HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per dicembre 7, 2017

Con Inverso William Gibson torna alla fantascienza | Fantascienza.com


Su Fantascienza.com la segnalazione del nuovo romanzo di William Gibson; il ritorno del cyberpunker…

America, futuro prossimo. Flynne Fisher vive in una zona rurale dove il lavoro è scarso per chi sceglie di non dedicarsi alla produzione di droghe sintetiche, l’unica attività remunerativa. Dopo un periodo in cui è stata ingaggiata per combattere in un gioco online, Flynne ora cerca di mantenersi facendo l’assemblatrice in un negozio locale di stampa 3D. Ma arrivare a fine mese è difficile. Suo fratello Burton, ex Marine, non è in una condizione migliore, e come unica forma di sostentamento ha il denaro che gli viene passato dall’esercito in quanto veterano di guerra con gravi lesioni neurologiche riportate sul campo. Inghilterra, settant’anni dopo. Wilf Netherton vive a Londra. È un professionista affermato e un uomo potente all’interno di una società in cui i ricchi sono la maggior parte e i poveri sono stati eliminati quasi interamente. Una realtà in cui tornare indietro nel tempo è solo un hobby come tanti. America, futuro prossimo. Flynne e Burton accettano un lavoro come parte della sicurezza occulta nel prototipo di un nuovo gioco online ambientato in una Londra simile a quella che conoscono, ma con alcune distorsioni. In questa piattaforma non si spara, ma i crimini a cui Flynne assiste sono molto peggiori. Flynne e Wilf sono destinati a conoscersi in una terra di mezzo. Un incontro che cambierà per sempre il modo di vedere il presente e il futuro di ciascuno di loro.

Imperdibile, per tanti motivi.

Arriva L’ora degli spettri, antologia da brivido di Edizioni Hypnos | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione di una nuova uscita per Edizioni Hypnos:  L’ora degli spettri, 29 storie di fantasmi di autori dell’Ottocento e Novecento.

Può un vecchio monastero adibito a locanda dalle dubbie frequentazioni essere la dimora del diavolo? Quale sinfonia possono ordire i fantasmi per l’ignaro ospite di un attico? Che cosa succede quando le fantasie dell’ombra sembrano materializzarsi? Quale oggetto può destare i fantasmi più di un libro? E se per una volta fosse un vivente a fare la sua apparizione nel mondo degli spiriti? E chi ci dice che noi, per qualcun altro, non siamo i fantasmi?

Un antico detto recita che i trapassati devono restarsene in pace nelle loro tombe. E guai incolgano gli incauti che osino disturbare il sonno dei morti…

Doppelgänger, case infestate e infestanti, incarnazioni della paura, spiriti allegorici, fantasmi assenti, invadenti, innamorati, vendicativi, mistificazioni, false mistificazioni, istanti cristallizzati nel tempo infinito…

Le storie qui proposte percorrono un secolo di narrativa spettrale, che va dalla metà dell’Ottocento alla metà del Novecento e presentano una carrellata di quei fantasmi che popolarono le pagine delle riviste e dei libri dell’epoca d’oro della ghost story.

Tra i tanti autori selezionati, c’è anche Algernon Blackwood, mio personale idolo.

Intervista: Giuseppe Lippi – Atlantide e i Mondi Perduti, la nuova edizione Mondadori di Clark Ashton Smith | Heroic Fantasy Italia


Bella intervista a Giuseppe Lippi su HeroicFantasyItalia, sul tema della recente traduzione alle opere di Clark Ashton Smith. Un estratto tra tanti, tutto molto interessante:

Oltre che poeta e narratore, Smith è stato anche pittore e scultore. Quali autori e correnti culturali hanno ispirato la sua visione dell’arte?

Ha tradotto Baudelaire e ha ereditato la sua volontà di non rappresentare fedelmente il mondo esteriore, ma di crearne uno a immagine del sogno. La differenza principale è che in Clark Ashton Smith si tratta quasi sempre di incubi, e che nei suoi racconti in prosa il processo prevede una messinscena plastica, turgida come nel miglior manierismo: voglio dire che all’allusione antepone spesso una rappresentazione esplicita. A differenza del suo corrispondente Lovecraft, Smith non ama la lingua aulica ma razionale del XVIII secolo, bensì quella barocca ed esclusiva dei decadenti. È un tardoromantico che ha letto i simbolisti come Baudelaire, ma nella narrativa ha preferito usare una tavolozza a colori forti che vanno dal viola al porpora, dall’oro al nero. (Per non parlare di una buona dose di necrofilia e di una certa crudeltà, che ne fanno un visionario degno delle riviste americane del Novecento e non solo un abusivo dell’altro secolo.) Per fortuna il suo genio possiede il ritmo giusto per suggestionarci anche con i termini più desueti, scelti sempre in funzione della loro risonanza e maestà. Non a caso, Smith accenna ripetutamente a realtà ulteriori: in un passaggio contenuto alla fine del nostro volume, «Atlantide», suggerisce che ogni autentica visione appartiene “all’eternità”, non al tempo, in cui non ha ancora potuto manifestarsi. È l’immagine di quello che verrà, o che ritornerà.

Il lavoro che hai compiuto è stato lungo e impegnativo. Quali sono state le principali difficoltà nel tradurre la prosa smithiana?

In ordine di difficoltà decrescente: 1) trovare l’energia per affrontare, la scorsa estate, seicento pagine di lavoro, compito che mi ero prefisso da molti anni ma che avevo finora rinviato. 2) Mantenere il ritmo per cinque mesi (all’inizio avrebbero dovuto essere tre) e anzi, acquistare velocità. 3) Cercare di rendere in un italiano leggibile, ma rispettoso e coinvolgente, il vasto accumulo di immagini e formule del nostro, risonanti come una lunga litania. 4) Da ultimo, finire: non lasciare nessuno strascico, nessun tentativo incompiuto per consegnare un lavoro che, in quel momento, rappresentasse il meglio delle mie possibilità.

La Città del Cratere, di Alastair Reynolds – Cronache di un sole lontano


Su CronacheDiUnSoleLontano la recensione a La città del cratere, Urania Jumbo di Alastair Reynolds. Capolavoro…

Secondo libro scritto dall’autore gallese a svolgersi nell’universo futuro presentato in Revelation Space (2000), il romanzo ha il pregio, non indifferente di questi tempi, di una storia autoconclusiva che, con uno stile semplice e scorrevole, cala il lettore in una realtà capace di suscitare il sense of wonder della grande letteratura fantascientifica.

Mondi ed ecologie aliene, habitat artificiali, astronavi generazionali, una misteriosa “peste destrutturante” capace di far impazzire le nanotecnologie che l’umanità ha sviluppato nel corso di secoli, architetture imponenti e bizzarre, esseri umani che hanno incluso nelle proprie anatomie parti cibernetiche: questi sono solo alcuni degli elementi, già visti altrove ma che Reynolds ha inserito in una trama articolata, con interessanti richiami al genere noir. Si è di fronte quindi a uno scenario affascinante, simile a quello conosciuto in The Prefect (2007, pubblicato in Italia dalla Fanucci nel 2013) e di cui La Città del Cratere costituisce una specie di seguito (sebbene sia stato scritto prima e le trame siano indipendenti). Ma Reynolds, fedele al proprio stile, pone i concetti scientifici al servizio della trama, e non viceversa, a differenza di tanta hard science fiction contemporanea. Al limite, se un difetto si vuole trovare, dispiace che alcuni elementi siano stati poco sviluppati, nonostante il volume sfiori le 700 pagine, come quello del primo contatto con una civiltà aliena.

La forza de La Città del Cratere, che non ha la pretesa di essere un capolavoro né una pietra miliare del genere, sta proprio nella storia, nell’intreccio di trame apparentemente autonome ma che finiscono per confluire, nell’assemblaggio magistrale di vari topoi della fantascienza contemporanea (e chi scrive ha sentito forte l’influenza del compianto Iain Banks): il risultato finale garantisce il divertimento, soprattutto agli appassionati di Space Opera e della fantascienza avventurosa ma non banale. I ripetuti colpi di scena, che scandiscono soprattutto la parte finale del romanzo, spiazzano il lettore e testimoniano le grandi qualità di questo autore classe 1966, tra gli esponenti di spicco del movimento fantascientifico britannico.

La vendetta di Ötzi, al cinema un film racconta l’uomo del Similaun – Repubblica.it


Su Repubblica la segnalazione del film Iceman, che narra le vicende romanzate di Ötzi, l’uomo del Paleolitico ritrovato mummificato sui ghiacci alpini circa venticinque anni fa, sciamano, e che tra l’altro ha dato il la al mio ultimo romanzo Lisergico, nel limbo creativo da almeno venticinque anni.

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

http://waitforthericochet.blogspot.com/

Buxus

(Bretella Seduta)

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

J. Iobiz

Scrittore. In realtà, sono solo un personaggio di fantasia, ma di quale fantasia non ricordo più

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

Mágica Mistura✨

Uma mistura mágica de poesia, imagens, música, citações, atualidades e velharias do Brasil e do mundo,sempre com um toque de inconformismo ...

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Alessandro Giunchi

osirisicaosirosica e colori

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La community italiana sul cinema

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: