HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

GoatMan, prosthetics to live as a goat | Neural


[Letto su Neural.it]

C’è una nuova maniera d’intendere le protesi (complesse), non come strumento per “arricchire” il corpo di facoltà espanse, né per sostituire le parti che sono state eventualmente perse, ma per procedere verso uno stato completamente diverso e che invece limiti il corpo per testare la sua naturale attitudine ad adattarsi anche sotto condizioni estreme. Questo approccio è stato adottato da diversi artisti, che hanno sperimentato il coinvolgimento nel cambiamento del corpo all’interno di performance, eventualmente associandolo con la creazione digitale di protesi personalizzate, create proprio in una vasta gamma di possibili condizioni inesplorate. Il progetto di Thomas Thwaites “GoatMan” rispecchia in pieno queste qualità ed è destinato ad investigare come potrebbe essere vivere come una capra. Thwaites è un designer concettuale ed in questa veste ha commissionato – per essere adattate alle sue braccia e alle gambe – specifiche protesi personalizzate al fine di poter camminare come un quadrupede. L’artista ha studiato le capre insieme a biologi comportamentali e ha perfino preso in considerazione di costruire uno stomaco artificiale che possa lavorare con i batteri digerendo correttamente l’erba alla stessa maniera di quello d’una capra. Egli in realtà ha trovato un modo per vivere qualche giorno come una capra e tra capre reali, in una fattoria nelle Alpi svizzere, tanto che anche il capraio addetto ha riconosciuto che a quanto pare è stato accettato nella loro comunità. L’autore ammette che il distacco dalla natura umana – e soprattutto dal modo di pensare umano – è tra i più difficili da esplorare in modo efficace e che a volte, a questo proposito, può essere di sollievo semplificare la vita ad un livello completamente inesperto. Questo stato alterato ha poi anche profondamente influenzato la percezione del sé, sostanzialmente spingendo l’artista oltre i suoi stessi limiti. Thwaites ha definito la sua condizione temporanea come un “animale non umano” intrinsecamente affermando che il post-humanism potrebbe sicuramente avere a che fare con il concetto di “de-evoluzione”, piuttosto invece che il contrario.

Annunci

No comments yet»

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, esoterismo. A cura di Marco Maculotti.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: