HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per febbraio, 2018

Non più semplice


Il resoconto della mia essenza si rivela estemporanea, ed estende la consapevolezza perché divento evanescente non più incarnato, non più semplice.

Annunci

Creature fantastiche di Sicilia, in libreria | FantasyMagazine


Su FantasyMagazine la segnalazione della raccolta di racconti Creature fantastiche di Sicilia, curata da Rosario Battiato e Chiara Nott, in cui si fa un po’ una mappa delle leggende fantastiche della Trinacria. Proposta molto curiosa e intrigante.

Il libro contiene 30 storie illustrate e gli interventi di Nicola Lo Bianco e Daniele Barbieri. Creature fantastiche di Sicilia recupera dagli abissi della memoria popolare le creature, rigorosamente notturne, più strane e tipiche dell’Isola utilizzando spunti e citazioni di alcuni testi di autori siciliani scritti tra Otto e Novecento, da Giuseppe Pitrè a Gesualdo Bufalino, e le attualizza pescando nell’immaginario contemporaneo del fantastico americano e giapponese. Da qui si dipanano delle brevi storie illustrate, quasi delle schede di presentazione, che raccontano la vita delle creature alle quali sono accostate delle illustrazioni che ne interpretano l’essenza. Scopriremo così le vicende di anime condannate, impiccati, donne mostruose come la Bellina, folletti, diavoli di varia stirpe, fate e sirene, tutte tracciate dal tratto elegante, goticheggiante e timburtoniano di Chiara Nott. Il volume contiene in allegato la mappa della Sicilia disegnata da Chiara Nott con indicati gli avvistamenti delle creature fantastiche nell’isola.

Reso vivo


L’incarnazione degli abissi immateriali più oscuri, lovecrafitani. Come l’attuale culto del business, curato come se fosse un’entità viva resa fisica dai mantra finanziari: riti occulti, magia, negromanzia.

Pink Floyd – The WALL 1980 Video clips


Il delirio psichiatrico di Roger Waters lascia attoniti i suoi compagni. Ma, guardate di quale magnificenza erano però capaci i Floyd, all’apice del loro splendore cupissimo unitario. Ecco a voi un estratto da uno dei rari concerti di The Wall

Jim Haynes – Electrical Injuries | Neural


[Letto su Neural]

Fanno subito capolino frequenze sofferenti, volatili, eteree ma anche lancinanti, in questa uscita di Jim Haynes per la Aussenraum, Electrical Injuries, composizione divisa in sei distinte tracce e densa di texture intricate, atmosfere malsane e suoni corrotti. Queste concatenazioni auditive possono essere grezze oppure frutto di ben articolati interventi manipolativi: non fa molta differenza – ci sembra – in relazione a ciò a cui tiene l’autore. Quello che stavolta pare significativo per Haynes è esprimere l’intensità della corrosione del suono senza troppi filtri e abbellimenti formali, con cesure che rispetto al passato sembrano più decise, vibranti ed efferate. Haynes ha una maniera tutta sua di conquistare l’attenzione, senza eccedere, ma tenendo alto il climax della narrazione, dando vita a trasalimenti sempre ricomposti e quasi armoniche ripetizioni, che s’insinuano all’ascolto modulando onde vibrazionali ipnotiche e penetranti. L’ispirazione può contare su molti degli stilemi tipici delle culture industrial e noise, eppure l’impressione è che nulla sia “già sentito” e che le abrasive evoluzioni elettroniche, potenziali strumenti d’offesa, emanino un’accorata impellenza. Haynes – che è ancora attivo anche come multimedia installation artist e sta di base a San Francisco – tiene a ricordare che la sua passione nel manipolare le catture auditive lo porta spesso al punto di non ricordare i procedimenti di trasformazione di quegli stessi elementi. Naturalmente questo presuppone d’utilizzare un gran numero di tecniche ed artifici, che in Electrical Injuries hanno a che fare con l’elettricità e l’attrito, con la disintegrazione ed altre forme di consunzione, quali strappi, rotture, ossidazioni, raschi e decadimenti, parti ben organizzate che trovano una giusta e precisa collocazione nel continuum dell’album. Se nelle lesioni elettriche reali la persona diventa parte di un circuito e sono riconoscibili i punti di entrata e di uscita della corrente, qui la tensione è più modulata, sopportabile, continua e insistita, cela percorsi più subdoli nel colpire la sensibilità dell’ascoltatore, evocando infine un danno solo apparente, che rivela essere – invece – una nuova linfa per il nostro sistema percettivo, continuamente all’erta nella rimodulazione di nuovi dati e informazioni.

Poême Électronique Vol. 3 (a Roma) – Rassegna di poesia e musica


Il secondo appuntamento con la terza edizione di Poême électronique – Rassegna di poesia e musica elettronica curata da Ksenja Laginja si svolgerà venerdì 2 marzo alle ore 19.00, presso l’HulaHoop Club di Roma, Via L.F. De Magistris 91/93. Reading di Lucianna Argentino, Stefania Di Lino, e uno speciale momento con Bibbia d’asfalto – Poesia Urbana e Autostradale insieme ad Annamaria Giannini e Redent Enzo Lomanno. A unire queste voci ci sarà Stefano Bertoli con le sue sperimentazioni elettromusicali. Emanuela Risso sarà la testimone del bellissimo spazio genovese Kowalski, dove tre anni fa iniziò questa avventura di Poême électronique. Ci vediamo lì?

WiFi Tapestry, waves affecting objects’ nature | Neural


[Letto su Neural]

La visualizzazione di reti wi-fi è diventata un tema molto popolare per gli artisti di media art. Dalle ferite indotte di “Constraint City” di Gordan Savicic, alla luce generata in “Immaterials” di Timo Arnall, l’obiettivo è quello di rendere visibile qualcosa che come ogni altra onda elettromagnetica è invisibile. In particolare, l’onnipresenza di queste reti incoraggia la loro visibilità visto che i nostri corpi vengono attraversati da tali onde, che noi consideriamo essenziali per restare connessi. “WiFi Tapestry” di Richard Vijgen crea una visualizzazione diretta, attraverso sofisticati mezzi analogici. Utilizza un arazzo fatto di filati termocromici. I tredici canali dello spettro wifi vengono scansionati e quando viene rilevato un trasferimento, questo va ad influenzare i fili, facendoli cambiare colore da blu scuro a blu e viceversa, con pattern che prendono forma e si dissolvono. Questa visualizzazione influisce su un oggetto fisico ben noto, cambiando la sua natura nella stessa innaturale maniera in cui le onde agiscono sulle nostre vite.

Fantasy al Kilo

L'osteria del Fantasy e Sci-Fi

Medio Oriente e dintorni

La vostra sala da thè digitale

Gli Archivi di Uruk

Database di genere in italiano

ˈGŌSTRAK

In Absentia Lucis Tenebrae Vincunt

PostScripts

Il Blog di Francesca Sabatini

BREAKFAST COMICS

Il fumetto quotidiano di Michele Nuzzi

Il Caos dentro

...che genera una stella danzante

Aquilone di pensieri

And into the fields I go to lose my mind and find my soul

3... 2... 1... Clic!

E’ un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa. (Henri Cartier-Bresson)

B-Movie Zone

recensioni di film horror, thriller, gialli, poliziotteschi, sci-fi, exploitation, erotika

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

VOCI DAI BORGHI

PERDERSI TRA LE EMOZIONI DEI BORGHI ITALIANI

Duplex Ride

electronic music & video

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Flavio Torba

Scrittore horror.

francesca del moro

La differenza tra prosa e poesia è che la prosa dice poco e ci mette molto tempo, la poesia dice molto in pochissimo tempo. C. Bukowski

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

Astro-Sirio

Astra inclinant non necessitant

The Twittering Machine

Racconti di fantascienza (e altro) di Piero Schiavo Campo

Quel cinema invisibile...

Cinema was made to reunite the Visible and the Invisible

Crudo e Cotto

Blog di cucina vegana

Il Calamaio Elettrico

Versi di Mauro De Candia e influenze varie

ON THE ROAD

Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti

Evelyn

👩‍🎨 Drawing artist 🇮🇹 27 y/o ♍️ 📨 evelynartworks@virgilio.it 🌛🌓🌜 Facebook / Twitter / Instagram: @EvelynArtworks

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

Espedienti Editoriali

parlo di editoria e creo eBook

A X I S m u n d i

Rivista di cultura, studi tradizionali, antropologia del sacro, storia delle religioni, folklore, esoterismo.

Chiara Prezzavento

editing, scrittura, lettura

patrizia arcari

LIFESTYLE BLOG - appunti e brevi considerazioni su economia circolare, slow life, trasporto sostenibile, cucina del riuso e ... quantistica

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Ottobre

Giornale dei lavoratori

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

bertolinometalartist

GIACOMO BERTOLINO

Diario Esoterico

Un diario non è altro che un registro di viaggio.

mayoor

Tanti capelli.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

eliomarpa

Scrittore fantasma

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: