HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per gennaio 16, 2018

Quantum Lattice, perception and observation | Neural


[Letto su Neural]

Entrare in contatto con il lavoro degli artisti Evelina Domnitch e Dmitry Gelfand, richiede un punto di vista aperto e multidisciplinare, un approccio che vada ben oltre il semplice osservare. L’osservazione è infatti il solo trampolino di partenza che essi stessi descrivono come l’azione fenomenologica del percepire; la consapevolezza dell’atto stesso della percezione che diventa in realtà un atto di ricerca e di coscienza. Attraverso un percorso profondamente elaborato tra fisica, chimica e filosofia, le opere di Evelina e Dmitrij portano lo spettatore in un mondo dove lo spazio e il tempo vengono addomesticati e ricreati, generando una successione di scoperte scientifiche e di amplificazioni percettive. In “Quantum Lattice”, un ambizioso progetto work in progress commissionato da FEAT e supportato da FACT, gli artisti rispolverano quanto da loro già messo in pratica negli anni scorsi riguardo alla levitazione, introducendo l’uso delle trappole ioniche, ad oggi uno degli strumenti più importanti per lo studio del calcolo quantico, dell’aerobiologia e della fisica fondamentale. Delle microsfere di vetro cavo (ovvero del vetro sottoposto ad un processo di riscaldamento che permette alla massa in lavorazione una deformazione spontanea) vengono fatte levitare e ingrandite in una proiezione per consentire l’osservazione a occhio nudo della dinamica delle particelle bloccate nella trappola ionica quadrupolare. Le microsfere si vanno a disporre in reticoli multipli caratterizzati da due regimi cinetici simultanei, delineando orbite simmetriche e asimmetriche di forma quadrata ed orbite secolari orientate verticalmente…una microscopica danza che si nasconde nel mistero della realtà che ci circonda. Una ricerca estetica di forte impatto che vede la stretta collaborazione tra scienza e fenomenologia e che punta a raggiungere livelli di riflessione in ogni angolo del mondo ancora non conosciuto.

It from bit, l’informazione come fondamento della fisica | L’indiscreto


Su L’indiscreto un articolo di Roberto Paura che indaga l’universo partecipativo, una speculazione cognitiva davvero intrigante. Un estratto:

John Archibald Wheeler è stato uno dei pionieri della gravità quantistica, il tentativo di trovare una teoria unitaria che tenga insieme i due grandi paradigmi della fisica teorica, la relatività generale (che descrive la gravità) e la meccanica quantistica (che descrive le altre tre forze fondamentali, agenti a livello microscopico). Coniò il celebre termine “buco nero” e la fortunata idea che l’universo, al livello più elementare, sia discreto e non continuo, costituito da una sorta di “schiuma spazio-temporale”. Pur essendo un fisico teorico rigoroso, fu tuttavia sempre interessato alle visioni più eterodosse e radicali, come l’ipotesi del multiverso o quella, da lui elaborata, dall’universo “partecipativo”, in cui il ruolo dell’osservatore previsto dall’interpretazione di Von NeumannWigner della meccanica quantistica (secondo cui il passaggio dell’indeterminismo quantistico al mondo deterministico che sperimentiamo dipende dall’interazione con un osservatore cosciente) viene enfatizzato fino al punto da immaginare che l’osservatore cosciente sia una conditio sine qua non per l’esistenza stessa dell’universo. Non a caso, Wheeler fu uno dei fisici più apprezzati e citati dal Fundamental Fysiks Group, con i cui membri aveva avuto numerosi scambi epistolari, pur prendendo le distanze dalle loro visioni New Age.

Nella fase più avanzata della sua brillantissima carriera, Wheeler si convertì alla teoria dell’informazione, convinto che l’applicazione di questo paradigma alla fisica teorica potesse rivoluzionare completamente questo settore. Per sintetizzare il suo programma di ricerca, Wheeler utilizzò un’espressione, o meglio una domanda, destinata a produrre una vasta e duratura eco nel mondo della fisica teorica: “It from Bit?”. Come spiegò nell’articolo del 1989 nel quale per la prima volta propose questa tesi programmatica: «It from bit simbolizza l’idea che ogni oggetto del mondo fisico possiede in fondo – molto in profondità, in molti casi – una sorgente e una causa immateriale; che ciò che chiamiamo realtà emerge in ultima analisi dal porre domande binarie sì/no e registrare le risposte sui nostri dispositivi; in breve, che tutte le cose fisiche sono in origine informazione teorica e che questo è un universo partecipativo».

edited by Rebekah Modrak and Marialaura Ghidini – #exstrange: A Curatorial Intervention on Ebay | Neural


[Letto su Neural]

Storicamente eBay è stato un territorio difficile per i net artisti, nonostante abbia rappresentato la prima vera piattaforma “e-commerce per tutti”. A parte alcune prime azioni concettuali, tipicamente troppo descrittive, o una manciata di opere per lo più estetiche, ci sono solo pochi artisti che hanno deciso di dedicarsi a questo. Il progetto #extrange ha in qualche modo compensato questa mancanza, creando un’azione unica, ampia e articolata, invitando undici curatori e un sacco di artisti a creare “opere d’arte come aste”, tra il 15 gennaio e il 15 aprile 2017. Curata da Rebekah Modrak e Marialaura Ghidini questa mostra estremamente dinamica è stata in grado di decostruire e ridefinire la relazione tra l’acquisto e la vendita online. Efficientemente organizzato, nonostante il numero di persone coinvolte, ha utilizzato un sistema di tag per la ricerca e la partecipazione ad ogni azione, o solo ad una in particolare con una costante comunicazione. Questo “catalogo” presenta i saggi dei curatori e documenta le opere, inclusi i dati, le strutture, la narrazione e, a volte, le altrettanto importanti circostanze dietro l’asta. Diventa sia un archivio stampato di documenti, sia una sorta di manuale per creare un’ asta contemporanea su eBay. Oltre ad alcuni noti artisti della rete, che abbracciano diverse generazioni, ci sono molti interventi che utilizzano strategie artistiche diverse, adattate all’intero meccanismo di offerta. #extrange rappresenta quindi una delle più significative iniziative di net art degli ultimi anni, sviluppando opere d’arte online critiche e creando un sistema simbolico completamente aggiornato.

Atrium Carceri, Cities Last Broadcast, God Body Disconnect – The Other Lobby


Il suono dimesso della luna si spande oltre le palpebre chiuse e pervase dal mondo.

Lankenauta | Il Mercato Divino


Su Lankenauta la recensione a Il Mercato Divino, di Harvey Cox, singolare saggio che unisce religione e Capitalismo. Non senza torto, secondo me; un estratto:

“Come l’economia di mercato è diventata una religione”, recita il sottotitolo di questo che più di un libro è la sintesi di un’opera più estesa sempre dello stesso autore e chiamata “The Market As God”. Questo riassunto si basa sul testo di una conferenza tenuta dall’autore a Trento presso la Fondazione Bruno Kessler ad ottobre 2016.

L’autore in questione è Harvey Cox, pastore battista divenuto uno dei maggiori teologi statunitensi e per anni professore presso l’Università di Harvard. Se si riesce ad andare oltre la prefazione di Paolo Costa, interessante ma non certo semplice, ci si troverà davanti ad un testo argomentativo che parte da una semplice riflessione: quali sono le analogie tra l’economia di mercato e la religione?

Cox ammette di aver a lungo pensato alla fattibilità di quest’opera e decide di adottare un linguaggio solo in parte accademico, preferendo il tono del grande divulgatore, evitando citazioni troppo colte, spiegando il significato di alcune parole non troppo comuni e usando aneddoti per chiarire le sue tesi. Sembra chiaro insomma che punta a raggiungere un pubblico più ampio dei soli “addetti ai lavori.”

Il linguaggio utilizzato vede molti termini propri della religione: culto, adepti, missionari, infallibilità e tramite alcuni brevi capitoli Cox analizza i differenti aspetti che dimostrano come il mercato stia diventando sempre più una vera e propria religione.

Il fatto che questo tipo di analisi venga proposta e condotta da un religioso la renda ancor più interessante, come lui stesso sembra pensare infatti, un economista non si sarebbe posto gli stessi dubbi e di certo non sarebbe arrivato alle stesse conclusioni.

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

Thinkingmart.com

- "a thought should never belong to one person alone, thoughts arise from the collective of life, like life itself" -St.Sc.

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, o...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

COINCIDENZE

Non siamo soli

Roccioletti

Arte altra e altrove.

La Nuova Verde

Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

L'occhio del cineasta

La porta su un'altra dimensione

La Sindrome del Colibrì

The more you know, the less you fear (Chris Hadfield)

Terracqueo

MultaPaucis

Il maestro dei sogni

"Tutti siamo fatti della stessa sostanza dei sogni"

Il Bistrot dei Libri

"Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso" Daniel Pennac

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e Dintorni

Storie, cultura e sport dal Medio Oriente e e Dintorni

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

Rosa Francesca Di Meo

Rosa Francesca Di Meo. Ua poetessa ,tra Spleen, Horror e Masochismo

BREAKFAST COMICS

Best Comics & Graphic Novels / I fumetti da leggere almeno una volta nella vita. Sponsored by CSBNO

La Via del Caos

Cambiare il modo di vedere il mondo per migliorare sé stessi

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: