cathy van Eck – Song No 3, histrionic electronic music | Neural


[Letto su Neural.it]

Le tradizionali retoriche da palcoscenico si ritrovano sovente in una scomoda posizione nell’ambito della musica elettronica accademica. Il movimento modernista fece tabula rasa delle convenzioni diventate obsolete sia per l’influsso della tecnologia che per il desiderio di una cesura netta con il passato ma quando queste retoriche sono un riferimento in questo settore c’è un alto rischio populista e nostalgico, se non di esiti ingannevoli. Song No 3 di Cathy van Eck è un breve studio che stabilisce una brillante sintesi in cui la musica elettronica formale incontra il familiare vocabolario gestuale della performance vocale, trasformando il tutto in qualcosa d’altro. Considerando il microfono e l’altoparlante come strumenti musicali in se stessi, il lavoro di Cathy van Eck indaga le molteplici maniere per le quali il corpo e i gesti del performer stabiliscono una stretta relazione al fine di produrre differenti risultati sonori. In Song No 3 il performer indossa un altoparlante attaccato alla testa di fronte alla bocca, con un foglio di carta attaccato intorno all’altoparlante per nascondere la faccia, tenendo il microfono in una mano. Lo spettacolo è incentrato – infatti – proprio sul movimento istrionico delle braccia e delle mani. Mentre i cantanti come di consueto agitano le braccia per produrre una certa enfasi – il cantante è anche un musicista e un attore – qui questo gesto convenzionale diventa funzionale nell’alterare la distanza tra il microfono e l’altoparlante. Se l’esecutore modula la distanza del microfono – più vicino o più lontano dalla bocca – il suono emesso dagli altoparlanti subisce modifiche. Il microfono è impiegato quindi come sensore per rilevare l’ampiezza del suono emesso dal diffusore relativamente alla distanza agita. Il livello di ampiezza, che viene captato dal microfono, agisce come un segnale di controllo per i parametri software che determinano la generazione del suono. Il pezzo propone una sequenza di diverse possibili mappature tra suono e gesto, che hanno l’effetto di far crescere e poi sfidare le aspettative del pubblico, seppure – trascendendo la strumentazione utilizzata – la figura del performer mascherato e senza volto che emette suoni ultraterreni dal buco nero della bocca tocca archetipi profondamente radicati.

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Nebulaspage.org

- thoughts to go.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: