HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Lankenauta | Dentro e fuori le case


Su Lankenauta la recensione al libro Dentro e fuori le case, di Adriana Destro e Mauro Pesce. Argomento: gli esordi del Cristianesimo e i rapporti tra uomini e donne durante il periodo iniziale, con Cristo ancora in vita, e i successivi tempi, dalle prime forme di aggregazione religiosa (quasi mistica) fino a quando la religione è diventata effettivamente politica. Un passo della critica:

Come cambia il ruolo della donna dopo l’avvento di Gesù e poi con la nascita della prime Chiese? Come si relazionava Gesù con le donne e com’è cambiato questo rapporto dopo la sua morte, quando si è sviluppata l’ekklēsia?

Questo agile saggio pone vari interrogativi e vuole dimostrare la discontinuità tra le primissime Chiese e il movimento di Gesù. Prima di tutto, come si accostava Gesù alle persone? In maniera diretta, faccia a faccia, in modo da incontrarle davvero e provocarne il cambiamento. Gesù crea un’associazione volontaria interstiziale, dove quest’ultimo termine si riferisce a “tutto ciò che non ha un posto sociale definito e deve perciò collocarsi nelle situazioni residuali, negli spazi che rimangono, per così dire «vuoti», non occupati dalle istituzioni”.

La comunità di Gesù è molto diversa dall’oikos, cioè il gruppo domestico centrato in una casa. Si può dire che le relazioni proposte da Gesù tendono a rompere gli equilibri interni dell’oikos, o almeno a sospendere le reti normali dei rapporti sociali.

Le donne sono così chiamate a uscire dalle case, possono avere iniziative, muoversi, Gesù chiama anche loro e il suo particolare stile di vita – itinerante -consente nuove relazioni e una decisa modifica dei ruoli tradizionali.

Il modo di Gesù di “stare nelle case” provoca un viavai di gente che lo cerca, inoltre viene richiesto un rapporto immediato e diretto con Lui e con Dio e quindi un’interruzione almeno temporanea delle funzioni domestiche. Gesù accosta le donne come persone e non nel ruolo di madri, mogli, figlie, sorelle.

Annunci

No comments yet»

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: