HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per ottobre 20, 2016

Colpo d’occhio distopico


La tempistica mostrata, durante l’atto di disfunzione sensoriale espansa, è decisamente insufficiente, così ogni istante rappreso ha preso a essere un mondo autarchico dominato dai fascismi medioevali, e ogni rigagnolo di speranza si raggruma in parole senza senso né visioni.

Roma e il disabitato


Amo questi risvolti macchiati da larghe consunzioni, grasse come macchie di lipidi nella minestra. Tutto appare come un’ordalia di povertà opulenta, e il risultato lo si può vedere nelle borgate sparse lungo le campagne un tempo disabitate.

Residui temporali dimensionali


I residui temporali si aggrovigliano sulle dita e da lì, con immenso sfolgorio del Fantastico, riesco a intravedere notevoli implicazioni dimensionali, quasi stessi navigando oltre le mie potenzialità costruttive.

Restaurazioni


Le restaurazioni s’imbrattano di residui psichici fetenti, latenti sulle superfici porose e aggroviglianti – stadi di pura indisponenza materica.

Land’s End – la fine del mondo secondo Arona | PostHuman


Segnalazione lussuosa quella comparsa a opera di Mario “Black M” Gazzola su PostHuman; soggetto: Danilo Arona, il suo ultimo romanzo (in realtà scritto a quattro mani con Sabina Guidotti) Land’s End. Un estratto della corposa segnalazione in cui è facile riconoscere l’opera minuziosa di ricerca e descrittiva di Gazzola:

I libri di Danilo Arona (a lato nel ruolo del chitarrista Morgan Perdinka) non finiscono mai. Non è (non solo) una battuta, perché scaturiscono tutti da una personale e precisa visione cosmica, tellurica dell’orrore: nella sua narrativa non c’è mai solo la motivazione individuale, psicanalitica del male. Anche se la trama ruota su dei serial killer cinefili (come in Io Sono Le Voci), o su misteriosi untori epidemici caraibici (come ne La croce sulle labbra), all’origine di qualunque crimine c’è il Male. Quello cosmico, assoluto, cieco, insensato e inarrestabile. Quello che l’autore di Alessandria (pardon, Bassavilla) definisce un brivido sulla schiena del drago (altro suo titolo storico), ossia una vibrazione alterata dell’asse terrestre, un fenomeno fisico che – attraverso il celebre effetto farfalla genera nefandezze a catena.

Anche in luoghi (o in tempi) fra loro lontanissimi: perché ci insegna un’altra teoria fisica centrale nella Weltanschauung aroniana che il “contagio” del Male non si muove secondo i vetusti criteri del moto dei corpi, bensì attraverso quello ben più imprevedibile dell’entaglement quantistico. In questa Weltanschauung quindi il Male non si sconfigge mai una volta per tutte (come Yin e Yang si equilibrano, nessuno dei due può prevalere in forma definitiva), lo si può arrestare temporaneamente ma prima o poi un altro dissesto tellurico lo rimetterà fatalmente in circolo a seminare morte e terrore sfruttando temporanei varchi dimensionali per sbucare dove meno ce lo aspetta.

Ecco che dunque in Land’s End – il teorema della distruzione (copertina in apertura) ritroviamo i serial killer di bambini biondi, ossessionati dal ciclo dei film sul Villaggio dei dannati (di cui accanto vedete un’emblematica scena del remake carpenteriano) nel citato Io Sono Le Voci, che stanziano il loro sinistro luna park proprio a Land’s End, reale punta estrema della Cornovaglia sul mare. Dove vive anche la coppia formata dall’ex giornalista Angus con la moglie sciamana Dafne, dotata di poteri medianici che le fanno presentire l’imminente arrivo dell’Onda, presumibile fine del mondo conosciuto secondo lo Schema tracciato da padre Nicholas, un religioso che ha lasciato enigmatiche premonizioni sull’imminente Armageddon sulle pareti della cella dell’ormai deserto monastero in cui viveva.

A Land’s End converge anche lo scrittore maledetto Morgan Perdinka per scoprire il luogo in cui sta ambientando il suo ultimo romanzo. Che ultimo resterà perché – già da L’estate di Montebuio – sappiamo che lo scrittore è morto suicida. Quindi questo suo nuovo romanzo si situa poco prima del fatto? Oppure quel che leggiamo sono gli incubi della sua amante e manager Cassandra, ossessionata dall’inspiegabile fine dell’amato creatore d’incubi, la quale ora sembra vivere proprio in un incubo partorito dalla di lui penna? O forse è la sua ancor più misteriosa, vetusta macchina da scrivere Continental (già ingombrante presenza in Montebuio), che sembra vivere di (malvagia) vita propria, vomitando orrori tramite il brillante scrittore o persino da sola?

Le due coppie si sfiorano a Land’s End senza davvero incontrarsi, perché in realtà abitano dimensioni diverse. O non sarà che forse Dafne e Angus sono solo i personaggi di un b-movie horror che il regista David Demoreaux sta girando a Hollywood, basandosi sulla storia di Soyoko, con due sfiorite glorie come attori protagonisti nei loro ruoli? Lo gira basandosi sulla storia di Soyoko, nel libro una leggenda indiana: bellissima giovine pellerossa trucidata da bruti gringo ai piedi del Monte Graham (sede dell’osservatorio vaticano inviso al suo popolo e altro avamposto per cogliere i segni dello Schema finale), diventa un leggendario babau che striscia senza gambe, s’annuncia con un inquietante “tike tike” e uccide per vendetta con uncini alla Freddy Krueger (di cui accanto ripassate la famigerata mano artigliata) anche se a me ha ricordato un po’ quelle maledizioni dell’horror nipponico alla The Ring/The Grudge (vedi a sinistra) avviluppate in nere chiome, sensazione confermata quando un dialogo verso la fine del libro ricorda la sua origine proprio in una leggenda metropolitana giapponese (Teke teke). Qui essa viene cucinata appunto in salsa indiana, comunque attraverso varchi dimensionali e/od onirici, Soyoko appare e fa danni sia di là che di qua dall’Atlantico, perfino nella Milano della terrorizzata Cassandra Marsalis.

 

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

listen to the tales as we all rationalize

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Gallerie da Vinci

Paesaggi dell'Anima

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: