HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per novembre 28, 2017

Il razzo a orologeria | Recensione su BibliotecaGalattica


Cosa contiene un romanzo di Greg Egan? Su BibliotecaGalattica la risposta, con una recensione all’ultimo suo romanzo edito in Italia, su Urania: Il razzo a orologeria.

Il romanzo è ambientato in un universo dalla leggi fisiche profondamente diverse dal nostro. La velocità della luce non è costante ma proporzionale alla sua frequenza: la luce rossa è sempre “in ritardo” rispetto ai rami blu-violetti dello spettro. La protagonista principale, Yalda, è l’equivalente alieno di Einstein: è lei a scoprire il parallelo alieno di quella che conosciamo come relatività ristretta, denominata qui fisica rotazionale, scoprendo ed esplorando il concetto di spazio-tempo; uno spazio-tempo dalle proprietà completamente differenti da quello che Einstein ha illustrato sulla Terra…
Il mondo in cui il romanzo è ambientato ha un livello tecnologico pari all’incirca a quello dell’Occidente a cavallo tra XIX e XX secolo. La specie intelligente che domina il pianeta, cui Yalda appartiene, è radicalmente diversa dall’uomo, a partire dall’anatomia e dalla fisiologia: gli alieni hanno due paia di occhi, sono in grado di modificare quasi a piacimento il proprio corpo mutando forma o estroflettendo nuovi arti per esempio. Ma una radicale differenza, con profonde ripercussioni sulla società aliena, è dovuta alla differente modalità di riproduzione: ogni femmina della specie muore, infatti, dando vita, nella norma, a due coppie di individui maschio-femmina, tradizionalmente destinati a diventare futuri partners. La filiazione è associata alla morte della partner femmina, sono i padri ad allevare in forma esclusiva la prole.
Una minaccia incombe sul mondo di Yalda, rappresentata dalle “stelle ortogonali”; quelle che sembrano all’apparenza semplici meteore, possono in realtà rappresentare un pericolo molto più serio, mortale per la sopravvivenza stessa del pianeta e della civiltà, per motivi che Yalda inizia a comprendere svelando le basi fisiche del suo universo.
La trama del romanzo è basata sulle battaglie di Yalda su due fronti, che si intrecciano tra loro nella vita della scienziata. Il primo è quello scientifico-accademico, nel quale il lettore ripercorre le geniali intuizioni, l’affermazione della nuova fisica rotazionale fino all’epopea del primo viaggio nello spazio alla ricerca della salvezza per il proprio pianeta. Il secondo è invece una sorta di scenario femminista alieno, basato sulla lotta affinchè ogni donna possa decidere autonomamente quando terminare la propria vita, in un mondo dove invece è incessante la spinta alla riproduzione nei tempi più rapidi possibili.

Annunci

Antologia del Fake | L’Indiscreto


Un bel trattato sul mondo del Fake, su L’Indiscreto. Cos’è fake? Quali sono i limiti del falso? Autentico è diverso da vero? Un estratto:

Sebbene la critica dei documenti al fine di stabilirne l’autenticità abbia quindi una storia piuttosto lunga (e si potrebbero citare esempi anche anteriori a quello di Lorenzo Valla) per avere una vera e propria disciplina settoriale occorre attendere il 1681 quando il benedettino Jean Mabillon pubblica il primo volume della sua opera De re diplomatica libri sex. In essa Mabillon rispondeva polemicamente al gesuita Daniel Papebroch il quale – in un eccesso di furore iconoclasta – aveva precedentemente denunciato come falsi gran parte dei documenti sui quali si fondavano i diritti dell’abbazia di Saint Denis. Ma così facendo Mabillon arrivava a formulare le basi per una nuova scienza, basata su una ricognizione rigorosa delle caratteristiche formali, intrinseche (cioè riguardanti il contenuto) ed estrinseche (supporto della scrittura, presenza di sigilli, eccetera), del documento.

Questa scienza, che si occupa di discernere il vero e il falso, ha il nome di “diplomatica”, laddove i diplomi sono appunto documenti che certificano o dispongono l’esistenza di un fatto giuridico (la concessione di un privilegio da parte di un sovrano, la vendita di una terra, la risoluzione di una lite). Documenti talvolta emanati da un’autorità, talvolta redatti con l’aiuto di una figura di garante come il notaio, talvolta semplicemente autocertificati, ma che presentano sempre determinate forme di validazione (firme, timbri, sigilli, ecc.). Ma cosa significano le parole per “vero” e per “falso” in questo contesto?

Al termine “vero”, in realtà, viene preferito in diplomatica il termine “autentico” proprio per evitare confusioni, mentre non si sono fatti grandi sforzi per evitare gli usi ambigui del termine opposto – “falso” – che qui significherà allora “inautentico”, “contraffatto”.

Philippe Lauzier – A Pond In My Living Room | Neural


[Letto su Neural]

Alla Sofa Music di Ingar Zach e Ivar Grydeland – label sperimentale norvegese attiva dagli albori degli anni duemila – in tutte queste stagioni passate non si sono certo fatti mancare ardite collaborazioni con artisti dai più disparati orientamenti musicali. Ricordiamo le uscite free form dei Mural e le contaminazioni in bilico fra elettronica, field recording e percussioni acustiche, dello stesso head honcho – il primo citato – e di Miguel Angel Tolosa, per non parlare poi dei collage folk-digitali di Kim Myhr o della ricerca meta-strumentistica di Jim Denley, spesso orientata anche a progetti site-specific. A Pond In My Living Room di Philippe Lauzier evoca di primo impatto la suggestione – e con un titolo del genere non potrebbe essere altrimenti – sia di quello che è un classico science-fiction (una finestra spazio-temporale che si apre nella nostra quotidianità) sia della impropria chimera di qualsivoglia produttore e sound-maverick da home-studio (ovvero la fantasia di poter attingere da un pozzo incantato direttamente negli spazi che gli sono propri). Philippe Lauzier, che è d’origine canadese, esattamente di Montreal, nel Québec, ha iniziato le sue ricerche come sassofonista e clarinettista, poi è passato allo studio della composizione e ha partecipato fra il 2005 e il 2010 a ben sei uscite collettive – con differenti ensemble – realizzando poi, nel 2013, un album solista, Transparence. Adesso il suo percorso stilistico sembra aver acquisito la giusta maturità, grazie a mescole molto lavorate e rarefatte, dal respiro solenne e ingegnoso, ricche di stratificazioni e momenti improvvisativi poi ricondotti a una sapiente partitura delle trame. Con un simile background non mancano naturalmente gli echi modern classical e perfino certe contaminazioni di matrice jazzistica, seppure a prevalere sono le atmosfere assai dilatate, la polifonia astratta e i droni ipnotici, che tengono la scena grazie ad un flusso immaginifico e continuo, che cattura inesorabilmente all’ascolto. Sono quattro le suite presentate, in un ipotetico passaggio dalla penombra all’insistente sinuosità dell’acqua, da una finestra incantata a un caleidoscopico giardino, denso di vita autonoma e sospesi incantamenti. Insomma, una prova che definire solo convicente sarebbe poco, perché quando la grazia vibra come in questo caso fra i solchi si superano tutti gli steccati stilistici moltiplicando le potenzialità e fornendo il pretesto per un coinvolgimento auditivo davvero a 360°.

Iperdettaglio


Nel suo iperdettaglio iperreale, mostrando quella che può essere la realtà.

Dita solstiziali


Verso il solstizio, a raccogliere le empatie oscure.

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

There was a vision…

… of an outstanding and individual concept, which would last for many years hence.

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

multa paucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

Il Caos dentro

...che genera una stella danzante

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

PERDERSI TRA LE EMOZIONI DEI BORGHI ITALIANI

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Storie della trazione popolare italiana

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn 🇮🇹 27 y/o ♍

✏ Drawings are the window to the soul 📚 Book cover artist ♠ Edizioni Underground? ♠ Edizioni Open ♠ Panesi edizioni 👩🎨 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Sabbiature Magazine

Società, costume, cultura

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: