HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Praticare la notte di Ksenja Laginja, recensione di Federico Cerminara


Bella recensione, significativa e intensa perché scava nelle parole, nei sensi, alla silloge di Ksenja Laginja, Praticare la notte. La trovate su VersanteRipido; un estratto:

Qualche giorno fa il mio vicino ha rischiato di investire un gatto mentre tornava dal lavoro. Il micio era messo male già di suo, pieno di graffi, tremava; Carlo lo ha preso con sé, lo ha fatto visitare da un veterinario, ora il gattino se ne sta accoccolato sotto una copertina, in una cesta rotonda sul terrazzo che vista dal mio balcone sembra un anfiteatro romano. Sta bene, ha soltanto bisogno di qualche giorno per leccarsi le ferite, avvolto nella piccola bolla a forma di Colosseo che gli hanno regalato.

Ho pensato molto al gatto del mio vicino mentre leggevo le poesie di Ksenja LaginjaPraticare la notte (Giulio Ladolfi Editore) nel suo raccontare la lotta quotidiana con i sentimenti, con il peso della distanza, con l’angoscia dei ricordi (Ho socchiuso la porta \ perché l’ultima traccia di te \ abbandonasse quelle stanze \ insieme alla caffettiera che \ comprammo a natale \ a tutte le cose \ lasciate cadere distrattamente \ agli angoli della cucina), ci descrive inermi, indifesi (il passato esce dall’ingresso principale \ ma le porte sono difettose). Impauriti come il micio che il mio vicino ha affidato alle cure della coperta perché potesse guarire. Come il gatto anche noi avremmo bisogno di una cesta in cui imparare a coltivare l’assenza (Ti confesso che non è stato semplice \ calcare il mondo senza radici), a lenire il dolore (non è servito a niente \ insultare la tua voce \ né scaraventare il tuo nome \ lontano). Avremmo bisogno di un cerchio degli affetti, un cerchio della fiducia, uno spazio abbastanza grande da avvolgerci assieme a un’altra persona, abbastanza piccolo da non farcene sentire la mancanza quando si è soli. I graffi del tempo devono fare meno male sotto una coperta di lana (Ricordi l’inverno passato? \ Venivi a coprirmi nella notte).

Praticare la notte è il disegno del cerchio, è il racconto della fortezza, dell’assedio e allo stesso tempo delle ferite; nei versi di Ksenja Laginja prendono vita i ricordi che vorremmo cancellare e di cui non possiamo fare a meno (ce l’hanno chiesto così spesso \ restiamo qui \ cogliamo l’attimo, la virgola, il punto). Praticare la notte è il racconto del tentativo, quotidiano, di fare pace con l’amore disseminato lungo la strada.

Annunci

No comments yet»

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: