HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

L’effetto Mandela, gli universi paralleli e la gamba di C3PO | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com si parla di un curioso effetto che somiglia più a una percezione di diversi continuum spaziotemporali che altro: l’Effetto Mandela. Cos’è? Ecco qui un’incollata della descrizione, e qualcuno mi dica se non l’ha già sperimentato (pure io mi ci sono trovato in mezzo alcune volte, eh).

Ci sono persone che ricordano chiaramente un film degli anni Novanta intitolato Shazaam. Potrebbero anche descrivervene delle scene. Ma non cercatelo su IMDb, perché quel film non esiste. Altri sono sicuri che Pikachu avesse la punta della coda nera, o che Darth Vader dicesse la frase “Luke, io sono tuo padre”, o che l’omino del Monopoli avesse il monocolo. Ma la realtà è diversa: la punta della coda è gialla, l’omino non ha il monocolo e Darth Vader dice “No, io sono tua padre”.

Sono casi di un fenomeno che sta avendo una certa risonanza, chiamato Effetto Mandela. Il nome è stato creato dalla prima persona che lo ha segnalato, la blogger Fiona Broome, che restò colpita scoprendo che Nelson Mandela era morto nel 2013, ormai da molti anni in libertà. Perché lei ricordava chiaramente, con tutti i dettagli, che fosse morto negli anni Ottanta, in carcere. Ricordava i dettagli, i funerali, le reazioni politiche. Raccontò la cosa chiacchierando con altre persone a una DragonCon, e venne fuori che c’erano altri con lo stesso ricordo. Allora scrisse un articolo sul suo blog, e venne fuori che quelli che ricordavano la stessa cosa erano tanti, tanti di più. E ricordavano anche altre cose.

La Broome aprì un sito chiamato mandelaeffect.com, e lì cominciarono a essere elencati altri casi di ricordi collettivi “sbagliati”, come quelli che ho elencato sopra. Uno che colpirà certamente i nostri lettori (ha di sicuro colpito noi!) riguarda ancora Star Wars: di che colore ve le ricordate le gambe di C-3PO? Se ve le ricordate tutte e due dorate, be’, probabilmente avete vissuto in un altro universo fino a oggi. Perché una delle due gambe di C-3PO è argentata.

Lo confessiamo: leggendo questa cosa abbiamo cercato foto di C-3PO su Google. A un certo punto ci è venuta l’idea che qualcuno si fosse messo lì apposta a riempire internet di foto contraffatte per sostenere la tesi dell’Effetto Mandela, e siamo andati a controllare sui film stessi. E niente. La gamba d’argento è davvero lì. Mai notata in quante, decine e decine di visioni tra tutti e sette i film?

Abbiamo buttato lì la battuta dell’altro universo non a caso. Perché secondo alcuni la spiegazione sarebbe proprio questa: un evento catastrofico (per esempio un esperimento all’acceleratore del CERN) avrebbe causato l’implosione del nostro universo in un altro, dove le cose si sono svolte quasi nello stesso modo, salvo, appunto, piccoli dettagli.

Ci sono naturalmente altre ipotesi possibili: la frase di Darth Vader la ricordavamo male, la gamba non l’abbiamo mai notata perché si vede in poche scene, la strega di Biancaneve dice Mirror, Mirror on the Wall nella fiaba e ricordiamo quello perché è citato più spesso anche se nel film dice Magic Mirror on the Wall, e così via. Ma qualche dubbio resta comunque, no?

Annunci

3 commenti»

  LA CONOSCENZA DEL MONDO | VERDE RIVISTA | HyperHouse wrote @

[…] racconto che mi ha rimandato all’Effetto Mandela, della confusione incipiente e deflagrante, del collasso di realtà quantiche lì lì per divenire […]

Mi piace

[…] L’indiscreto un approfondimento sulla Sindrome di Mandela, che ho evidenziato poco tempo fa qui. Che cos’è? Ecco un estratto dalla segnalazione di […]

Mi piace

[…] occasione del “mistero” del Nome di Madonna – e così ho avuto modo di scoprire questo incredibile post, dove il blogger mi svela un fenomeno che ignoravo: il falso ricordo delle gambe d’oro di […]

Mi piace


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, esoterismo. A cura di Marco Maculotti.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: