HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per giugno 1, 2016

Esce il bando del Premio Short-Kipple 2016 | KippleBlog


Premio Short-Kipple 2016[Letto su KippleBlog]

È uscito il bando del Premio Short-Kipple 2016, Premio riservato ai racconti di Fantascienza inediti scritti in lingua italiana. La scadenza è per il 15 agosto 2016. Qui sotto e sulla pagina dedicata, il bando del Premio.

***

Kipple Officina Libraria bandisce per l’anno 2016 la VI edizione del Premio Short-Kipple per i migliori racconti di fantascienza.

BANDO PREMIO SHORT-KIPPLE 2016

1) Sono ammesse solo le opere in lingua italiana inedite, mai pubblicate su carta o in digitale, neppure parzialmente. I racconti devono avere la lunghezza minima di 5 cartelle dattiloscritte e massima di 20 cartelle (per cartella s’intende, all’incirca, una pagina da 60 battute di 30 righe, cioè 1800 caratteri spazi inclusi).

2) Il contenuto deve essere SOLO ed ESCLUSIVAMENTE fantastico.

I generi ammessi sono:

– fantascienza (hard science-fiction, post-cyberpunk, steampunk, bio-punk)
– narrativa di anticipazione
– neo-noir (thriller e new weird)
– horror
– urban fantasy

Testi di qualsiasi altra natura NON verranno presi in considerazione.

3) È possibile partecipare con più opere.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE
La quota di partecipazione è fissata in 5 € per ogni racconto, da accreditare entro il 15 agosto 2016 su

I) conto corrente postale n° 43103274 con causale “Premio Short-Kipple 2016”

II) tramite bonifico con le coordinate bancarie:
IBAN IT95W  07601 01600 000043103274 intestato a Gianluca Cremoni
con causale “Premio Short-Kipple 2016”

III) tramite paypal: kol@kipple.it

SCADENZA
La scadenza è fissata per il 15 agosto 2016 (compreso).

4) I racconti devono essere spediti in allegato all’indirizzo: kol@kipple.it indicando nel titolo dell’e-mail “Premio Short-Kipple 2016”.

Nel corpo della mail dovrà essere presente: il Titolo (o i Titoli) dell’opera, l’Autore e la dicitura: “dichiaro che il progetto allegato non deriva da plagio e di essere in possesso di tutti i diritti a esso connessi; ai sensi del d.lgs. 30 giugno 2003 n.196”, “acconsento al trattamento dei dati personali da me forniti”.

In allegato dovrà esserci il testo salvato come “titolo opera” di “nome autore” (con nome dell’autore, il titolo dell’opera e un indirizzo email sul frontespizio della prima pagina) e deve essere presentato SOLO in formato elettronico .doc, .rtf, .odt o .docx e, sempre in allegato, la ricevuta del pagamento.

5) Il vincitore del Premio avrà diritto alla pubblicazione del racconto sulla collana eBook “Capsule”, distribuita su tutti i portali on-line quali IBS, Kobobooks, Mediaworld, Unilibro, LaFeltrinelli, Biblet, Bol, Bookrepublic, ecc., su Amazon relativamente ai siti Usa, UK, Italia, Francia, Spagna, Germania, Canada, Brasile, India e Messico e su GogleLibri di GooglePlay.

L’autore riceverà un regolare contratto editoriale entro il 30 luglio del 2017.

Riepilogo:
Lunghezza: min 5 max 20 cartelle
Scadenza: 15 agosto 2016 (compreso)
Invio a: kol@kipple.it in formato .doc, .rtf, .odt o .docx.
Quota di partecipazione: 5 € ogni racconto

Fantasceneggiati | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione di una pubblicazione Elara che traccia la storia degli sceneggiati fantastici che per più di trent’anni hanno attraversato la programmazione televisiva della RAI. Parliamo di Fantasceneggiati, a cura di  Leopoldo Santovincenzo, Carlo Modesti Pauer e Marcello Rossi. Introduzione di Ugo Gregoretti.

Diviso in tre sezioni, il libro scrive nella prima parte la storia degli sceneggiati prettamente fantasscientifici, dal perduto Dalla Terra alla Luna realizzato nel 1954 per la nascente TV dei Ragazzi, a tappe leggendarie come Lo strano caso del dottor Jeckyll e di Mr. Hyde di Giorgio Albertazzi, da A come Andromeda L’isola del tesoro nella versione spaziale diretta da Antonio Margheriti, ai Racconti di Fantascienza realizzati da Alessandro Blasetti, a tutti gli sceneggiati brevi e lunghi che nell’arco di trentatré anni la RAI ha presentato al pubblico. La seconda parte, la più corposa, copre lo stesso periodo temporale per quanto riguarda il giallo magico e il fantastico e l’horror, dove troveremo quei miti del piccolo schermo che furono a esempio Il segno del comandoopere che incollavano davanti al video quindici, venti milioni di telespettatori.

La terza parte comprende tutte le schede degli sceneggiati del periodo nel settore, con la durata, il numero delle puntate, gli attori, i registi, gli autori delle musiche, le trame… Un’opera completa, necessaria per tutti coloro che vogliono rivivere il periodo più glorioso della nostra televisione, e seguire una storia della RAI che è anche la storia del nostro passato.

L’incubatrice | HorrorMagazine


Su HorrorMagazine la segnalazione della pubblicazione della riedizione de L’incubatrice, di Paolo Di Orazio, sotto le insegne della Independent Legions di Alessandro Manzetti.

Clinica Materna Curriel, Ratzengung, Germania Ovest. Nina è ricoverata per partorire, forse sta sognando, forse è tutto vero. Tra sprazzi di realtà, sogni, incubi, allucinazioni, lungo il folle binario della Sindrome di Hergg, Nina vive diverse realtà parallele, mentre le si fa sempre più vicino l’oscuro mondo del sotterraneo della clinica, dove pulsano nidi surreali e strisciano creature che violano ogni umana concezione. Una metafora splatter e incubica del travaglio, della nuova nascita, della morte di se stessi che arriva a definire l’eretico paradigma del Feto Zero, del Figlio Zero, di un abominevole allevamento. Un viaggio surreale di sangue, di carne, di visioni a più livelli. Una pietra miliare dello Splatterpunk italiano.

Dio non è morto, deve ancora nascere. | L’indiscreto


Un viaggio tra filosofia, teologia, iperliberismo, singolarità e tecnologia, per determinare le linee di tendenza del prossimo futuro dell’umanità. O di quel che sarà postumanità. Su Indiscreto.

Una religiosità materialista, “bianca”, “vuota”, “astratta” e senza contenuti che divinizza ciò che utilizziamo quotidianamente, ovvero motori di ricerca, social networks ed intelligenze artificiali. Da questi dispositivi concreti e dalle esperienze che ne facciamo non è possibile in alcun modo dedurre una futura fusione fra uomo e macchina o una scomparsa delle identità personali nell’universo liquido di una Rete unificata. Questa narrazione si struttura come un’unica possibilità per un’unica umanità che vivrà un unico ed eterno tempo presente. Tutto ciò è altamente improbabile: oltre a un’evoluzione tecnologica senza precedenti, i nostri anni sono caratterizzati da un inasprimento delle guerre, dalla ripresa di logiche segregative, dalla ricomparsa di barriere, dalla distruzione del welfare state, la crisi delle classi medie occidentali e da una necropolitica nel sud del mondo. Insomma, nulla sembra far presagire una nuova età dell’oro, caratterizzata dall’annullamento delle ingiustizie e dalla realizzazione della vita eterna per tutti. Quanto narrano queste storie di tecno-utopismo è invece l’emanazione diretta dell’egemonia culturale dell’ideologia californiana della Silicon Valley, che dopo aver imposto globalmente i suoi prodotti e i suoi brevetti, è passata alla fase mitopoietica di rappresentarsi non più come modello economico-politico ma come un’aberrante chimera tecno-teologica.

Il Grande Avvilente: Penny Steampunk – un’antologia Steampunk a cura di Roberto Cera


Alessandro Forlani segnala sul suo blog l’uscita editoriale di un’antologia, Penny Steampunk, una silloge di vapore, ingranaggi e segreti a cura di Roberto Cera in occasione di VaporosaMente 2016.

Il volume comprende racconti di Aaron Mattews, Alessio “Galessio” Brugnoli, Andrea Frasconi, Andrea Wise, Anna Pullia, Augusto Chiarle, Cristina Barone, Daniele Cutali, Dario Tonani, Duilio Chiarle, Davide Del Popolo Riolo, Emanuela Valentini, Federica Soprani, Vittoria Corella, Filippo Abrami, Marta Mautino, Jonathan Davies, Maurizio Matassi, Barbara Martini, Paola Pozzo, Paula Capilla Mirales, Valerio Amadei e Forlani stesso.
AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Flavio Torba non esiste, ma ciò non gli impedisce di descrivere l'orrore.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: