HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per maggio 6, 2017

Elementi d’inumanità


Una complessità incomprimibile si muove lungo gli argini della sinuosa linea d’acqua, e tu sei lì ad abbeverarti per accrescere la tua conoscenza, il tuo dominio psichico, la tua pervasiva forza vitale inumana.

Annunci

Qualcosa per esistere


Dovresti muoverti a tempo di inesistenti mosse esterne per dolerti oltre le tue aspettative vitali, lasciarti andare e ricordarti delle idee che ti hanno generato per cui vivi ancora.

Media-Trek » Blog Archive » Nuovo prog, vecchio prog, sempre prog


Sul blog di Ernesto Assante, su Repubblica, prende la penna Mario “Black M” Gazzola, e traccia una delle sue sublimi cavalcate nel panorama musicale internazionale del Rock; argomento? Il Progressive e i suoi infiniti interpreti. Qui la lettura completa:

Poco tempo fa avevamo scritto un articolo in cui riunivamo diversi gruppi italiani e stranieri che, ognuno a modo suo, si ispirano alle sonorità del progressive. Quando si parla di quell’ambiziosa stagione del rock, si pensa subito a King Crimson, Genesis, Pink Floyd, Van Der Graaf Generator, Jethro Tull, come da noi a PFM, Banco, Le Orme, Osanna e così via. Tuttavia, ascoltando alcuni dischi italiani, come ad esempio i romani Bridgend (Rebis, Orange Park Recordso) o meglio ancora i valdostani Movin’ K (Waitin’ 4 The Dawn, TdE Music Productionz), incappiamo in sonorità che sanno più marcatamente di anni ’80: di Marillion, di Toto, per esempio, con quei sintetizzatori d’epoca che ribattevano pesantemente i riff delle chitarre. Quando ne parliamo con il leader dei Movin’ K, il cantante/tastierista Francesco K Epiro, lui risponde che in realtà “rispettabilissimi gusti personali, comunque diciamo che quando parli di ‘scivoloni verso un power pop melodico dalle parti dei Toto di Hold The Line‘ per noi è un complimento pazzesco”.
Rispettabilissimi gusti personali, per citare il valdostano tastierista, ma la cosa ci dà da pensare: avendo vissuto gli anni ’80, ricordiamo bene che all’epoca la musica “in” erano i Police e i Talking Heads, Devo e Depeche Mode nell’electro, i Cure e la falange dark in ambito wave, Iron Maiden e Motörhead in campo metal, gli U2 in marcia verso le arene oceaniche… ma i Toto, i Foreigner, i superstiti della Jefferson Starship che un tempo aveva volato alto, anche i Marillion no, puzzavano già di muffa.
Sembravano gruppi, anche quando recenti come appunto Marillion o Asia, coll’orologio sincronizzato su un’epoca ormai chiusa, di cui stavano ormai raccogliendo gli avanzi di stagione nomi che ne avevano maggior diritto (i Genesis di Follow You Follow Me, gli Yes di Owner Of A Lonely Heart, Alan Parsons col suo Eye In The Sky, su tutti i Pink Floyd di The Wall), ma che comunque avevano già superato da mo’ la loro golden age. E allora che senso ha ispirarcisi ora, a 35 anni e più di distanza? Invece il leader dei Movin’ K ci spiega che “da musicista, riconosce una certa attitudine comune, non tanto nel genere, ma nell’approccio alla composizione e alla creazione degli arrangiamenti, fra Police e Toto”. Il che giustifica l’elezione da parte del tastierista valdostano a sacra trimurti di riferimento dell’eterogeneo trio formato appunto da “Pink Floyd, Police e Toto”.
La questione filosofica ci pungola finché non scopriamo – raccogliendo materiale per un saggio sulle intersezioni fra rock e immaginario di fantascienza – gli svedesi The Night Flight Orchestra, i quali pubblicano il 19 maggio prossimo sull’etichetta metal Nuclear Blast/Warner i loro terzo album Amber Galactic. Ci aspettiamo di essere trasportati in un trip spaziale oscuro alla Hawkwind o alla Blue Öyster Cult, oppure di finire schiacciati da una spietata macchina da guerra metallica (i componenti del supergruppo provengono da due band death metal come Soilwork e Arch Enemy o dal prog scifi metal dei Jupiter Society), invece i nordici sono assai più tranquilli e orecchiabili. Anzi… ebbene, sì, anche qui notiamo quegli arrangiamenti da primi anni ’80 coi riff di synt alla Europe o, che so, Scorpions melodici e il tarlo mentale riprende a rodere: cos’è, la nuova moda? Chiediamo d’intervistare il cantante Björn Strid sulle letture fantascientiche del gruppo per il libro e intanto gli accenno le mie impressioni sul sound del gruppo, timoroso di prendermi una “lavata di capo” per non aver capito nulla, mentre invece quello mi spiazza confermando “certo! Nell’album abbiamo riversato la nostra passione per gruppi come quelli che hai citato ma anche Foreigner, Journey, Boston… ci sono un sacco d’influenze, anche il pop metal dei Kiss e il pop puro degli Abba, degli Steely Dan e dell’Alan Parsons Project”.

Diario di un editore: torniamo a guardare al futuro… | PEJA


Alcune note dal diario personale di Emmanuele “Peja” Pilia, riguardo le nuove uscite della sua casa editrice D-Editore. Copio e incollo:

Buttare giù due righe su questo mio diario virtuale ha sempre del catartico, e questo soprattutto se il motivo è l’uscita di un nuovo libro: La società degli automi, di Riccardo Campa, con una prefazione di Claudio Cominardi. Ora, ogni libro che noi pubblichiamo lo attendo con una certa enfasi: a volte perché è frutto di lavoro di molti mesi (come ad esempio Topie Impitoyable o L’Architettura del Continuo), tanti da farmi immergere fisicamente nei contenuti che il testo propone. A volte, perché quei contenuti sono per me talmente forti da diventare lentamente un credo (come La fine dell’invecchiamento o il libro in uscita Panarchia). Ecco, questo libro rappresenta un po’ entrambi le cose.

Non ho mai fatto mistero della mia fede transumanista: io sono un transumanista, credo in un futuro dove la tecnologia migliori drasticamente la vita di ogni individuo, credo in un futuro dove la scienza avrà messo fine ai peggiori mali del nostro tempo, credo in un futuro di abbondanza e privo di restrizioni economiche. Forse può apparire eccessivamente ingenuo, ma in cuor mio trovo questa mia personale e pragmatica fede particolarmente pragmatica: ogni giorno mi informo su cosa sta accadendo nei laboratori di tutto il mondo, di quali tecnologie sono sviluppate e distribuite in forma gratuita, di quali farmaci attualmente in uso potranno essere usati per rallentare altre malattie e via dicendo. Sì, sono ottimista, e lo sono nonostante tutto il resto del mondo sta crollando. Prendiamo ad esempio la crisi economica e la contingente crisi del lavoro: di fatto sembrerebbe preannunciare una dittatura tecnofascista in cui solo un’élite potrà godere dei frutti del lavoro dell’intera umanità, e questa è una preoccupazione che effettivamente vivo anche io. Ma se riuscissimo a diffondere il seme di queste idee, se riuscissimo a parlarne, a divulgare, a far entrare questi temi nelle istituzioni, forse potremmo cambiare il futuro.

Sono felice di aver pubblicato questo libro proprio perché in questo modo penso di aver contribuito, almeno un poco, a divulgare questi temi. Il libro parla del tema della fine del lavoro, argomentando la tesi secondo la quale probabilmente la disoccupazione tecnologica avanzerà con sempre più forza, e di come sarà possibile scongiurare la minaccia di conflitti sociali sempre più duri, tra chi verrà tagliato fuori e chi riuscirà a trovare una sua collocazione nel mondo del lavoro.

Adoro il lavoro di Emmanuele, è una di quelle persone con cui puoi anche non essere in accordo su tutto, eppure continuerai a seguirlo perché ha testa, perché sai che ti ci puoi scontrare, ragionare, riderne subito dopo, perché sai che con lui puoi fare squadra. Ecco perché amo le sue pubblicazioni e i colpi di piccone che continuamente dà a questo decrepito e insensato mondo, usando ragione e passione: cos’altro desiderare da un essere umano?

La svastica sul video – Carmilla on line


Su CarmillaOnLine una bella e lunga disuisizione su P.K. Dick, sul suo romanzo La svastica sul sole e sull’adattamento TV che ne è stato fatto, The Man in the High Castle. Un estratto:

La prima stagione della serie, nel 2015, era stata quasi ecumenicamente ben accolta non solo dal pubblico ma anche dalla critica: era rimasto parzialmente deluso solo chi si illudeva si sarebbe trattato di una trasposizione fedele del romanzo di Dick, fatto la cui impossibilità era facilmente prevedibile considerando anche l’origine e le caratteristiche peculiari in cui l’opera, premio Hugo 1963, era stata concepita e realizzata. Dick, deluso dai continui rifiuti dei suoi romanzi mainstream da parte di tutti gli editori cui li aveva sottoposti, e stanco della fantascienza ormai da lui considerata come la gabbia inespugnabile in cui lo rinchiudeva il mercato letterario, aveva tentato un nuovo esperimento: travestire da fantascienza un romanzo che avesse ritmo e prospettive mainstream; eludere gli schematismi preconcetti del lettore racchiudendo in un contesto ucronico fantastico un certo numero di personaggi indagati realisticamente nella loro quotidianità ordinaria (ma deviante per noi) e nelle loro relazioni assolutamente banali (se non per le conseguenze derivate dalla premessa deviante). All’interno di questo contesto alterato, il testo avrebbe dovuto restare del tutto mimetico: i rapporti psicologici avrebbero prevalso sulle dinamiche avventurose, la fenomenologia dell’usuale sull’evento sensazionalistico, la riflessione sull’azione. Più che l’aspetto strettamente politico dello scenario inoltre – che pure offriva interessanti presupposti per altro già sufficientemente sviluppati all’interno della dialettica vinto/vincitore e totalitarismo/democrazia – a Dick interessava soprattutto  la configurazione esistenziale, il rapporto fra realtà alternative, e il tema ossessivamente centrale di tutta la sua opera narrativa: la prospettiva dilemmatica reale/irreale, vero/falso, umano/inumano.

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

✨ Artistic spirit ✨ 👩‍🎨 26🌙 🇮🇹 🔮

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

sabbiature

Culture seriali

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, esoterismo. A cura di Marco Maculotti.

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Questo blog è il mio taccuino personale, lo uso infatti per appuntare poesie che poi modificherò immancabilmente. Quindi siete avvertiti: quel che leggete oggi domani potrebbe essere diverso, o non esserci affatto.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

Maelstrom

Un moto ondulatorio nel fluido e lineare scorrere dei miei pensieri

poesiaspontanea

improvvisazioni di poesia

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

La Biblionauta

Chiacchiere sui libri e altre amenità

Archeocake

Torte del passato riviste in chiave moderna

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

ArcheoTime

il tempo dell'archeologia. il tempo di guardare, vedere, scoprire, conoscere, viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso il tempo dell'archeologia

Laboratorio di poesia povera

Versi essenziali per cuori semplici

Somnium Hannibalis

L'ultimo dei Barca, la cenere e il sangue

Michele Valente |Blog

Blogger e studente di Comunicazione e ricerca sociale. Scrivo di geopolitica, diritto e tematiche ambientali, attraverso un'ottica globale sulla società europea ed internazionale.

Sonia Cenceschi

La musica è una pratica occulta dell'aritmetica, dove l'anima non sa di calcolare - Leibniz

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: