HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per agosto 20, 2016

33 anni


Howard Phillips Lovecraft

La completezza di festeggiare 33 anni di creazioni, nello stesso logo da cui partirono, nell’ambito di sensi espansi proprio nel giorno del compleanno di HP Lovecraft; i memi erano già stabiliti allora, quasi tutti, e in tutto questo tempo li ho approfonditi. È festa.

Flusso Delirante Persecutorion – IV


Le pieghe dell’occulto si rivelano poderose.

Surface Vespers And Cessnas – Surface 10 aka Dean De Benedictis (Robert Leiner Remix)


La tribalità lascia lo spazio allo psichico, allo psichedelico. Nel volgere di eoni.

Ragni frattali


Ragni di pura fattura frattale minacciano il tuo continuum.

Gli universi di Moras – Carmilla on line x


Su CarmillaOnLine l’incipit davvero lungo della riedizione di un glorioso romanzo di Vittorio Catani, vincitore del Premio Urania del ’90. Si parla de Gli universi di Moras. Leggete qui sotto la qualità eccelsa che quest’autore, attento alle dinamiche sociali, riesce a confezionare; un maestro, mai troppo spesso ricordato:

In una storia di universi paralleli – una storia sull’infinito – non è facile individuare un inizio preciso. Per me, a ogni modo, tutto è cominciato con una serie di vicende personali abbastanza recenti.

Fu a settembre scorso che andai per la prima volta nell’ambulatorio del dottor Zanusa. Non sono trascorsi che quattro mesi, ci sarebbe da non crederci, eppure da quel momento gli eventi sono precipitati rapidamente.

Andai dal dottor Zanusa, e subito non ci fu più alcun equivoco sulla natura del mio male. Ero sceso a cinquantacinque chili in due settimane e tutto lasciava presagire ulteriori cadute di peso.

Ero l’ombra di me stesso. Inutilmente a casa mia, tutto solo, in disperati sogni a occhi aperti col modulo creativo elettronico, tentavo di rievocare e materializzare l’immagine del mio fisico di “prima”. Era incredibile che un corpo smagrito e deformato, come stava diventando il mio, soltanto ieri avesse posseduto prestanza, bicipiti e… be’, anche un certo fascino.

Il male si era manifestato improvvisamente ai primi di settembre, al termine della mia ultima estate felice piena di mare, luce e Belle. Una mattina come tante altre arrivammo alla spiaggia di Mare Meraviglia, ci spogliammo e Belle disse: – Sei pieno di piccoli ematomi… Sulla spalla, lì alle gambe… Toni, buondio, sei caduto o che altro ti è successo?

Nulla di tutto questo, o non ricordavo. Decisi che non era il caso di preoccuparsi.

Un paio di mattine dopo, dinanzi allo specchio, scoprii che le mie gengive sanguinavano in maniera abnorme. Andai da un dentista, che disse: – Qui non è questione di gengive. Corra da un ematologo. Subito.

Fu così che entrai nell’incubo.

A questo punto avevo certi sospetti sulla faccenda, e il dottor Zanusa, l’ematologo, che a sua volta sospettava i miei pensieri, disse: – Il nome della sua malattia è necro. Non saprei dire esattamente chi gliel’abbia attribuito… Aggiungo che questo male mimetico, ancora poco noto, nel suo caso specifico si presenta con i falsi sintomi di una neoleucemia LTH.

Necro. C’era ben poco da aggiungere, e il dottor Zanusa procrastinava sgradevolmente quel poco. Io me ne restavo lì, sul lettino bianco, a mezzo tra sdraiato e seduto. Mi schiarii la gola: – Prospettive, dottore?

Zanusa aveva occhi celesti, vitrei. Non capivo se sostenesse il mio sguardo (lo sguardo d’un condannato, suppongo, è qualcosa di spoglio, essenziale) o se semplicemente si nascondesse, per così dire, dietro quel celeste stinto. Rispose: – In genere questo male non manifesta un… ehm… decorso prolungato. Scusi la brutalità. Cosa dirle? Ne sappiamo ancora tanto poco. Sei mesi, un anno… Ma sono in atto promettenti sperimentazioni, sa. Il fatto, signor Moras, è che nel necro non vi sono sintomi in senso proprio. Lei presenta un’apparente sindrome neoleucemica, eppure secondo le approfondite analisi che abbiamo fatto lei sarebbe sano. Il necro è l’unica malattia conosciuta che sia “esterna” al malato. Insomma, si direbbe che lei sia a posto, mentre tutto quanto è esterno alla sua persona, il mondo intero, non lo è nei suoi riguardi… Come se l’universo intero avesse una crisi di rigetto verso il signor Antonio Moras, e tramasse per eliminarlo. Mi segue?

– Ma… – balbettai – insomma, è un male diffuso? – Volevo fare mille domande, rendermi ragione di quanto accadeva. Perché proprio a me?

Zanusa disse: – Diciamo che è un morbo in ascesa. Mi è noto un altro caso recente di necro. Il soggetto pareva manifestare i sintomi amplificati di una forma mutata di tifo petecchiale. Il corpo del paziente si infestò anche internamente di migliaia di grosse pustole necrotiche… e le risparmio il resto. A ogni modo, l’unica cosa che posso fare è cercare di prevenire gli effetti più superficiali dei suoi sintomi, cioè agire come se fosse veramente una neoleucemia LTH, benché a rigore sia un controsenso. Ovviamente anche la questione psicologica è importante.

Cominciai a rivestirmi lentamente. Zanusa sedette dietro la scrivania. Ci pensò un attimo, poi aggiunse: – Senta, lei lavora da più di cinque anni all’Unipar. Lei viaggia negli universi… per quel poco che ne so deve trattarsi di esperienze di grande interesse, certamente…

– Lasci perdere – dissi brusco. Era chiaro che ora Zanusa cercava di stornare il discorso. Indubbiamente, gli universi paralleli erano ritenuti quanto di più interessante – ma anche problematico – esistesse nell’universo, per così dire, ma mi schermii. – Non è il caso, dottore, grazie. Pensavo più o meno anch’io la stessa cosa sull’Unipar… fino a prima di venire qui da lei.

– Oh, ma non deve disperarsi. Intanto qualcosa è sempre possibile fare. Tenteremo, le saremo vicini. Può contarci.

Osservavo le insolite apparecchiature dello studio medico, e intanto il pensiero mi martellava: n-e-c-r-o. Un bisillabo micidiale che lasciava una traccia indelebile nella mente, come immondizia su un lenzuolo candido.

Per diagnosticarlo, a Zanusa non erano occorse soltanto analisi cliniche ma anche complessi calcoli. Calcoli probabilistici, divisi fra strutture genetiche e oscure forze fisiche e ambientali. Non sapevo nulla di queste entità astratte, capaci di partorire un incubo concreto.

Leggi il seguito di questo post »

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Fuliggine

“The books gave Matilda a comforting message: You are not alone." Roald Dahl

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Nerxes.com

– Daily writings | for thoughtful & reflective moments.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana del cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: