HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Monte Cavo: gli Antichi e l’Impero delle Antenne – Nemora Nemora


Su Nemora un bellissimo articolo che narra della Via Sacra sul Monte Cavo, casa del Giove dei Latini, la montagna che sovrasta Roma da cui, in qualche modo, nacque la metropoli che sottomise tutto il mondo antico conosciuto. Il post vibra, esattamente come camminare su questo monte e sulle sue vestigia psichiche.

Monte Cavo era considerato dai popoli preromani la montagna sacra per eccellenza ed era sede del tempio di Iuppiter Latiaris, Giove Laziale, divinità massima adorata dalle popolazioni della Lega Latina e dalla Roma degli albori.
Fu il re Tarquinio Prisco (616 a.C. – 579 a.C.) a decidere di edificare sulla sua cima il santuario di Giove, il quale avrebbe costituito il riferimento religioso comune a Latini, Ernici e Volsci.
Tra gennaio e marzo qui si svolgevano le Feriae latinae, periodo in cui ci si asteneva da ogni conflitto per ascendere collettivamente verso il tempio e celebrare il padre di tutti gli dèi; erano tenuti a depositare le armi e a partecipare al pellegrinaggio tutti i delegati delle 46 città confederate latine. Inoltre, era prassi che i Consoli romani si recassero presso il Monte Albano per ringraziare Giove quando uno di essi otteneva una vittoria in guerra.
Le vestigia di questa antica tradizione sono ancora oggi custodite nella Via Sacra.
Il suo percorso aveva origine nell’Urbe e si snodava per 30 km, passando prima presso il Tempio di Diana Nemorense, per inerpicarsi poi sul versante del Monte per altri 6 km fino al raggiungimento del santuario. Questo tratto, detto anche via trionfale, si presenta oggi -dopo più di 2.000 anni- in gran parte perfettamente integro ed è ancora possibile percorrerlo seguendo i passi degli antichi calcando il basolato originale.

Incamminandosi lungo la Via Sacra si attraversa il bosco indisturbati.
Si può godere di meravigliosi scorci che improvvisamente si aprono sull’orizzonte, fino al mare, e sui laghi. Ma vale la pena gettare un occhio anche a ciò che si calpesta.
Prestando attenzione al basolato, si possono trovare delle incisioni molto particolari. Vi sono, di fatti, diversi studiosi che hanno confermato la presenza di falli scalfiti nella pietra. Si potrebbe trattare di vestigia di tradizioni religiose preromane e sopravvissute in un’epoca in cui Giove e Diana avevano già fatto la loro comparsa in vesti ufficiali.
La montagna, il picco più elevato e tendente verso il cielo, è di fatti generalmente interpretato come elemento maschile per eccellenza all’interno dei culti primitivi e non è un caso che siano proprio i promontori a essere consacrati a divinità maschili nelle pratiche pagane.
Tuttavia, nel corso delle mie passeggiate, ho avuto modo di notare anche la presenza di un altro tipo di incisioni, somiglianti a triangoli con la punta rivolta verso il basso.
Qualche chilometro più in giù, lungo le sponde del lago di Nemi, sorge il tempio di Diana Nemorense. L’acqua e gli ambienti chiusi e raccolti, per controparte, sono archetipi associati tradizionalmente al femminile.
Osservando lo spazio su un piano macroscopico e ragionando nell’ottica delle popolazioni antiche, è si nota come vi sia sempre una simmetria e un bilanciamento nel concepire il lato energetico e spirituale degli elementi naturali.
In questa prospettiva Diana -una Diana primordiale, nelle vesti di Dea Madre più che di mera dea della caccia- può ricoprire egregiamente il ruolo di controparte femminile del Dio padre di tutti gli Dèi.
Secondo la visione dello studioso Giuliano di Benedetti lo stesso Monte Cavo, osservato da Genzano, potrebbe essere interpretato come il ventre gravido di una donna il cui frutto del parto è rappresentato dal lago di Nemi e dall’area sacra del tempio di Diana Nemorensis.
Nelle culture arcaiche il triangolo e dei simboli simili alle V, entrambi stilizzazioni di una vulva, venivano utilizzati per rappresentare l’essenza generatrice della Dea Madre.
Si tratta di una semplice speculazione personale, ma chissà che non sia possibile che questo secondo ordine di incisioni non si trovi lì per rendere fertile controbilanciare l’elemento maschile, così schiacciante in un simile contesto simbolico-naturale.

No comments yet»

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Dragon - cm. 75 x 20 inchiostro su legno. Agosto 2016

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

My Alethεiα

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

mondo dolce

Food Lover.

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

Michele Valente |Blog

Blogger e studente di Comunicazione e ricerca sociale. Scrivo di politica ed economia, europea e internazionale, attraverso un'ottica globale dei fenomeni della società

Sonia Cenceschi

La musica è una pratica occulta dell'aritmetica, dove l'anima non sa di calcolare - Leibniz

Necrologika

Se muori te lo diciamo noi.

ITINERARI LAZIALI

borghi, castelli, ville, città perdute, monasteri ed abbazie, leggende e segreti, paesaggi fantastici e luoghi insoliti della regione di Roma e dei territori limitrofi.

CollettivoD

Il punto di vista delle donne

GamberoSolitario

A great WordPress.com site

Perversamente Tua

Come stelo mi piego e ti raggiungo, angelo nel tuo inferno, demone di un perverso paradiso.

PINK FLOYD ITALIA

Il primo blog italiano sui Pink Floyd, news e non solo. Fatto da un fan... per i fans!

lucangreenwaters

Lucania dalle Verdi Valli e dalle Acque Cristalline

L'AlTrO (lato)

" Per sentire e sognare in pace, bisogna spegner la luce della ragione... almeno per un po'. "

Simone Morana Cyla Official Blog

Blog ufficiale dell'artista digitale Simone Morana Cyla.

LA FLOTTA DI VEGAN

Cucina verde e ispirazioni nerd

Lezioni Sul Domani

Blog di Fantascienza

Salvatore Leone

Il vizio dell'aria

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

Luna in Cancro.

Sia il discorso che il silenzio trasgrediscono

Antares666's Weblog

Just another WordPress.com site

Dimensione Visiva Personale

.....semplicemente quello che vedo e niente più

Indice di lettura

Fantastico e immaginario

Critica.Mente: la sola costanza è il cambiamento

divagazioni letterarie, sociali e politiche

Associazione LiberoLibro

Associazione letteraria e culturale

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: