HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Archivio per Maggio 29, 2018

Kremo vince il Premio Vegetti 2018


Sabato, nella cornice del teatro Titano di San Marino, sono stati decretati i vincitori delle tre categorie del Premio Vegetti. Per il miglior saggio ha vinto Da Frankenstein a Star Trek di Franco Piccinini; per l’antologia di fantascienza ha vinto L’enigma di Pitagora, di Filippo Radogna, mentre per il romanzo di fantascienza il Premio è andato a Lukha B. Kremo, col suo Pulphagus, già vincitore del Premio Urania.

È stata l’ennesima consacrazione dei connettivisti e della KippleOfficinaLibraria, Kremo è nel collettivo connettivo ed è l’editore stesso della Kipple, però tra i finalisti della sezione Antologia c’è anche Marco Moretti col suo Abissi d’inumane apocalissi, anche questa opera connettiva ed edita da Kipple.

Faccio i complimenti a Kremo, felice di vederlo lì in cima all’Olimpo fantascientifico italiano, e complimenti anche a Filippo e a Piccinini, sono premi davvero meritati.

Pietre taglienti


Poche immagini che percorrono il continuum e che infine si conficcano nell’humus dimensionale che vedi, estensioni di dolorose idee e incarnazioni divenute pietre taglienti.

I cinque fondamenti di Lilith – nella stregoneria contemporanea – La misura delle cose


Sul blog LaMisuraDelleCose un approfondimento su Lilith e il suo spirito indomito, che proviene da chissà quale iato quantico e ha attraversato ogni era dell’umanità. Un piccolo estratto:

Emblema della ribellione e della liberazione sessuale soprattutto a partire dalla “riscoperta” femminista, il potere di Lilith non si esaurisce in questa interpretazione e non ha mai smesso si suscitare l’interesse della neostregoneria proprio per il suo eclettismo; in particolare vengono messe oggi in discussione proprio quelle “certezze” attorno a cui si è costruito il modello romantico di eroina fatale e maledetta, a partire dalla stessa appartenenza al genere femminile.

Lilith e gender

L’identità di genere di Lilith non è determinata. All’immagine della sensuale ed elegante femme fatale, sostengono i wiccan di tradizione alessandriana del Circle of Cerridwen in Gender and Transgender in Modern Paganism, si affianca infatti quella proteiforme di un essere indefinito e ombroso, scomposto e disordinato – come talvolta sono rappresentati ad esempio i suoi capelli. È per questo che, soprattutto negli ambienti della stregoneria dianica, da emblema della “sacralità” che risiede nel corpo femminile è andata a identificarsi anche come icona transgender, condividendo con questa “categoria” il principio della libertà senza compromessi, che preferisce l’esilio alla sottomissione.

Un fermento crescente, quello promosso dalle devote transgender, che vuole indagare le radici “ermafroditiche” della dea semitica e ne predilige una rappresentazione androgina (così vengono letti i simboli che reca tra le mani la Regina della Notte nella sua più nota raffigurazione mesopotamica, un cerchio e una verga), quasi un mutaforma che rompe la “circolarità” femminile del ciclo mestruale e della gravidanza e concede “il dono” della sterilità. Lilith incarna insomma la paura che ciascuna cultura plasma attorno al tema della sessualità e delle sue molteplici espressioni e al tempo stesso il suo superamento, e sopravvive nella misura in cui vengono riconosciute tutte le sue facce.

L’inafferrabile essenza

Ecco perché, sostiene la sacerdotessa Anya Kless nel testo citato, «il primo pericolo nell’onorare Lilith consiste nel cadere in una mentalità dualistica che si basa su una scontata lista di antitesi: vergine/prostituta, bene/male, uomo/donna, reale/immaginario, vittima/carnefice», categorie rigide e semplicistiche; si ripercorre allora la sua storia nella mitologia ebraica e se ne scoprono quei lati che difficilmente sono riconducibili al genere femminile tout court: genera molti figli (lilim) ma non ha latte, può provocare sterilità e aborti spontanei, la morte delle vergini e dei bambini in culla, e a lei ci si rivolge al tempo stesso per allontanarla e invocarla.

Estetiche interattive | L’indiscreto


Su L’Indiscreto un estratto di Datacrazia, opera curata da Daniele Gambetta e uscita per D Editore; uno dei temi trattati all’interno di Datacrazia è su come la raccolta dei dati e l’interattività hanno influenzato l’arte contemporanea. Vi lascio a uno stralcio del piccolo saggio scritto da Tommaso Campagna.

In che modo possiamo relazionare l’analisi dati con il mondo estetico, affinché lunghe stringhe di numeri e lettere possano essere analizzate da un punto di vista artistico?
L’utilizzo delle piattaforme digitali e la conseguente creazione di identità virtuali hanno permesso di raccogliere e analizzare informazioni sempre più dettagliate sui singoli utenti.

L’utilizzo di questi dati è diventato fondamentale per qualsiasi previsione e analisi di stampo politico, economico e sociale. Poter osservare graficamente i flussi che i singoli utenti creano è molto utile per capirne i gusti, i comportamenti e ogni altro parametro legato alla personalità.

Informazioni fondamentali per creare un’offerta che non sia soltanto statisticamente più vantaggiosa, ma che possa provare a soddisfare ogni singolo utente, rendendolo parte attiva del processo. All’interno della rete, quindi, ogni componente del sistema ha un ruolo che è di importanza proporzionale alla quantità di informazioni cedute. Questo rapporto intimo tra offerta e utente permette, però, al singolo fruitore di avere un grado di intervento e di coscienza non sempre soddisfacente. Se tramite la rete, infatti, la consapevolezza di far parte attivamente di un processo collettivo aumenta, è al contrario sempre più difficile avere il controllo di come le nostre informazioni vengono utilizzate esternamente.

Le implicazioni di questo fenomeno, potenzialmente rivoluzionario ma con un alto grado di pericolosità, sono diventate un importante campo di indagine teorica e tecnica. Nel mondo dell’arte questo fenomeno si va ad inserire in un processo che però ha basi molto più lontane.

La volontà di assegnare un ruolo, non soltanto al mittente di un determinato messaggio ma anche al suo ricevente, è un tema che nella storia dei media è spesso ripreso e che basa la propria idea di creatività sulla messa in comune degli strumenti del comunicare.

“Un’opera interattiva è infatti, per definizione, un insieme di possibilità, un processo più che un’opera: l’opera viene creata volta in volta proprio dall’intervento finale del visitatore o dello spettatore/partecipante. Si potrebbe addirittura pensare che l’interattività possa essere uno strumento per ricomporre la frattura fra arte e società prodottasi nella fase matura della modernità […]. I lavori che rivelano un approccio più interessante al rapporto uomo-macchina però sono forse quelli che non basano la loro interattività esclusivamente sulle scelte consapevoli del visitatore, ma su una combinazione di scelte consapevoli e di segnali emessi inconsapevolmente, e a volte solo su questi ultimi, escludendo ogni forma di attività da parte del fruitore, e spesso con l’utilizzo di sensoristica biomedica”

Questo estratto proviene dal saggio L’inconscio della macchina di Antonio Caronia, filosofo, critico letterario e saggista. Con queste parole, scritte più di dieci anni fa, il critico genovese ci ha consegnato un’interessante definizione del concetto di arte interattiva. Caronia ha dedicato gran parte della sua attività di ricerca allo studio di quello che oggi potremmo definire il virtuale e più in particolare al ruolo che le soggettività hanno al suo interno, a partire dall’interazione tra il corpo e la macchina.

Il tradimento di Roma | ThrillerMagazine


Intrigante romanzo storico di Santiago Posteguillo, che ha scritto modellandosi sulla figura di Scipione l’Africano, Il tradimento di Roma. Vi lascio alle note dell’articolo, aggiungendo che quella in uscita è soltanto la prima di due parti del romanzo, la seconda la troverete sul mercato probabilmente in questo stesso anno con il titolo La fine di Scipione. Su ThrillerMagazine.

Il mio nome è Publio Cornelio Scipione. Sono stato due volte console, censore e princeps senatus di Roma. Ho servito la mia patria con orgoglio e lealtà. Devo ammettere che mai avrei pensato di scrivere le mie memorie. Nella mia vita ho ottenuto successi encomiabili, alcuni di essi celebrati da poeti, pensando che sarebbero rimasti senza dubbio nella storia, ma per via delle circostanze attuali mi vedo costretto a lasciare per iscritto i miei sentimenti riguardo a tutto ciò che è accaduto a Roma negli ultimi anni: un periodo in cui la nostra città, dall’importante centro in Italia che era, si è convertita nella capitale di un immenso impero, un impero del quale io ancora non intravedo i confini. Tutto questo non sarebbe stato possibile senza di me. Il mio lavoro è stato epico, il mio sforzo improbo, il prezzo che ho dovuto pagare desolante. Ho perduto mio padre e mio zio, le due persone che mi formarono, per colpa di una lunghissima guerra alla quale io posi fine. Ho conosciuto l’orrore della guerra attraverso la mia stessa famiglia. Dopo di che, ho finito col contrastare proprio coloro che mi amavano, e a tutti loro ho recato danno. È questo, inevitabilmente, ciò che più mi ferisce.

È l’anno 201 a.C. Nel lungo ritorno a Roma, Scipione è acclamato in ogni porto per le sue vittorie contro Annibale. Ma dietro tanta adulazione, si celano i sospetti e il tradimento. Roma non sembra volergli tributare tutti gli onori che merita, e il Senato si trincera dietro una freddezza che sa di congiura. In questo penultimo volume della saga di Scipione l’Africano, l’uomo che piegò Annibale e conquistò gli immensi territori africani, Santiago Posteguillo, come sempre, fa rivivere con straordinaria forza i giorni più epici della storia di Roma.

È in libreria La casa delle conchiglie, il nuovo romanzo di Ivo Torello | FantasyMagazine


FantasyMagazine segnala l’uscita, del nuovo romanzo di Ivo Torello, per Edizioni Hypnos, intitolato La casa delle conchiglie. Intrigante, come sempre, il contenuto:

Dopo il successo di Predatori dall’abisso, torna Ivo Torello con un romanzo ambientato nella Parigi di metà Ottocento, in cui alchimia, esoterismo, creature mostruose, libri magici, arte ed eros si incontrano nel luogo protagonista del romanzo, il bordello parigino condotto dalla maîtresse Madame Sabatière, la Maison des Coquillages. Saldamente ancorato alla realtà storica, La casa delle conchiglie è popolato di personaggi realmente esistiti (Courbet, Manet, Dumas, Nadar, Flammarion, Kardec, ecc.) e offre al lettore eventi celebri come quello del Salone dei Rifiutati nel quadro di una narrazione in cui l’arte, l’amore sensuale e la libertà di espressione si contrappongono in una vera e propria guerra contro censori e adoratori della morte.

Un romanzo per molti versi “acido” e torbido, genuinamente weird, che deve tanto ai classici del fantastico europeo come Maupassant ed Ewers quanto al weird d’oltreoceano di Lovecraft, e in cui il sense of wonder si manifesta nell’immagine di una vagina dischiusa e dove il pessimismo cosmico viene, spesso e volentieri, seppellito con una dissacrante risata. La prefazione è di uno dei guru dell’horror, Paolo Di Orazio, e il volume è impreziosito da una serie di tavole a colori fuori testo con alcune tra le più importanti opere d’arte erotica dell’epoca.

Strani giorni: Esercizi di ammirazione – Emil Cioran


Sul blog di Ettore Fobo la recensione a un’opera minore di Emil Cioran, Esercizi di ammirazione. Vi lascio ad lacune considerazioni di Ettore:

In Cioran la disillusione, il disincanto, la lucida chiaroveggenza assumono i tratti di una stregata fatalità e si fondono con un certo stralunato lirismo per produrre una delle prose più perfette, uno degli stili più riconoscibili del Novecento. Che da romeno si sia espresso in francese ci convince una volta di più che spesso l’esule, lo straniero, lo sradicato, posseggono le chiavi per accedere allo scrigno di qualche insolita saggezza.

E quella di Cioran è saggezza, nel momento stesso in cui l’autore riconosce e confessa i propri limiti, i propri vizi, in primis la scrittura stessa, che serve solo per svuotare l’animo da ciò che lo turba e che coincide con ciò che più profondamente lo anima, per arrivare proprio alla saggezza che è sterile, non produce nulla, è il vuoto.

Questo Esercizi di ammirazione, tradotto da Mario Andrea Rigoni e Luigia Zilli, vide la luce in Italia per Adelphi nel 1988, trent’anni fa dunque.

Sono ritratti, saggi, intorno a figure che Cioran ha conosciuto, ora come lettore, ora personalmente. Sono ritratti spesso in sospetto di essere anche autoritratti dell’autore, che tanto più racconta di De Maistre, Borges, Fitzgerald, Valéry, Zambrano e altri tanto più si racconta, indugia nelle proprie ferite, scava nella propria disillusione ma non proietta se stesso sullo schermo dell’altro, solo l’altro è colui in cui indovina segrete affinità.

Il saggio più bello è, forse, quello su Mircea Eliade, che è probabilmente agli antipodi della personalità di Cioran e che Cioran ebbe modo di conoscere personalmente. Entusiasta l’uno e amante del proprio surplus creativo, quanto disilluso l’altro e incline a rimuginare sull’inutilità della propria opera e di ogni opera in generale. Il saggio si chiude in maniera semplice e mirabile: “ Siamo tutti […]ex credenti, siamo tutti spiriti religiosi senza religione.” È una frase chiave per comprendere Cioran, più ancora che Eliade, o forse per comprendere tutti coloro, e sono legione, che sono attraversati nel profondo da una nostalgia verso la trascendenza, che l’epoca contemporanea ha definitivamente seppellito fra le superstizioni vacue del passato.

Magnetar | VERDE RIVISTA


Il ritorno di Domenico Mastrapasqua su VerdeRivista. Da leggere tutto d’un fiato, da solo giustifica la lettura della webzine verde…

Prima di tutti gli esseri ci fu l’Abisso Sbadigliante, poi la Realtà dal largo seno.
Gli abissi moderni, che si manifestano anche attraverso l’oscurità dei giramorte, sono causati dall’estrema sensibilità del nostro cosmo alle sue condizioni iniziali, cosicché una piccola variazione in tali condizioni può condurre a esiti imprevedibili.
Chăos in fabula.
GG me l’ha ricordato.

I miei occhi non vedono rovine, ma figure di rovine che significano altre rovine.
Ho bisogno di chiarezza, la predica di GG mi ha destabilizzato più del previsto.
Madama Iride, con la sua vista pandimensionale, è forse l’unica persona, nell’universo da me conosciuto, in grado di spezzare questo mio stallo psicosomatico.
La domanda che le farò dovrò formularla con estrema cura, non ne avrò a disposizione altre.
Ordino alla Voidorstest di portarmi subito da lei.

MADAMA IRIDE

Dicono di essere nati sul pianeta
La mia resistenza al loro attacco è un portento che non so spiegarmi.
Riflettendo, non sono neanche sicura che quella che io chiamo “resistenza” non sia, in realtà, qualcos’altro, magari una forma di autoinganno che mi protegge da una sconfitta che non vedo o che non voglio vedere – le mie iridi non sono più affidabili.
Mi manca già, la bellezza.
I canali di Marte, l’oceano nascosto di Europa, la geografia interiore di una civiltà estinta. Mi mancano tutti.
La mia risposta alla tua domanda, mio purtroppo deluso visitatore, non può quindi che essere un’altra domanda: di che colore è, il cuore del tuo nemico?

Iride è morta, si è suicidata. La sua tomba è la stella magnetica 4U 0142+61.
Di che colore è, il cuore di GG?
La risposta non può che essere successiva alla sconfitta del mio nemico, dunque inutile.
Speravo che Iride mi aiutasse per davvero, senza regalarmi domande impossibili. La pace sia comunque con lei.
Cancello dalle priorità le sue ultime parole, benché, conoscendone il mittente, probabilmente celano un aiuto concreto – i giramorte hanno un vantaggio troppo alto.
Frustrato, mi ubriaco di brutto con della vodka norvegese che pensavo di non avere e inizio a barcollare per i corridoi della Voidorstest come un metronomo impazzito.
Mi siedo sul pavimento, la testa mi gira troppo.
Bla bla. Sto ripetendo non so quali parole come un disco rotto.
Mentre vomito l’anima, la Voidorstest dice che la destinazione è stata raggiunta.
«Dove siamo?» biascico a bassa voce, lo stomaco di nuovo lindo.
«Come da te richiesto» dice la Voidorstest. «Sul pianeta Terra, nella città di Westlake, negli Stati Uniti d’America».
Cosa ci faccio in Ohio?
Un passo indietro: prima di ubriacarmi marcio, alla mia astronave non ho chiesto né ordinato nulla. Ma durante la sbronza, invece? Probabilmente sì. E magari si tratta di una cazzata per la quale non vale la pena sprecare del tempo. Però sono curioso e così domando alla Voidorstest quale ordine abbia ricevuto prima che le chiedessi “dove siamo”. La nave dice che le ho chiesto di portarmi dove si trova il cuore di GG. Interessante. A questo punto le domando se, per caso, mentre ero controllato dalla vodka, io non abbia innescato la Leva del Caos. La Voidorstest risponde di no.
Spero che a Westlake facciano un caffè decente.

Nazismo o Fina(n)zismo? | NAZIONE OSCURA CAOTICA


Sul blog della NazioneOscura una citazione di Franco Bifo che s’interroga – anche lui – sul momento sociopolitico attuale, con un lucido respiro europeo e mondiale, citando forse le forze oscure di qualche Grande Antico che era dietro, probabilmente, anche al Nazismo. Che sembra riproporsi, come i peperoni, e intanto l’ombra della RACHE si allunga terrificante sul nostro prossimo futuro.

“Comunque vada a finire l’imbarazzante spettacolo della terza repubblica, netta è la sensazione che la svolta italiana del 4 marzo, oltre a seppellire per sempre la sinistra liberista, sia il colpo definitivo all’ordine globalista e alla democrazia liberale. Cosa accadrà nei prossimi mesi in Italia lo vedremo, ma intanto siamo entrati definitivamente nell’epoca del dopo. Le sparpagliate truppe democratiche si azzuffano tra di loro e pateticamente si illudono che la loro democrazia ritornerà: ma il vecchio ordine liberal-democratico è andato, e il nuovo ordine è questo. Il risentimento della società impoverita e umiliata si esprimerà a lungo nella forma della vendetta nazionalista. Anche se la vendetta nazionalista non smonterà l’automa finanziario.
Come definire il nuovo ordine? La parola “populista” mescola la rabbia sociale di coloro che hanno un salario decurtato dalle politiche liberiste, e il nazionalismo aggressivo che nasce dall’umiliazione inflitta dalla gabbia finanziaria. Queste due questioni vanno distinte. La parola populismo è un pudico eufemismo storicamente impreciso.
Il nome tecnico di quel che sta accadendo in tutto l’Occidente è: nazional-socialismo. Non è una parola nuova? Lo so e me ne dispiace, ma questo è quello che passa il convento. Lo stesso nome per lo stesso fatto, per la stessa dinamica sociale, e probabilmente anche per lo stesso esito. Ma questo lo vedremo.
Intanto facciamoci alcune domande: riuscirà la diarchia dove fallì Syriza nel 2015? Riusciranno Salvini e Di Maio a rompere la gabbia del capitalismo finanziario cui Tsipras dovette piegarsi pur avendo il 62% dei voti al referendum di luglio? Tsipras, che piaccia o no, (a me non piacque) si comportò da persona responsabile. Tentò di proteggere il suo popolo dalla violenza predatoria del sistema finanziario. Che poi ci sia riuscito è un altro discorso, ma fu costretto a piegarsi al volere del più forte.
Salvini non avrà gli stessi scrupoli, anche perché lui sa bene di avere il coltello dalla parte del manico. L’Italia ha un peso economico e politico di gran lunga superiore alla Grecia, e tra il 2015 al 2018 l’Unione Europea si è ridotta a un cadavere di cui resta solo lo scheletro: la governance finanziaria, il sistema di automatismi che hanno depredato la società riducendo i salari, precarizzando il lavoro, abbattendo strutture dello stato sociale. L’Unione Europea è una finzione, un organismo politico che non può decidere niente, un castello di interdizioni reciproche: i nordici interdicono ulteriori cessioni di sovranità, i Visegrad interdicono la redistribuzione dei pochi migranti che arrivano sulle coste del sud. Ma il paradosso europeo consiste proprio nel fatto che, per quanto l’Europa non esista più, nessuno può liberarsi dall’euro e dal sistema di obblighi che esso comporta, chiamato Fiscal Compact e inserito nella Costituzione con un atto di violenza criminale.
Ma perché l’Italia dovrebbe pagare il suo debito ora se negli ultimi dieci anni l’ammontare del debito è aumentato in maniera astronomica proprio perché gli italiani hanno accettato di pagarlo? L’avevamo capito fin dal principio: se paghiamo il debito il debito crescerà, perché l’anno prossimo la produzione si sarà ridotta e l’imponibile si sarà ridotto di conseguenza, e dovremo aumentare il debito per poterlo pagare. Ma la sinistra liberista non ha voluto ascoltare ragioni, ci ha portati a questo punto e ora finalmente scompare.
E poi?
E poi ne riparliamo domani.”

27-5-’18

Halt – Carmilla on line


Il post del lunedì di Alessandra Daniele. Che segnala le evidenze fin troppo chiare di un universo di economia e di nullità contigue alle forze oscure disincarnate: votare è inutile. Su CarmillaOnLine.

Ce l’avevano messa tutta per accontentare l’establishment.
Un programma reazionario e cazzaro, vari ministri tecnici, addirittura un premier di area PD.
La Lega aveva l’imprimatur di Berlusconi, il Movimento 5 Stelle s’era rimangiato quasi tutti i suoi principi.
Ce l’avevano messa davvero tutta, ma all’establishment UE non è bastato.
Ed è arrivato l’altolà al governo Grilloverde.
L’Italia non è un paese “a sovranità limitata”, è un paese senza sovranità.
Votare è completamente inutile, e la cosa non è mai stata così chiara. E pericolosa.
Fascioleghisti e grillini cavalcano la tigre, sperando che li porti alla maggioranza assoluta, in particolare Salvini s’aspetta di stravincere le prossime elezioni. Eppure dovrebbe averlo capito che vincere le elezioni non serve a niente.
La UE non transige. Non c’è più spazio per una democrazia, nemmeno simulata, non c’è più spazio nemmeno per giocare alla democrazia.
Stavolta il Carnevale è finito prima di cominciare. Arriva Cottarelli mani di forbice, per l’ennesimo Governo Tecnico già pronto in frigo da tempo:

Un altro esecutivo formato da tecnici che nessuno ha votato, sostenuto da partiti che hanno perso le elezioni, e presieduto da una personalità istituzionale che sta sul cazzo anche alla sua famiglia. Come ha detto Mario Draghi, in Italia c’è ancora il pilota automatico.
I Blattopardi – 4 febbraio 2018

Intanto la Dottrina Minniti continua a fare morti. Sabato una quindicina, massacrati dalle milizie libiche mentre tentavano di scappare da uno dei lager finanziati dall’Italia, e altri annegati durante la traversata su gommoni di fortuna.
E continua la strage quotidiana degli operai, morti sul lavoro. Mentre Mattarella, fra gli applausi di Merkel e Macron, prepara l’ennesimo governo-sicario della finanza, sostenuto dai soliti sicari Democatici, dalla minaccia del Sacro Spread, e dalla promessa rimandata di ennesime elezioni completamente inutili.
Siamo prigionieri in questo loop da troppo tempo.
Il sistema rischia di bruciare.
Halt and Catch Fire. Se ne esce solo con un Reset.

Mareducata

Chi volete che io sia?

The Nefilim

Fields Of The Nephilim

AppartenendoMI

Ero roba Tua

AERIA VIRTUS

"L'unico uccello che osa beccare un'aquila è il corvo. Si siede sulla schiena e ne morde il collo. Tuttavia l'aquila non risponde, nè lotta con il corvo, non spreca tempo nè energia. Semplicemente apre le sue ali e inizia ad alzarsi piu'in alto nei cieli. Piu' alto è il volo, piu' è difficile respirare per il corvo che cade per mancanza di ossigeno".

ONLINE GRAPHIC DESIGN MARKET

An Online Design Making Site

Sanguinarie Principesse

E del viaggio nulla mi resta se non quella nostalgia. (N. Hikmet)

Cavallette neanche tanto Criptiche

Tesla Afterburner and the Infinite Sadness

CARTESENSIBILI

Colui che non riesce a trovare spazio per gli altri manca di comprensione, e a chi manca di comprensione tutti risultano estranei.- Zhuāngzǐ

ADESSO-DOPO

SCIVOLO.

Unclearer

Enjoyable Information. Focused or Not.

Free Trip Downl Hop Music Blog

Free listening and free download (mp3) chill and down tempo music (album compilation ep single) for free (usually name your price). Full merged styles: trip-hop electro chill-hop instrumental hip-hop ambient lo-fi boombap beatmaking turntablism indie psy dub step d'n'b reggae wave sainte-pop rock alternative cinematic organic classical world jazz soul groove funk balkan .... Discover lots of underground and emerging artists from around the world.

boudoir77

"Scrivete quel che volete scrivere, questo è ciò che conta; e se conti per secoli o per ore, nessuno può dirlo." Faccio mio l'insegnamento di Virginia Woolf rifugiandomi in una "stanza", un posto intimo dove dar libero sfogo - attraverso la scrittura - alle mie suggestioni culturali, riflessioni e libere associazioni.

MITOLOGIA ELFICA

Storie e Leggende dal Nascondiglio

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Luke Atkins

Film, Music, and Television Critic

Giuseppe Travaglini

Musica, cinema e altro

STAMPO SOCIALE

Rivista di coscienza collettiva

La Ragazza con la Valigia

Racconti di viaggi e di emozioni.

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

TRIBUNUS

Duemila anni di Storia Romana

Dreams of Dark Angels

The blog of fantasy writer Storm Constantine

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

HORROR CULTURA

Letteratura, cinema, storia dell'horror

Oui Magazine

DI JESSICA MARTINO E MARIANNA PIZZIPAOLO

Eleonora Zaupa • Writer Space

Una finestra per un altro mondo. Un mondo che vi farà sognare, oppure...

Through the Wormhole

“Siamo l’esperimento di controllo, il pianeta cui nessuno si è interessato, il luogo dove nessuno è mai intervenuto. Un mondo di calibratura decaduto. (…) La Terra è un argomento di lezione per gli apprendisti dei.” Carl Sagan

AI MARGINI DEL CAOS

un blog di Franco Ricciardiello

Tra Racconto e Realtà

Guardati intorno

Roccioletti

Arte altra e altrove.

Sharing

NEUTRALIZE THE FREE RADICALS

Novo Scriptorium

ἀνθρώποισι πᾶσι μέτεστι γινώσκειν ἑωυτοὺς καὶ σωφρονεῖν.

Arte Macabra

per gli amanti del macabro e del grottesco nell'arte moderna

CineFatti

Almeno un film al giorno, come il caffè.

Alessandro Rolfini

ESPLORA L’AVVENTURA

Pmespeak's Blog

Remember! Once warmth was without fire.

L'edera

e le altre poesie in ordine sparso by MerMer

anche-ombre

percorsi ombreggiati, riflessioni esauste, alcooliche, liberatorie

Giacomo Ferraiuolo

Avevo un sogno e l'ho realizzato.

- GIORNALE POP -

Per informarsi su fumetti, film, serie tv, cartoni, musica e tutto ciò che è pop

Inchiostro e Sanguenero

È impossibile non comunicare. (Primo assioma della comunicazione. Scuola di Palo Alto)

Stregherie

“Quando siamo calmi e pieni di saggezza, ci accorgiamo che solo le cose nobili e grandi hanno un’esistenza assoluta e duratura, mentre le piccole paure e i piccoli pensieri sono solo l’ombra della realtà.” (H. D. Thoreau)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: